lafucina.it
Sport

E’ un po’ colpa sua

Se l'Italia non è testa di serie ai Mondiali in Brasile è colpa anche di quella serata a Genova

Pubblicato il 22/10/2013 da La Fucina
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Ve lo ricordate Ivan Bogdanov? E’ l’energumeno serbo che a Marassi ha di fatto “diretto” in modo plateale e difficile da dimenticare, la protesta dei suoi tifosi che ha impedito il normale svolgimento di Italia-Serbia per le qualificazioni europee. Se l’Italia non è testa di serie ai mondiali, un po’ è anche colpa di Ivan. Ivan, banalmente ribattezzato “il terribile” si è fatto un po’ di carcere in Italia. Là si è distinto per il comportamento “mite e e educato” e poi se n’è tornato in Serbia. Dopo aver danneggiato il suo Paese (quella partita fu assegnata a tavolino all’Italia, 3-0) e in qualche modo anche la nostra Nazionale che anche a lui deve il suo mancato essere testa di serie ai mondiali di Brasile 2014.Cosa c’entra Ivan con il ranking Fifa? Ovviamente nulla di diretto. Eppure il danno c’è. Italia-Serbia non si gioca il 12 ottobre 2012. E il risultato viene omologato a tavolino il 29 ottobre, 17 giorni dopo. Ma in quei 17 giorni qualcosina cambia: la Fifa aggiorna il suo ranking e la Serbia perde sette posizioni, passando dal 15mo al 22mo posto. Così quando all’Italia vengono assegnati i punti per la vittoria (a tavolino) quella partita vale una frazione di punto meno di quanto sarebbe valsa 17 giorni prima. Inezie? Non proprio. Perché l’ottavo e ultimo posto da testa di serie ci scappa per pochissimi punti. E quindi, un po’, per colpa di Ivan. Molto di più per colpa nostra, per non essere riusciti a battere l’Armenia. Ma questo non sarebbe un alibi. (Fonte)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Allerta alimentare del Ministero Salute: non consumare il Tramezzino R RIVA

Possibile presenza di Listeria

La carne che gli italiani comprano è sempre meno

Osservatorio consumi, meno carne ma di qualità, maiale al top

Scuola: Bologna, in due istituti si mangerà prima secondo

Per incrementare consumo verdura. Dal 3/4 coinvolti 350 bambini

Cibi ‘a basso contenuto di..’ possono ingannare

Studio Usa su 80 milioni di prodotti, non sempre salutari

I figli delle mamme 30-40enni hanno meno difficoltà emotive e sociali

Sgridano e puniscono meno i loro bambini. Il vantaggio declina dopo i 15 di età

Lo stile di vita protegge cuore e arterie

Nuove conferme da un nuovo studio pubblicato su The Lancet

Di notte al bagno? Troppo sale nella dieta

Studio presentato dai ricercatori giapponesi dell'Università di Nagasaki

Insulina spray nasale contro l’Alzheimer,al via test clinici

Studio Sniff,ormone potrebbe ripristinare memoria e cognizione

Farmaci: Agenzia Ue sospende 300 generici,studi inaffidabili

Commissione renderà decisione vincolante, in attesa di nuovi dati

Contro il tumore alla vescica primo passo avanti nelle cure dopo 30 anni

Pinto (Aiom), parte ora la seconda 'era' della immunoterapia contro i tumori

Ricerca: alimentazione con più verdure previene malattie

Batteri orali dei sardi di 2 secoli fa svelano segreti longevità

Italia candida cultura tartufo in patrimonio Unesco

Commissione Norcia si è fatta promotore

Magnesio: consumo quotidiano previene cardiopatie, ictus e diabete

Il minerale potrebbe essere responsabile dei benefici della dieta mediterranea

Sapone liquido batte mousse nell’eliminare i germi

Meno efficaci nell'eliminare batteri che possono causare infezioni

Stop import, torna la stagione delle cozze italiane

Da Cnr e coop produttori monitoraggio biologico e sensoriale