lafucina.it
Società

Travaglio ricorda così Franca Rame

Il vicedirettore del Fatto racconta episodi inediti della vita dell'amica Franca

Pubblicato il 30/05/2013 da La Fucina

Marco Travaglio, con l'editoriale odierno sul Fatto Quotidiano, racconta episodi inediti su Franca Rame. Un pezzo da leggere tutto d'un fiato. Eccolo:Da quando l'ho conosciuta io, cioè da almeno quindici anni, è sempre stata moribonda. Bella - perché era tanto bella, la più bella - e moribonda. "Maaarco, sto maaalissiiiiimo...", ogni sua telefonata si apriva così. Poi partiva uno sfavillìo di battute, idee, progetti, commenti sull'ultimo articolo o l'ultima puntata di Servizio Pubblico, suggerimenti da farci un giornale intero. "Francuccia, non mi pare che tu stia poi così male". "Ma va là, tu non puoi capire, sto sempre a letto. O muoio da me o trovo qualcuno che mi ammazzi. A proposito, tu che sei il diavolo conosci mica un killer?". Una volta era la pressione (sempre bassa, bassissima), una volta la depressione, una volta l'ischemia, una volta l'aritmia, una volta la respirazione, una volta la vertebra schiacciata, una volta il prurito, insomma non ho mai conosciuto una moribonda più in salute di lei.La prima volta fu a Palermo, a un dibattito su mafia e giustizia. Non ci eravamo mai visti prima. Lei insultò Leonardo Marino, il pentito del delitto Calabresi, io intervenni a difenderlo. Lei non replicò. Alle due di notte rientravo in albergo, e mi sentii toccare una spalla: "Lei, signorino, è quello che oggi mi ha contraddetta su Marino?". "Sì e se vuole le spiego perché". Tre ore di accanito dibattito sul divanetto della reception, Dario intanto era passato e salito, augurandoci la buona notte. Non la convinsi io, non mi convinse lei. Però alla fine, barcollando verso la camera, esalò: "Vabbè, per me Sofri è innocente perché lo dico io. Ma, siccome scrive sul Foglio, forse un po' di galera se l'è meritata. E adesso vado a letto perché sono le cinque e io sto malissimo".NEL MARZO 2001 vado a presentare L'odore dei soldi su Rai2, al Satyricon di Daniele Luttazzi. Succede il finimondo. L'indomani mattina il primo squillo sul telefonino è di Franca. "Maaarco, erano anni che non avevo un orgaaasmo!". Un'altra volta presentò il mio libro su Montanelli, con cui lei e Dario avevano avuto scontri epici negli anni 70. Eccola lì in prima fila, maestosa, smagliante e fiera, accanto a Dario, al Circolo della Stampa di Milano. "Che ci fai qui, Francuccia?". "Non dirlo a nessuno, ma Montanelli era bellissimo". La prima dell'ultima pièce scritta con Dario, L'anomalo bicefalo, su Berlusconi e Putin. "Marco, alla fine sul palco voglio organizzare un dibattito sul lodo Schifani, invitiamo qualche giudice?". "Se vuoi provo con Armando Spataro". E così, dopo gli applausi finali, Spataro e io la raggiungiamo in camerino. Il magistrato fa il baciamano e i complimenti. Lei lo fissa: "Ma io a lei la conosco". "Può darsi". "Ma sì, lei è quello che voleva arrestare mio figlio negli anni 70!". "Arrestare proprio no, però insomma, mi occupavo anche di gruppi extraparlamentari...". Tutti e due se la ridono di gusto. E lei: "Guarda te i miracoli che fa Berlusconi. Ma chi me lo doveva dire che sarei passata dalla parte dei magistrati".NEL 2006, sarà stato febbraio, lei mi chiama con la solita voce dall'oltretomba. Io la prendo in giro, ormai è un gioco: "Francuccia, stai morendo o sei già morta?". "Peggio, peggio". "Cosa?". "C'è qui Di Pietro che vuole candidarmi al Senato". "E allora?". "E allora non so cosa dire. Nessuno mi aveva mai candidata al Senato. Dario dice che è meglio di no, Jacopo che è meglio di sì, così mi levo dai coglioni. Siamo uno a uno. Decidi tu". "Direi di sì: vuoi mettere la scena madre di te che muori in pieno Senato?". "Hai ragione, accetto". Qualche tempo dopo la incontro a Fiumicino, già senatrice, ringiovanita di vent'anni, dritta come un fuso, bella come un fiore. È tampinata da Calderoli, che si profonde in salamelecchi: senatrice di qua, senatrice di là. "Franca, vieni in taxi con me?". "No, approfitto del passaggio di Calderoli, lui è vicepresidente e lo vengono a prendere". Mi chiama un'ora dopo: "Maaarco, guai a te se dici a qualcuno quello che hai visto. Tu non ci crederai, ma il Calderoli è sempre così gentile, mi corteggia, mi fa anche il baciamano. Se i suoi elettori sapessero com'è davvero, non lo voterebbero più". "Ma neanche te i tuoi, Franca". "Ecco, appunto. Zitto". Due anni fa torna a teatro dopo un bel po', col Mistero buffo al fianco di Dario. Un salutino in camerino, prima che entri in scena. "Maaarco, sto malissimo, mi sa che stasera svengo sul palco". In effetti è pallida, si regge in piedi a stento, gli occhi persi dietro le lenti a fondo di bicchiere, sempre bellissima, ma di carta velina. Quando tocca a lei, però, è un'altra. Sicura, altera, avanza a grandi falcate, in gran forma come Totò che sui legni del palcoscenico ritrovava persino la vista, attacca col monologo di Maria sotto la Croce e incanta tutti. Dario se la bacia tutta dietro la quinta."Da quando è nato il Fatto, ho di nuovo il mio giornale. Posso mandarvi delle cosette?". E quante ne ha mandate, di "cosette". Lettere aperte, articoli, racconti, appelli da far firmare ai lettori, proposte di intervista, post per il suo blog, campagne contro gli sprechi della casta, le spese militari, gli inciuci, per i familiari dei soldati morti di uranio impoverito, per quella sinistra a cui ha dato tutto senza riceverne nulla, l'ultimo per Rodotà. Aveva quasi finito un libro sulle sue memorie di un anno e mezzo in Senato: "Non vedo l'ora di fartelo leggere. Lì c'è tutta l'inutilità del Parlamento. Ti guardano, ti sentono, ma non ti ascoltano. Una volta ho fatto un esperimento con un collega senatore: gli ho detto che avevo nella mia valigia un cadavere e che all'aeroporto stavano per scoprirmi perché un dito era uscito dalla cerniera lampo. Sai cosa mi ha risposto, guardandomi in trasparenza come tutti? 'Ah sì, ne parliamo nella riunione di gruppo'...".Da una delle ultime mail: "Caro Marco, mi sto esaltando... una pagina del Fatto tutta per me. Grazie! Grazie! Da un po' di tempo non mi faccio sentire con congratulazioni, ma dopo l'ischemia faccio fatica a riprendermi. Ho, come dico sempre, tanti anni e quindi accetto serena ciò che mi sta capitando. Verrà l'estate e andrà meglio, speriamo. Aspettiamo giovedì sera con allegria e tensione... Nella puntata ultima guardavo la tua faccia onesta, e per la prima volta ho realizzato che i tuoi capelli si stanno ingrigendo. Mi ha fatto una gran tenerezza e ho sentito il bene che ti voglio come fossi della mia famiglia. Un abbraccio grande, franca. Ps. Ti allego un altro racconto un po' imbarazzata".Marco TravaglioDa Il Fatto Quotidiano del 30/05/2013.





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Penne rigate Combino richiamate da Lidl e dal produttore

“Pasta Zara”, per possibile presenza di tracce di soia. Rischio per gli allergici

Pediatri Usa, stop ai succhi di frutta sotto l’anno età

Non sono un buon sostituto della frutta fresca e servono solo a consumare più zucchero e calorie

Torna la pasta da grani antichi, +250 volte in 20 anni

Nel 2017 record 2,5 mln di kg per lo storico 'senatore' Cappelli

Scagionato il Viagra, assumere la pillola blu non provoca melanoma

Studio dei ricercatori della New York University, l'aumento dei casi dipende da un maggior numero di diagnosi

Le sigarette light? Sono più pericolose di quelle normali

Associate all’aumento di adenocarcinoma, comune tumore al polmone

L’esercizio fisico è un’arma contro 22 malattie, dal diabete 2 all’Alzheimer

Studio finlandese, sicuro anche per chi soffre di malattie croniche

Chirurgia, “troppi esami inutili prima degli interventi”

Indagini che fanno crescere i costi e rischi inutilmente

Nuovo magazzino per le albicocche tra più grandi Europa

Nuovo stabilimento Albisole (Forlì-Cesena)

Le ciliegie elisir per sportivi e contro le patologie infiammatorie

Ricche in polifenoli e antociani, sostanze antiossidanti e antinfiammatorie

Trasformatori carne Ue, no a “mortadella vegan”

Organizzazione Clitravi a Commissione Ue, fare chiarezza su nomi

Addio flop a letto, arriva in farmacia il ‘francobollo dell’amore’

Da mettere sotto la lingua in grado di evitare le brutte figure sotto le lenzuola

Contro cellulite depurarsi per restituire ossigeno a cellule

L'80% delle donne con cellulite farebbe qualsiasi cosa per eliminarla

Malattie della tiroide, identificato bersaglio per terapie innovative

Uno studio pubblicato su EMBO Molecular Medicine

Ritirate le crostatine al cacao e albicocca per rischio microbiologico

Contaminazione non omogenea da miceti

Vaccini, via libera a decreto su obbligo a scuola

Introduce l’obbligatorietà delle vaccinazioni per l’accesso alla scuola