lafucina.it
Politica

La democratica e le raccomandazioni

Maria Rita Lorenzetti, presidente di Italferr ed ex presidente PD Umbria, raccomandava gli studenti

Pubblicato il 24/09/2013 da La Fucina

Prendere 30 ad un esame senza preoccuparsi di studiare. È quanto accaduto ad alcuni studenti dell’università di Perugia. Talento naturale? Q.I. altissimo? No, solo una raccomandazione che, stavolta arriva dall’esterno. Infatti, a fare qualche giro di telefonate, era Maria Rita Lorenzetti, ex presidente Pd della Regione Umbria e, all’epoca dei fatti, presidente di Italferr. Ora è agli arresti per associazione a delinquere e corruzione nell'inchiesta sui lavori del passante Tav di Firenze. LO STUDENTE CHE DEVE ARRIVARE PRIMA Ad aiutare la Lorenzetti la sua amica, Gaia Grossi, ordinaria di Chimica generale all'università di Perugia e suo ex assessore alle Politiche sociali alla Regione Umbria. Sarebbe stata proprio quest’ultima ad intercedere presso il rettore dell’Università di Perugia e fare in modo che lo studente superasse brillantemente l’esame. Studente che, stando alle parole dell’ex presidente, non era un figlio di papà, ma solo un ragazzo che frequentava la facoltà di Odontoiatria e che aveva bisogno di aprire velocemente uno studio, ma aveva paura che uno studente più danaroso di lui lo battesse sul tempo. "Noi siamo concrete e pratiche, senza tante seghe – diceva la Lorenzetti alla Grossi - Insomma, questa è l'ansia di chi dice: ‘Io non è che sono figlio di papà, sono uno normale che però sto più avanti di quest'altro, allora vorrei arrivare prima’". RACCOMANDATO, QUESTO SCONOSCIUTO E puntualmente lo studente ce la faceva riuscendo ad accaparrarsi un bel 30 sul libretto. Insomma, dopo lo scandalo della scuola di specializzazione di cardiologia de La Sapienza di Roma, si continua a parlare di raccomandazioni. Ma chi sono questi raccomandati? Sono davvero figli di papà che non hanno voglia di studiare e che vanno avanti con il portafogli dei genitori? Forse, ma non sempre. A dirlo stavolta è uno studente stesso, amico del ragazzo vincitore del concorso pubblico della scuola di cardiologia de La Sapienza perchè accompagnava il prof in macchina: “Il cosiddetto autista del professore – racconta l’universitario – è lo studente con la media più alta del mio corso, una persona davvero in gamba che, emigrata da Lamezia Terme a Roma, indisponibile ad una nuova fuga, è stato costretto a lavorare come uno schiavo in reparto e, quindi, ad abbassarsi al ruolo di autista”. PROF SFRUTTATORI Ma questa non è l’unica storia di sfruttamento dei docenti universitari che conosciamo. Purtroppo le università sono piene di insegnanti che promettono posti in concorsi e posizioni allettanti agli studenti in cambio del loro lavoro non retribuito. Studenti che svolgono ricerche che firmeranno i loro professori, che li sostituiscono ovunque, anche in convention fuori città e senza essere rimborsati e che, pur di farcela a fare il mestiere che hanno sempre sognato e per il quale si sono tanto impegnati, arrivano a fare anche i lavori più umili: pulire lo studio del docente o, per l’appunto, accompagnarlo in auto tutte le mattine. E se gli studenti si ribellano a questo trattamento sono fuori, via. Tanto ce ne sono tanti altri disposti a sgobbare al loro posto. (fonte: TgCOM)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Uova contaminate, Ue: “15 Paesi coinvolti, anche l’Italia”

L'Italia figura tra i 15 Paesi ad aver ricevuto uova dalle aziende coinvolte nello scandalo delle uova al Fipronil

Isolato nell’intestino un batterio che ‘cura’ la sclerosi multipla

Verso nuova era della medicina con i 'farma-microbi'

Sos caldo in farmacia: boom integratori e controllo pressione

Gli italiani cercano aiuto in farmacia contro i disagi da caldo

Matcha, il tè verde ricco di antiossidanti

Un articolo apparso su Food Research International ha concluso che potrebbe migliorare anche l'attenzione e la memoria

Scoperta una nuova mutazione genetica che causa l’infertilità maschile

Previene la formazione delle cellule che servono per la produzione dello sperma

Basta poco alcol al giorno per aumentare il rischio di tumori della pelle

Non riguarda il melanoma, l'ipotesi e' che l'etanolo possa impedire la riparazione del Dna

Lo yoga ha effetti positivi sulla depressione

Lo sostengono diversi studi presentati lo scorso 3 agosto a Washington

L’allattamento riduce il rischio di tumore al seno nelle mamme

Ogni cinque mesi in più il rischio è inferiore del 2%

Penny Market richiama lotto di Acqua Monteverde minerale naturale

Possibile presenza di corpi estranei, in particolare di pulviscolo e particelle di natura inorganica inerte

Germania, ritirate dal mercato milioni di uova olandesi contaminate

Milioni di uova provenienti da Olanda e Belgio ritirate dagli scaffali dei supermercati tedeschi

Bere moderatamente vino abbassa il rischio demenza

Ecco i risultati di un imponente studio durato trent'anni

Menopausa, contro l’osteoporosi un aiuto dall’alimentazione

Con l'ingresso in menopausa le donne diventano più esposte al rischio di osteoporosi

Composto nel tè verde protegge da obesità, demenza e diabete

Riduce danni di una dieta occidentale ricca di grassi e zuccheri

Respirare erbicidi e pesticidi aumenta rischio disturbi respiratori

Lo dimostra uno studio pubblicato su Thorax, rivista della British Thoracic Society

Spinaci, cavoli, avocado e uova: la luteina, segreto anti-invecchiamento

Questi alimenti sono ricchi di una sostanza nutritiva chiamata luteina, in grado di aiutare il cervello a restare giovane