lafucina.it
Società

Mennea, guerra sul testamento

I familiari ritengono che l'atto olografo non sia stato stilato dal primatista barlettano

Pubblicato il 10/10/2013 da La Fucina

I tre fratelli del velocista mondiale dei 200 metri, Pietro Mennea, uno dei più grandi atleti italiani di tutti i tempi, hanno impugnato il testamento dell'atleta, morto il 21 marzo scorso.Come mai si è arrivati a questo punto? I familiari ritengono che l'atto olografo non sia stato stilato dal primatista barlettano. "Pietro - spiega Enzo Mennea, uno dei tre fratelli - era malato, si sottoponeva alla terapia del dolore e gli venivano somministrati farmaci, sia per la terapia contro il cancro, sia per sedarlo. Una persona in quelle condizioni non ha né la capacità, né la lucidità di scrivere e di farlo in modo fluente".Enzo Mennea non lascia spazio ad equivoci: "Quel testamento - dice - é falso, non l'ha scritto mio fratello". A supporto di questa teoria i tre ricorrenti hanno chiesto l'ausilio di un esperto che ha compiuto un esame grafologico sul testamento, dopo averlo visto e letto.L'erede universale in base al testamento é la moglie di Pietro Mennea, Manuela Olivieri, inoltre la grafia, secondo Enzo, non é quella di suo fratello Pietro. "E' stato per questo che abbiamo voluto sincerarci del fatto che a scrivere fosse stato Pietro - aggiunge - perché ci sono troppe discrepanze". E spiega: "Io conosco la scrittura di mio fratello, non sono un grafologo, un esperto, ma quando ho visto il testamento era chiaro che qualcosa non andasse, Pietro certe volte non puntava le 'i' e quando scriveva il numero 1 non ci metteva un trattino come base. é stato per questo che abbiamo fatto fare una perizia"."Sia chiaro - conclude Mennea - che noi non accusiamo nessuno, i rapporti con nostro fratello erano buoni e vogliamo solo capire se é stato commesso un reato e siamo fiduciosi nel lavoro della magistratura". (fonte originale: Gazzetta.it)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Penne rigate Combino richiamate da Lidl e dal produttore

“Pasta Zara”, per possibile presenza di tracce di soia. Rischio per gli allergici

Pediatri Usa, stop ai succhi di frutta sotto l’anno età

Non sono un buon sostituto della frutta fresca e servono solo a consumare più zucchero e calorie

Torna la pasta da grani antichi, +250 volte in 20 anni

Nel 2017 record 2,5 mln di kg per lo storico 'senatore' Cappelli

Scagionato il Viagra, assumere la pillola blu non provoca melanoma

Studio dei ricercatori della New York University, l'aumento dei casi dipende da un maggior numero di diagnosi

Le sigarette light? Sono più pericolose di quelle normali

Associate all’aumento di adenocarcinoma, comune tumore al polmone

L’esercizio fisico è un’arma contro 22 malattie, dal diabete 2 all’Alzheimer

Studio finlandese, sicuro anche per chi soffre di malattie croniche

Chirurgia, “troppi esami inutili prima degli interventi”

Indagini che fanno crescere i costi e rischi inutilmente

Nuovo magazzino per le albicocche tra più grandi Europa

Nuovo stabilimento Albisole (Forlì-Cesena)

Le ciliegie elisir per sportivi e contro le patologie infiammatorie

Ricche in polifenoli e antociani, sostanze antiossidanti e antinfiammatorie

Trasformatori carne Ue, no a “mortadella vegan”

Organizzazione Clitravi a Commissione Ue, fare chiarezza su nomi

Addio flop a letto, arriva in farmacia il ‘francobollo dell’amore’

Da mettere sotto la lingua in grado di evitare le brutte figure sotto le lenzuola

Contro cellulite depurarsi per restituire ossigeno a cellule

L'80% delle donne con cellulite farebbe qualsiasi cosa per eliminarla

Malattie della tiroide, identificato bersaglio per terapie innovative

Uno studio pubblicato su EMBO Molecular Medicine

Ritirate le crostatine al cacao e albicocca per rischio microbiologico

Contaminazione non omogenea da miceti

Vaccini, via libera a decreto su obbligo a scuola

Introduce l’obbligatorietà delle vaccinazioni per l’accesso alla scuola