lafucina.it
Società

L’uomo che corre senza mai dormire

Tre giorni e tre notti senza fermarsi

Pubblicato il 31/08/2013 da La Fucina

Si dice che ogni atleta abbia un limite. Non Dean Karnazes, il maratoneta in grado di correre per tre giorni e tre notti senza mai fermarsi. Scientificamente il limite umano della fatica dipende dalla produzione di acido lattico prodotto dal nostro corpo dopo un lungo esercizio. Chi non ha mai sperimentato affaticamento, dolori ai muscoli dopo una sedutra di allenamento? Non Dean, il supercorridore della California che sembra essere in grado di correre in eterno. Pur avendo partecipato a gare estreme (come la maratona al Polo Sud a 25 gradi sotto zero), Karnazes non ha mai avuto un crampo, anche dopo aver percorso 160 chilometri. Il suo limite sta solo nella sua testa. "A un certo grado di intensità ho come la sensazione che potrei andare a vanti a correre senza stancarmi", ha detto al Guardian. "Non importa che tipo di sforzo faccio, i miei muscoli non si bloccano mai. Ho corso per tre giorni di seguito senza dormire. Ho anche provato sedute di sleep running, durante le quali mi addormentavo in movimento".Karnazes ha realizzato di essere diverso dagli altri altelti durante la preparazione di 50 maratone in 50 giorni attorno gli Usa nel 2006. Allora si è rivolto a un centro del Colorado dove è stato sottoposto ad esami accuarti. I medici hanno così scoperto la sua straordinaria soglia anaerobica. Questa soglia rappresenta il punto di demarcazione fra esercizio moderato ed intenso: oltre questo punto la produzione di anidride carbonica, la ventilazione e il livello di acido lattico prodotto crescono rapidamente. Non nel corpo di Dean che ha una produzione di acido lattico decisamente sotto la media. Il suo corpo è inoltre in grado di trasformare quell'acido lattico in energia da usare durante lo sforzo fisico.La genetica sembra quindi aver aiutato questo corridore. Eppure Karnazes crede che la sua abilità sia dovuta anche alla bassa quantità di grasso del suo corpo, un basso livello di sudorazione, una dieta alcalina e una bassa esposizione alle tossine. Uno stile di vita che lo ha aiutato a diventare una sorta di "Forrest Gump" moderno. Resta da capire se le sue capacità si siano sviluppate anche perchè in giovane età ha avuto una costante attività fisica. "Sarebbe interessante", dicono gli scienziati "fare delle analisi al fratello di Dean, un giocatore di pallavolo che non ha mai corso da piccolo". Allora si scoprirebbe se il "dono" della corsa è stato riservato solo a lui o anche alla sua famiglia. (TgCOM)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Allerta alimentare del Ministero Salute: non consumare il Tramezzino R RIVA

Possibile presenza di Listeria

La carne che gli italiani comprano è sempre meno

Osservatorio consumi, meno carne ma di qualità, maiale al top

Scuola: Bologna, in due istituti si mangerà prima secondo

Per incrementare consumo verdura. Dal 3/4 coinvolti 350 bambini

Cibi ‘a basso contenuto di..’ possono ingannare

Studio Usa su 80 milioni di prodotti, non sempre salutari

I figli delle mamme 30-40enni hanno meno difficoltà emotive e sociali

Sgridano e puniscono meno i loro bambini. Il vantaggio declina dopo i 15 di età

Lo stile di vita protegge cuore e arterie

Nuove conferme da un nuovo studio pubblicato su The Lancet

Di notte al bagno? Troppo sale nella dieta

Studio presentato dai ricercatori giapponesi dell'Università di Nagasaki

Insulina spray nasale contro l’Alzheimer,al via test clinici

Studio Sniff,ormone potrebbe ripristinare memoria e cognizione

Farmaci: Agenzia Ue sospende 300 generici,studi inaffidabili

Commissione renderà decisione vincolante, in attesa di nuovi dati

Contro il tumore alla vescica primo passo avanti nelle cure dopo 30 anni

Pinto (Aiom), parte ora la seconda 'era' della immunoterapia contro i tumori

Ricerca: alimentazione con più verdure previene malattie

Batteri orali dei sardi di 2 secoli fa svelano segreti longevità

Italia candida cultura tartufo in patrimonio Unesco

Commissione Norcia si è fatta promotore

Magnesio: consumo quotidiano previene cardiopatie, ictus e diabete

Il minerale potrebbe essere responsabile dei benefici della dieta mediterranea

Sapone liquido batte mousse nell’eliminare i germi

Meno efficaci nell'eliminare batteri che possono causare infezioni

Stop import, torna la stagione delle cozze italiane

Da Cnr e coop produttori monitoraggio biologico e sensoriale