lafucina.it
Società

Mennea, guerra sul testamento

I familiari ritengono che l'atto olografo non sia stato stilato dal primatista barlettano

Pubblicato il 10/10/2013 da La Fucina

I tre fratelli del velocista mondiale dei 200 metri, Pietro Mennea, uno dei più grandi atleti italiani di tutti i tempi, hanno impugnato il testamento dell'atleta, morto il 21 marzo scorso.Come mai si è arrivati a questo punto? I familiari ritengono che l'atto olografo non sia stato stilato dal primatista barlettano. "Pietro - spiega Enzo Mennea, uno dei tre fratelli - era malato, si sottoponeva alla terapia del dolore e gli venivano somministrati farmaci, sia per la terapia contro il cancro, sia per sedarlo. Una persona in quelle condizioni non ha né la capacità, né la lucidità di scrivere e di farlo in modo fluente".Enzo Mennea non lascia spazio ad equivoci: "Quel testamento - dice - é falso, non l'ha scritto mio fratello". A supporto di questa teoria i tre ricorrenti hanno chiesto l'ausilio di un esperto che ha compiuto un esame grafologico sul testamento, dopo averlo visto e letto.L'erede universale in base al testamento é la moglie di Pietro Mennea, Manuela Olivieri, inoltre la grafia, secondo Enzo, non é quella di suo fratello Pietro. "E' stato per questo che abbiamo voluto sincerarci del fatto che a scrivere fosse stato Pietro - aggiunge - perché ci sono troppe discrepanze". E spiega: "Io conosco la scrittura di mio fratello, non sono un grafologo, un esperto, ma quando ho visto il testamento era chiaro che qualcosa non andasse, Pietro certe volte non puntava le 'i' e quando scriveva il numero 1 non ci metteva un trattino come base. é stato per questo che abbiamo fatto fare una perizia"."Sia chiaro - conclude Mennea - che noi non accusiamo nessuno, i rapporti con nostro fratello erano buoni e vogliamo solo capire se é stato commesso un reato e siamo fiduciosi nel lavoro della magistratura". (fonte originale: Gazzetta.it)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Allerta alimentare del Ministero Salute: non consumare il Tramezzino R RIVA

Possibile presenza di Listeria

La carne che gli italiani comprano è sempre meno

Osservatorio consumi, meno carne ma di qualità, maiale al top

Scuola: Bologna, in due istituti si mangerà prima secondo

Per incrementare consumo verdura. Dal 3/4 coinvolti 350 bambini

Cibi ‘a basso contenuto di..’ possono ingannare

Studio Usa su 80 milioni di prodotti, non sempre salutari

I figli delle mamme 30-40enni hanno meno difficoltà emotive e sociali

Sgridano e puniscono meno i loro bambini. Il vantaggio declina dopo i 15 di età

Lo stile di vita protegge cuore e arterie

Nuove conferme da un nuovo studio pubblicato su The Lancet

Di notte al bagno? Troppo sale nella dieta

Studio presentato dai ricercatori giapponesi dell'Università di Nagasaki

Insulina spray nasale contro l’Alzheimer,al via test clinici

Studio Sniff,ormone potrebbe ripristinare memoria e cognizione

Farmaci: Agenzia Ue sospende 300 generici,studi inaffidabili

Commissione renderà decisione vincolante, in attesa di nuovi dati

Contro il tumore alla vescica primo passo avanti nelle cure dopo 30 anni

Pinto (Aiom), parte ora la seconda 'era' della immunoterapia contro i tumori

Ricerca: alimentazione con più verdure previene malattie

Batteri orali dei sardi di 2 secoli fa svelano segreti longevità

Italia candida cultura tartufo in patrimonio Unesco

Commissione Norcia si è fatta promotore

Magnesio: consumo quotidiano previene cardiopatie, ictus e diabete

Il minerale potrebbe essere responsabile dei benefici della dieta mediterranea

Sapone liquido batte mousse nell’eliminare i germi

Meno efficaci nell'eliminare batteri che possono causare infezioni

Stop import, torna la stagione delle cozze italiane

Da Cnr e coop produttori monitoraggio biologico e sensoriale