lafucina.it
Società

Crisi, in Grecia chiudono le università

Ecco l'effetto delle politiche criminali imposte dall'Europa

Pubblicato il 25/09/2013 da La Fucina

L'Università di Atene chiude i battenti per effetto delle politiche criminali imposte dall'Europa. Qui di seguito il comunicato con il quale viene annunciata la chiusura dell'Istituto ripreso da atenecalling.blogspot.itIl comunicato del Senato Accademico:Il Senato dell’Università Nazionale Capodistriana di Atene (EKPA) nella sua sessione straordinaria di oggi 23 settembre 2013 riscontra:l’ oggettiva e assoluta impossibilità dell’Università di Atene di svolgere le sue funzioni didattiche, di ricerca e amministrative; che l’incomprensibile insistenza del ministero della pubblica istruzione e delle religioni, delle riforme amministrative e dell’e-government in scelte che minano direttamente l’istruzione superiore delle nuove generazioni in Grecia, che sono la sostanziale speranza per superare la crisi sociale e finanziaria nei prossimi anni, non può in nessun modo essere accettata. che i ministeri della pubblica istruzione e delle riforme con calcoli di contabilità infondati e approssimazioni, indegni delle istituzioni responsabili di uno stato civile, e nella più totale opacità, emarginano la prima università del paese e dei Balcani, che offre ininterrottamente dal 1837 un importante contributo per la didattica, la ricerca e la società, contribuendo allo sviluppo del paese. Il Senato, quindi, decide di ricorrere ai tribunali competenti del paese e a quelli europei, sulla base dei suoi diritti costituzionali e delle Convenzioni Internazionali sullo spazio comune nell’istruzione superiore.Il Senato dell’Università Nazionale Capodistriana di Atene informa con mestizia l’opinione pubblica che l’Università di Atene è costretta contro la propria volontà a dover cessare l’immatricolazione di nuovi studenti, lo svolgimento degli appelli, le sessioni di laurea e in generale qualsiasi altra attività accademica e sociale, nonché dell’impossibilità di adempiere ai suoi compiti internazionali.Il Senato infine rivolge una calorosa richiesta a qualunque istituzione competente affinché anche all’ultimo momento vengano sospese le dolorose misure a danno dell’Università di Atene.Atene 23.9.2013Il Senato dell’Università Nazionale Capodistriana di AteneFonte: thepressproject.grTraduzione di Atene CallingL’università EKPA (quella che sarà chiusa) comprende le seguenti facoltà:- pedagogia;- teologia, teologia sociale;- medicina, infermeria, odontoiatria, farmacia;- sport;- giurisprudenza;- biologia, geologia, matematica, fisica, chimica;- storia;- informatica e telecomunicazioni,- scienze della comunicazione, scienze economiche, scienze politiche, studi turchi e orientali, inglese, francese, tedesco, spagnolo, italiano, storia e archeologia, teatro, filologia, studi slavi, filosofia, psicologia, studi musica, filosofia-pedagogia-psicologia.(Informazioni tratte dalla pagina internet di EKPA)L’Università Nazionale e Capodistriana di Atene, fondata nel 1835, la prima università non solo della Grecia ma anche dei Balcani, la seconda più grande del paese, con 32 facoltà sospende qualsiasi attività educativa, di ricerca e amministrativa, come viene riportato sul relativo annuncio del Senato.Il motivo è il seguente: 1349 impiegati amministrativi messi in mobilità da 8 università. Da questa misura vengono colpite le facoltà di Atene (EKPA), il Politecnico di Atene (EMP), l’Università di Economia e Commercio di Atene (ASOEE), l’Università Aristotele di Salonicco (APTH), di Creta, di Tessaglia, di Ioannina e di Patrasso.Inoltre:1) Il Senato del Politecnico di Atene ha deciso la sospensione di qualsiasi attività, fino alla sessione di mercoledì 25.9.13 alle 10:00 per rivalutare la situazione e decidere come proseguire2) Il Senato dell’Università di Ioannina, ha annunciato la sospensione delle sue attività. Il rettorato ha annunciato che non si effettueranno le immatricolazioni dei nuovi studenti.3) Il Senato dell’Università di Creta, ha sospeso le sue attività già dal 20 di settembre. Un nuovo comunicato stampa sarà pubblicato subito dopo la prossima sessione del Senato, prevista per il 25 di settembre4) I membri del consiglio del Dipartimento di Pedagogia dell’Educazione Speciale dell’Università di Tessaglia hanno deciso la sospensione delle sue attività





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

La nuova cura (italiana) che sconfigge il cancro al cervello dei bambini

E' più efficace e meno tossica

Influenza: 3 milioni di italiani a letto, boom di visite mediche

Da inizio stagione. Triplicate consultazioni medici di famiglia

Tutti i benefici della barbabietola rossa

Per il suo colore spesso non viene servita sulle tavole, ma è ricca di proprietà benefiche

Mangiare peperoncino ‘allunga’ la vita

Cala del 13% mortalità per malattie cuore e ictus

Farmaci scaduti e sporcizia: la faccia triste degli ospedali italiani

Ecco il triste scenario delineato dai Nas

‘Superbatterio’ resiste a tutti antibiotici

Allarme per morte donna

Stress lavoro porta all’infarto, per Tar è causa di servizio

Accolto ricorso funzionario polizia della Liguria

Gli amanti della pasta mangiano meglio, hanno diete più sane

Chi la mangia regolarmente assume più nutrienti fondamentali

Donne esposte da bimbe a fumo passivo più a rischio aborto

Associazione se in casa c'erano due o più fumatori

Lorenzin, firma Lea passaggio storico per sanità italiana

Cosa sono i Lea e come si 'misurano'

Scoperto l’interruttore chiave dell’invecchiamento cellulare

Scoperta chiave per controllare processi legati anche all'incidenza dei tumori

Influenza: già otto morti da inizio epidemia, 63 gravi

Metà in Emilia Romagna, in tutti i casi patologie preesistenti

Il 26% degli italiani rinuncia alle cure

la causa: servizi inadeguati e costi troppo salati

Nutrizionista, pasta e fagioli il top dei piatti’antifreddo’

Piretta, ideale l'abbinamento cereali e legumi caldi, ok pesce

Fumo,mai troppo tardi per smettere,riduce rischio morte

70enni fumatori pericolo triplo di morire prematuramente