lafucina.it
Politica

Flop M5S? Travaglio sbugiarda i giornali

Editoriale al vetriolo del vicedirettore del "Fatto"

Pubblicato il 29/05/2013 da La Fucina

Con un editoriale al vetriolo sul Fatto di oggi, Marco Travaglio sbugiarda i titoli dei giornali sul risultato elettorale. Ve lo proponiamo:Chi ha visto i tg e i talk di lunedì e ha letto i giornali di ieri s'è fatto l'idea che gli italiani, improvvisamente impazziti tre mesi fa quando andarono in massa a votare Grillo, siano prontamente rinsaviti precipitandosi a premiare il Pd e le sue larghe intese col Pdl. A parte una quota crescente di elettori che, in preda a una non meglio precisata "disaffezione" o "distacco" dalla politica, è rimasta a casa. Corriere : "Vince l'astensione, perde Grillo, sale il Pd". Repubblica : "La rivincita del Pd, crolla Grillo". La Stampa: "Fuga dal voto, flop dei grillini, il Pd risale". L'Unità: "Avanti centrosinistra", "La spinta per ripartire". Libero : "La tenuta del Pd allunga la vita al governo Letta". Poi uno legge i numeri e scopre che non ha perso solo Grillo. Han perso tutti. Chi molto, chi moltissimo. Prendiamo Roma. Alle ultime comunali del 2008, quando Alemanno batté Rutelli al ballottaggio, il Pd prese 520.723 voti (34,04%) e il Pdl 559.559 (36,57%). L'altroieri il Pd s'è fermato a 267.605 (26,26%) e il Pdl a 195.749 (19.21%). Cioè: il Pd ha perso 295.160 voti (-43%) e il Pdl 457.935 (-65%). Ma, si dirà, era un altro mondo: i neonati 5Stelle si fermarono al 2%. Bene. Allora vediamo le politiche di febbraio 2013. A Roma il Pd raccolse 458.637 voti (28,66%) e il Pdl 299.568 (18,72%). Cioè: in tre mesi il Pd ha perso per strada 191.032 voti (-41%) e il Pdl 103.819 (-34%). Che senso ha dire che il Pd "sale", o "avanza", o "tiene", o "risale" o addirittura ottiene la "rivincita", quando nei comuni capoluogo perde il 38% dei voti in tre mesi? Sappiamo bene che, nelle comunali, conta arrivare primi. Ma questo varrebbe anche se la prossima volta i votanti fossero tre, e due scegliessero il Pd e uno il Pdl: sarebbe questa una vittoria, una salita, una risalita, una rivincita, una tenuta, un'avanzata, una spinta? Ma ecco l'angolo del buonumore, cioè il Giornale. Titolo: "Il voto non preoccupa il Cav: il governo rimane al sicuro". Svolgimento: "Che avrebbe dovuto pagare un piccolo pedaggio alle larghe intese, il Cavaliere l'aveva messo in conto". Piccolo pedaggio? Perdere due terzi dei voti a Roma in cinque anni e un terzo in tre mesi è un "piccolo pedaggio"? E l'estinzione allora che cos'è, un medio pedaggio? Sallusti News parla anche di "flop dell'antipolitica": il 50% fra astenuti e grilli non gli basta, comincerà ad accorgersene dal 90% in su. Il meglio però lo danno gli aruspici delle larghe intese, intenti a leggere i fondi di caffè per saggiare la magnifiche sorti e progressive dell'inciucio. Enrico Letta non ha dubbi: "Ha vinto il governo delle larghe intese, nessun premio alle forze di opposizione. Dicevano che il cosiddetto inciucio doveva portare Grillo all'80%: si sbagliavano, al ballottaggio vanno solo candidati del Pd e del Pdl". Il Genio Nipote non s'è neppure accorto che i protagonisti delle larghe intese, Pd e Pdl, han perso almeno un milione di voti su sette in tre mesi (di Monti è inutile dire: non pervenuto). E non lo sfiora neppure l'idea che Pd e Pdl vadano al ballottaggio proprio perché si presentano l'un contro l'altro armati, non affratellati in un'unica lista, secondo uno schema che è l'esatto opposto delle larghe intese. Ma sentite l'acuto Epifani: "La gente ha capito che questo governo non è un inciucio, ma un servizio al Paese". Forse non sa che Marino è uno dei pochi pidini che han votato contro il governo Letta. O forse pensa davvero che a Isola Capo Rizzuto i pochi elettori superstiti, mentre si trascinavano ai seggi, si interrogassero pensosi sui destini delle larghe intese. Ma sì, dai, non è successo niente, anzi è tornato tutto come prima. A parte un filo di "disaffezione", ecco. Questi, quando vedranno i primi i forconi, esulteranno fischiettando: "Visto? Stiamo rilanciando l'agricoltura". Ps. A Sulmona va al ballottaggio, secondo classificato col 21,8%, l'ingegner Fulvio Di Benedetto, della coalizione civica Sulmona Unita. Il quale, purtroppo, è morto 15 giorni fa. Un altro ottimo auspicio per le larghe intese.Marco TravaglioDa Il Fatto Quotidiano del 29/05/2013.





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Rischio salmonella nel cibo per cani

Ecco qual è il cibo ritirato

Cambiare ordine alimenti per abbassare glicemia, chiave dieta

No a conteggio delle calorie, fondamentale tenere d'occhio fegato

Nell’orzo il segreto contro obesità, depressione e demenza

Cereale contiene molecola che favorisce i geni protettivi

Un cerotto potrà riparare il cuore dopo l’infarto

Si applica e ripristina il ritmo cardiaco

Aids: ogni 2 minuti un giovane si contagia

Previsto boom di casi, +60% nel 2030 fra adolescenti

Fumo,mai troppo tardi per smettere,riduce rischio morte

70enni fumatori pericolo triplo di morire prematuramente

Pezzi di vetro nello stracchino Granarolo: ritirato da Auchan e Simply

Auchan e Simply hanno richiamato le confezioni da 170 grammi

Salame Auchan ritirato: potenzialmente pericoloso per la salute

I prodotti alimentari sono stati ritirati dagli store Auchan per 'allerta microbiologica'

Aviaria: il virus è di nuovo in Europa

La Svezia stermina 200.000 polli per nuovi casi d’influenza aviaria

Col gelato a colazione cervello ‘si sveglia’, più scattante

Diviene più reattivo e più veloce nella elaborazione dati

Caffè in capsule potenziale veicolo di ftalati

Potrebbe rappresentare un rischio per la nostra salute

Tutte le ricette del corso di cucina “Prevenzione a tavola”

In esclusiva una carrellata di tutte le ricette che troverete nel corso

Gli scienziati: “Basta bugie su Babbo Natale”

Per gli esperti mentire ai bimbi è sbagliato

Aiutaci a diffondere la cultura della prevenzione a tavola

Diventa un nostro affiliato e promuovi l'alimentazione consapevole

Tumori: ogni anno 800mila italiani cambiano regione per curarsi

Dati preoccupanti diffusi dall'Associazione italiana di oncologia medica