lafucina.it
Ambiente

La terra viaggia verso un’apocalisse ambientale

Grandi città come New York e Londra potrebbero diventare inabitabili entro 45 anni

Pubblicato il 10/10/2013 da La Fucina

La Terra sta correndo verso un futuro apocalittico, in cui grandi città come New York e Londra potrebbero diventare inabitabili entro 45 anni a causa del cambiamento climatico irreversibile causato dall'uomo.Entro il 2044 il mite clima dell'Italia sarà solo un ricordo, entro 30 anni infatti quelli che definiamo eventi climatici estremi saranno la normalità: è lo scenario previsto dal primo studio che confronta decine di modelli diversi per mettere a punto una mappa mondiale che assegna ad ogni luogo la data 'limite' entro la quale i cambiamenti climatici si trasformeranno in realtà.Il lavoro realizzato da un gruppo internazionale di ricercatori coordinato dall'Università delle Hawaii e pubblicato sulla rivista Nature evidenzia inoltre che le prime aree ad essere travolte dal riscaldamento globale saranno le aree tropicali e i paesi in via di sviluppo, le nazioni meno responsabili dell'emissione dei gas serra.Mentre buona parte degli studi realizzati finora avevano definito scenari globali dei possibili cambiamenti climatici, i ricercatori statunitensi hanno creato una mappa interattiva di tutto il mondo - unendo i risultati di molti modelli - per visualizzare la data entro la quale il clima di ogni luogo cambierà. "Speriamo che con questa mappa - ha spiegato Abby Frazier, uno dei responsabili dello studio - la gente possa capire la progressione dei cambiamenti climatici del luogo dove vivono e di sensibilizzare le persone sull'urgenza di agire".La mappa mostra in modo chiaro come che le prime aree ad essere colpite dai cambiamenti climatici saranno quelle tropicali, come l'Indonesia dove le trasformazioni saranno pienamente visibili entro 10 anni. Sono proprio queste aree, spiega lo studio, a destare le maggiori preoccupazioni sia dal punto di vista ambientale che socio-economico. Le specie tropicali sono infatti considerate meno capaci ad adattarsi ai cambiamenti e l'incredibile rapidità dei cambiamenti in atto nell'area potrebbe portare a uno stravolgimento degli ecosistemi e di conseguenza all'approvvigionamento alimentare di decine di miliardi di persone.Per quanto riguarda l'Italia, lo studio pone il 2044 come data di riferimento entro cui il clima a cui siamo sempre stati abituati sarà ormai dimenticato. Più in generale questo a livello mondiale questo cambiamento sarà più lento verso le latitudini maggiori. "Questi risultati ci hanno sconvolto - ha spiegato Camilo Mora, responsabile dello studio - perchè i cambiamenti arriveranno presto, entro la mia generazione. A qualunque clima siamo stati abituati questo sarà un ricordo del passato". (ANSA)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Rischio salmonella nel cibo per cani

Ecco qual è il cibo ritirato

Cambiare ordine alimenti per abbassare glicemia, chiave dieta

No a conteggio delle calorie, fondamentale tenere d'occhio fegato

Nell’orzo il segreto contro obesità, depressione e demenza

Cereale contiene molecola che favorisce i geni protettivi

Un cerotto potrà riparare il cuore dopo l’infarto

Si applica e ripristina il ritmo cardiaco

Aids: ogni 2 minuti un giovane si contagia

Previsto boom di casi, +60% nel 2030 fra adolescenti

Fumo,mai troppo tardi per smettere,riduce rischio morte

70enni fumatori pericolo triplo di morire prematuramente

Pezzi di vetro nello stracchino Granarolo: ritirato da Auchan e Simply

Auchan e Simply hanno richiamato le confezioni da 170 grammi

Salame Auchan ritirato: potenzialmente pericoloso per la salute

I prodotti alimentari sono stati ritirati dagli store Auchan per 'allerta microbiologica'

Aviaria: il virus è di nuovo in Europa

La Svezia stermina 200.000 polli per nuovi casi d’influenza aviaria

Col gelato a colazione cervello ‘si sveglia’, più scattante

Diviene più reattivo e più veloce nella elaborazione dati

Caffè in capsule potenziale veicolo di ftalati

Potrebbe rappresentare un rischio per la nostra salute

Tutte le ricette del corso di cucina “Prevenzione a tavola”

In esclusiva una carrellata di tutte le ricette che troverete nel corso

Gli scienziati: “Basta bugie su Babbo Natale”

Per gli esperti mentire ai bimbi è sbagliato

Aiutaci a diffondere la cultura della prevenzione a tavola

Diventa un nostro affiliato e promuovi l'alimentazione consapevole

Tumori: ogni anno 800mila italiani cambiano regione per curarsi

Dati preoccupanti diffusi dall'Associazione italiana di oncologia medica