lafucina.it
Società

Sono ancora gli Statali i più pagati

Continuano a guadagnare di più rispetto ai dipendenti pubblici

Pubblicato il 23/10/2013 da La Fucina

Una tabella sul Corriere della Sera mostra come dal 2005 al 2011 i lavoratori dipendenti statali hanno sempre guadagnato di più rispetto ai dipendenti del settore privato, ma questa differenza si sta riducendo. Nel 2005 c’erano 2.600 euro di differenza fra la retribuzione annuale di un dipendente pubblico (media 25.183) e quella di un lavoratore nel settore privato (media 22.574). Una divario che si è progressivamente ridotto: era di 2.400 euro nel 2006, 2.300 euro nel 2008, 2.050 euro nel 2010. Per arrivare al 2011, ultimo anno in cui sono state fatte le rilevazioni dell’Aran (Agenzia di rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni).
statali_stipendi_corriere_della_sera
In sette anni il divario fra la retribuzione media degli statali (27.811 euro nel 2011) e quella dei dipendenti del settore privato (26.190 euro nel 2011) si è ridotto da 2.600 euro a 1.620 euro. Un divario destinato ad diminuire ancora con la Legge di Stabilità del governo Letta, come spiega Lorenzo Salvia sul Corriere della Sera:“La busta paga dello statale viene congelata almeno per un altro anno, con il blocco della contrattazione per tutto il 2014. Viene poi sospesa fino al 2017 l’indennità di vacanza contrattuale, che in teoria dovrebbe compensare proprio i mancati rinnovi. Cambiano le regole anche per la buonuscita, pagata in una sola tranche soltanto se al di sotto dei 50 mila euro. E vengono tagliati gli straordinari (rieccole le forbici) del 5% per poliziotti, militari e vigili del fuoco, del 10% per tutti gli altri. [...] Sarebbe l’approdo finale di una scelta precisa, contenere i costi per gli stipendi della macchina statale, che ha attraversato almeno gli ultimi tre governi. [...] E infatti il primo risultato arriva nel 2011. Dopo 31 anni di crescita continua, la spesa totale per gli stipendi dei dipendenti pubblici inverte la rotta: 170 miliardi, in calo dell’1,6% rispetto all’anno precedente. Un risparmio possibile non solo con il blocco dei contratti che nel 2014 arriverà al quinto anno di fila. Ma soprattutto con lo stop al turn over che, rimpiazzando solo in parte chi va in pensione, ha fatto dimagrire la pianta organica del settore pubblico. Tra il 2006 e il 2011 sono stati di fatto cancellati 230 mila posti, il 6% del totale, e siamo così scesi a quota 3,4 milioni. Ma se per il bilancio dello Stato i conti cominciano a tornare, abbassando la lente di ingrandimento viene fuori che ci sono anche altri problemi. [...] Solo un dato per farsi un’idea: nei primi sei mesi di quest’anno, dicono le tabelle di Assofin, il numero dei dipendenti pubblici che ha chiesto un prestito garantendo in cambio la cessione del quinto dello stipendio è salito del 5,4%”.(Fonte)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

‘Superbatterio’ resiste a tutti antibiotici

Allarme per morte donna

Stress lavoro porta all’infarto, per Tar è causa di servizio

Accolto ricorso funzionario polizia della Liguria

Gli amanti della pasta mangiano meglio, hanno diete più sane

Chi la mangia regolarmente assume più nutrienti fondamentali

Donne esposte da bimbe a fumo passivo più a rischio aborto

Associazione se in casa c'erano due o più fumatori

Lorenzin, firma Lea passaggio storico per sanità italiana

Cosa sono i Lea e come si 'misurano'

Scoperto l’interruttore chiave dell’invecchiamento cellulare

Scoperta chiave per controllare processi legati anche all'incidenza dei tumori

Influenza: già otto morti da inizio epidemia, 63 gravi

Metà in Emilia Romagna, in tutti i casi patologie preesistenti

Il 26% degli italiani rinuncia alle cure

la causa: servizi inadeguati e costi troppo salati

Nutrizionista, pasta e fagioli il top dei piatti’antifreddo’

Piretta, ideale l'abbinamento cereali e legumi caldi, ok pesce

Fumo,mai troppo tardi per smettere,riduce rischio morte

70enni fumatori pericolo triplo di morire prematuramente

Ridurre sale del 10% in 10 anni salvera’ 6 milioni di anni di vita

Studio su 183 Paesi mostra che investire in prevenzione conviene

Riflessologia: benefici del massaggiare le dita della mano

La riflessologia è una terapia manuale che consiste nell’effettuare delle pressioni su determinati punti del corpo la cui energia è connessa a quella di organi interni.

Cosa succede se metti un limone nel forno

I cibi che credevamo sani ma contengono zuccheri aggiunti

Il sondaggio realizzato da un'azienda privata britannica

Troppi zuccheri accorciano la vita, ‘frenano’ gene longevità

Studio su moscerini, più veloce il processo di invecchiamento