lafucina.it
Società

Morto il boss che fece uccidere Siani

Angelo Nuvoletta aveva 71 anni. Stava scontando una pena all'ergastolo

Pubblicato il 21/10/2013 da La Fucina

Il boss di camorra Angelo Nuvoletta, condannato all'ergastolo per l'omicidio del giornalista del Mattino, Giancarlo Siani, è morto nell'ospedale di Parma, dove era ricoverato. Aveva 71 anni. Nuvoletta, boss di Marano, arrestato nel maggio del 2001 dopo 17 anni di latitanza, era detenuto in regime di 41 bis, nel carcere di Spoleto e poi in ospedale a Parma.Fra gli omicidi contestatigli, vi sono quelli di cinque affiliati del clan Alfieri, strangolati e poi sciolti nell'acido. Il regime di carcere duro nei riguardi di Nuvoletta era stato confermato l'8 marzo 2011 dalla Corte di Cassazione che ritenne il suo stato di detenzione pienamente "compatibile con la salvaguardia dei diritti umani". Nuvoletta, considerato uno dei grandi padrini della camorra, a lungo nell'elenco dei 30 latitanti di massima pericolosità, apparteneva a una "famiglia" potentissima che da decenni aveva allacciato stretti rapporti di collaborazione con la mafia siciliana.Il clan era governato da tutti e tre i fratelli: Lorenzo, Ciro e Angelo. Il primo, morto in carcere per una grave malattia, era considerato il capo; Ciro, ucciso in un agguato nella guerra di camorra fra i Nuvoletta-Gionta e i Bardellino-Alfieri-Galasso-Verde, era considerato il più sanguinario del gruppo; Angelo era invece la "mente" del clan ed era lui che ne gestiva gli affari economici e che teneva i contatti con Cosa Nostra, in particolare, con la cosca dei Corleonesi, con la quale, sin dagli anni Settanta, i Nuvoletta avevano stretto un patto di reciproca collaborazione.A Nuvoletta sono stati contestati numerosi tipi di reati, oltre agli omicidi e all'accusa di essere il mandante dell'uccisione di Siani: dal traffico di stupefacenti all'estorsione, al possesso di armi ed esplosivo, all'intimidazione, al controllo degli appalti pubblici. Secondo gli investigatori, durante i 17 anni di latitanza Angelo Nuvoletta non si sarebbe quasi mai mosso da Marano, riuscendo sempre a trovare rifugio, forse in qualche nascondiglio segreto nello stesso centro della cittadina. E da lì avrebbe continuato sia a mantenere in piedi l'organizzazione criminale, gestendone le molteplici attività illecite, sia ad avere i rapporti con Cosa Nostra.Questa circostanza fu confermata anche dalle dichiarazioni di Gaspare Mutolo, già appartenente alla famiglia Partanna di Mondello e collaboratore di giustizia. Mutolo riferì ai giudici che, nel 1973, uscito dal carcere di Poggioreale in cui era rinchiuso, trovò ad attenderlo Saro Riccobono e Angelo Nuvoletta, che lo accompagnarono in auto a Poggio Vallesana, nella tenuta del clan di Marano, dove, a sua volta, li aspettava Totò Riina. Il ritorno in libertà di Mutolo fu festeggiato a tavola con un pranzo che sancì la definitiva alleanza tra i Nuvoletta e il gruppo di Riina. (fonte)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Sequestrato lotto di polenta bio

Troppo glutine e micotossine pericolose

Mangiare cioccolata e cibi grassi: colpa dei geni

Varianti Dna associate a preferenze alimentari,contrastano diete

Meningite, liceale in terapia intensiva a Milano

Un ragazzo di 18 anni è ricoverato in Terapia intensiva all'ospedale Niguarda di Milano

Bibite zuccherate e diet fanno invecchiare il cervello

Aumenta rischio demenza e ictus

Mette il sale nella caffettiera: quello che succede è sorprendente

Succo di barbabietola migliora prestazioni cervello

Maggiore connettività in regioni associate alla funzione motoria

Salgono a 1600 casi di morbillo nel 2017, 4 su 10 ricoverati

Monitoraggio Ministero della Salute, età media 27 anni

Caffè ha doppio aromi vino ma solo nonni sanno riconoscerli

Nel dopoguerra tostatura a casa, ora sparite torrefazioni locali

Tribunale, uso scorretto cellulare causa tumore

Sentenza a Ivrea. Legali, Inail condannata a risarcire dipendente azienda

Grassi trans, eliminarli dalla dieta riduce rischio di infarto e ictus

Presenti in diversi alimenti ritenuti “sfiziosi”, come patatine, cibi fritti e prodotti da forno

Da cannabis possibili farmaci per dermatiti e psoriasi

Revisione studi, benefici dovuti a proprietà anti-infiammatorie

Infermiera fingeva di vaccinare bimbi e gettava le fiale

Asl, 'grave violazione doveri', campagna richiamo 500 pazienti

Lorenzin: “Pillola abortiva in consultorio? La 194 non lo prevede”

Lo ha affermato il ministro della Salute rispondendo a un'interrogazione al Question time in Aula alla Camera

È giusto il carcere per i genitori vegani?

È una notizia di qualche tempo fa, ma i giornali la stanno rilanciando in questi giorni

Il Papillomavirus innesca il cancro, causa mille morti l’anno

Vaccino anti-hpv al centro delle polemiche su Report introdotto 11 anni fa