lafucina.it
Società

Ubriaco? Ecco la pillola sostitutiva

La strana ricerca di uno studioso britannico

Pubblicato il 03/01/2013 da La Fucina

Solo il 'meglio' dell'ubriachezza. Poter godere di quelle piacevoli sensazioni che dà l'ebbrezza senza incorrere nei pericoli, di mettersi alla guida dopo aver consumato alcol per esempio, o nei fastidiosissimi disturbi del 'dopo sbronza' che fanno maledire quell'ultimo bicchiere. Adesso si può. O si potrebbe, secondo uno studioso britannico di psicofarmacologia, David Nutt, che ritiene di aver individuato l'antidoto che permette di cancellare gli effetti collaterali dell'ubriachezza. Quello di cui Nutt ha bisogno però sono fondi per sviluppare la sua ricerca e per questo si rivolge al governo, sollecitandolo a considerare quanto il sistema sanitario risparmierebbe sulle cure per malattie causate dall'abuso di alcol. Il professor Nutt, che nel cui curriculum annovera collaborazioni con i maggiori istituti universitari britannici tra cui l'Imperial College e le università di Oxford e Cambridge, sostiene di aver sintetizzato una sostanza che praticamente mima l'effetto dell'alcol ma non provoca i disturbi di una sbronza e ne annulla i rischi per la salute. PILLOLA SOSTITUTIVA Così come è convinto che una tale sostanza, assunta magari sottoforma di pillola dopo aver bevuto, funga da 'antidotò bloccando gli effetti dannosi. Nutt, intervistato da Bbc radio e citato oggi dalla stampa britannica, dice di aver sperimentato il tutto in prima persona ed è convinto che si tratta di una rivoluzione il cui impatto potrebbe essere pari a quello della sigaretta elettronica per i fumatori. Lo scienziato riferisce inoltre di essersi rivolto al settore della produzione di alcolici nella ricerca di fondi per finanziare i suoi studi e sperimentazioni ma di non aver raccolto una reazione positiva, cosa che non lo sorprende. Nutt insiste che sarebbe compito del governo finanziare quella che lui definisce una «rivoluzione». Anche se in passato ha già lavorato con agenzie ed enti governativi, suscitando non poche perplessità con le sue teorie quantomeno bizzarre. David Nutt infatti non è nuovo a dichiarazioni shock, come quella, lo scorso aprile, secondo cui la crisi economica che ha colpito il mondo negli ultimi anni sarebbe stata provocata dai troppi banchieri cocainomani. L'uso della sostanza, secondo il controverso scienziato, avrebbe spinto molti manager e broker ad avere un'eccessiva fiducia in se stessi e a prendere decisioni azzardate in condizione di euforia. In precedenza, Nutt aveva sostenuto che alcol e tabacco sono più pericolosi dell'Lsd, dell'ecstasy e della cannabis. (leggo.it)-------------------------BARBARA D'URSO E LA SUA LEZIONE DI PILATES: GUARDA IL VIDEO





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Ritirati lotti di Salsiccia Sarda Campidanese

Il Gruppo Auchan l'ha richiamata a titolo precauzionale e volontario

Oms, misure contro tabacco per 63% popolazione mondiale

Numeri in crescita, ma industria interferisce con politiche

Vaccini, Senato approva decreto

Con 171 sì, 63 no e 19 astenuti

Via libera Ue a riduzione sostanza cancerogena acrilammide in fritture

Ma no limiti vincolanti. Si trova in patatine, caffè e prodotti forno

I 10 benefici dell’anguria

Scopri quanti effetti benefici ha l'anguria, il frutto dell'estate

Il sonnellino dura più di un’ora? Rischi il diabete di tipo 2

Studio giapponese presentato a Monaco, ma esperti Gb lo confutano

Da nuova classe farmaci speranze anche per Diabete tipo 1

Purrello (Sid), bloccare glucagone può avere un impatto clinico

Charlie, Parlamento Usa gli concede cittadinanza così potrà essere curato in America

L'incontro di ieri con gli esperti non aveva convinto i medici inglesi

Spossatezza, crampi fino al collasso tra gli effetti del troppo caldo

Esperti, importanti alimentazione 'multicolor' e idratazione

I cibi anti-età che fanno sparire le rughe

Il mal di testa si può curare anche con gli impulsi elettrici

Studio italiano dimostra efficacia neurostimolazione

Tumore vescica, fumo principale fattore rischio

78% italiani non sa che si può prevenire, 37% non ne ha mai sentito parlare

Dieta mediterranea, alleato nei pazienti oncologici

Libro consiglia alimenti e ricette di supporto alle cure

Istamina nel tonno, ritirato il tonno in scatola all’olio di girasole Algarve

Potrebbe provocare la sindrome sgombroide

Ministero Salute, anomalie su 1% cibi e bevande controllate

Dati 2016, infrazioni sul 25% di impianti e mezzi di trasporto