lafucina.it
Politica

La democratica e le raccomandazioni

Maria Rita Lorenzetti, presidente di Italferr ed ex presidente PD Umbria, raccomandava gli studenti

Pubblicato il 24/09/2013 da La Fucina

Prendere 30 ad un esame senza preoccuparsi di studiare. È quanto accaduto ad alcuni studenti dell’università di Perugia. Talento naturale? Q.I. altissimo? No, solo una raccomandazione che, stavolta arriva dall’esterno. Infatti, a fare qualche giro di telefonate, era Maria Rita Lorenzetti, ex presidente Pd della Regione Umbria e, all’epoca dei fatti, presidente di Italferr. Ora è agli arresti per associazione a delinquere e corruzione nell'inchiesta sui lavori del passante Tav di Firenze. LO STUDENTE CHE DEVE ARRIVARE PRIMA Ad aiutare la Lorenzetti la sua amica, Gaia Grossi, ordinaria di Chimica generale all'università di Perugia e suo ex assessore alle Politiche sociali alla Regione Umbria. Sarebbe stata proprio quest’ultima ad intercedere presso il rettore dell’Università di Perugia e fare in modo che lo studente superasse brillantemente l’esame. Studente che, stando alle parole dell’ex presidente, non era un figlio di papà, ma solo un ragazzo che frequentava la facoltà di Odontoiatria e che aveva bisogno di aprire velocemente uno studio, ma aveva paura che uno studente più danaroso di lui lo battesse sul tempo. "Noi siamo concrete e pratiche, senza tante seghe – diceva la Lorenzetti alla Grossi - Insomma, questa è l'ansia di chi dice: ‘Io non è che sono figlio di papà, sono uno normale che però sto più avanti di quest'altro, allora vorrei arrivare prima’". RACCOMANDATO, QUESTO SCONOSCIUTO E puntualmente lo studente ce la faceva riuscendo ad accaparrarsi un bel 30 sul libretto. Insomma, dopo lo scandalo della scuola di specializzazione di cardiologia de La Sapienza di Roma, si continua a parlare di raccomandazioni. Ma chi sono questi raccomandati? Sono davvero figli di papà che non hanno voglia di studiare e che vanno avanti con il portafogli dei genitori? Forse, ma non sempre. A dirlo stavolta è uno studente stesso, amico del ragazzo vincitore del concorso pubblico della scuola di cardiologia de La Sapienza perchè accompagnava il prof in macchina: “Il cosiddetto autista del professore – racconta l’universitario – è lo studente con la media più alta del mio corso, una persona davvero in gamba che, emigrata da Lamezia Terme a Roma, indisponibile ad una nuova fuga, è stato costretto a lavorare come uno schiavo in reparto e, quindi, ad abbassarsi al ruolo di autista”. PROF SFRUTTATORI Ma questa non è l’unica storia di sfruttamento dei docenti universitari che conosciamo. Purtroppo le università sono piene di insegnanti che promettono posti in concorsi e posizioni allettanti agli studenti in cambio del loro lavoro non retribuito. Studenti che svolgono ricerche che firmeranno i loro professori, che li sostituiscono ovunque, anche in convention fuori città e senza essere rimborsati e che, pur di farcela a fare il mestiere che hanno sempre sognato e per il quale si sono tanto impegnati, arrivano a fare anche i lavori più umili: pulire lo studio del docente o, per l’appunto, accompagnarlo in auto tutte le mattine. E se gli studenti si ribellano a questo trattamento sono fuori, via. Tanto ce ne sono tanti altri disposti a sgobbare al loro posto. (fonte: TgCOM)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Sapone liquido batte mousse nell’eliminare i germi

Meno efficaci nell'eliminare batteri che possono causare infezioni

Stop import, torna la stagione delle cozze italiane

Da Cnr e coop produttori monitoraggio biologico e sensoriale

Tumori, la maggior parte è dovuta al caso

Nuovo studio sui tumori destinato a far rumore

L’ingrediente segreto dei wurstel

Il video che svela come vengono prodotti

Corsa e salto per rafforzare le ossa degli uomini

Con esercizi di carico benefici dopo 12 mesi 2 volte a settimana

Pomodoro salva-cuore, migliora pressione e riduce colesterolo

I suoi effetti potenziati dall'azione del licopene

“Liberalizzare farmaci fascia C”

Consegnate 170mila firme a istituzioni

Epidemia di occhi secchi, ‘dipendenza digitale’ sotto accusa

Boom di sindromi da tablet, smartphone e pc, al via campagna di prevenzione con visite gratis

Alcuni farmaci abbattono scompenso cardiaco e mortalità

Studio su 365mila pazienti che usavano inibitori dell'SGLT2i

Bere concentrato di mirtilli migliora memoria negli anziani

Bastano 30ml di concentrato al giorno per 12 settimane

Per la prima volta in Italia oltre mille morti in meno per cancro

1.134 morti in meno registrate nel 2013 (176.217) rispetto al 2012 (177.351)

Cosa contengono davvero i succhi di frutta commerciali?

Non è tutto oro quello che luccica: che differenza c’è tra un frutto e un succo di frutta?

Dormi più di 9 ore? Ecco cosa rischi

Un bisogno fisiologico può essere 'spia' di un rischio

I farmaci per abbassare il colesterolo aumentano rischio diabete

Alta probabilità nelle donne anziane che assumono farmaci a base di Statine

Pressione, con lo stile di vita la massima giù di 10 punti

Studio presentato durante il 66° Congresso annuale dell'American College of Cardiology