lafucina.it
Uncategorized

Gli ultimi post su Facebook del ragazzo ucciso a Londra

Joele Leotta e i suoi ultimi attimi di vita in Inghilterra

Pubblicato il 24/10/2013 da La Fucina

Joele Leotta è stato massacrato di botte e ucciso nell'appartamento in cui risiedeva dopo essersi trasferito per studio e lavoro nel Kent. Joele, insieme a un amico, Alex Galbiati, da alcuni giorni si era trasferito nell'appartamento di Maidstone e aveva iniziato a lavorare in un ristorante della zona. Proprio qui sarebbe iniziata nella serata di domenica, 20 ottobre, la lite che ha avuto il suo epilogo con la spedizione nell'appartamento dei ragazzi: alcuni clienti avrebbero infatti più volte importunato i due ragazzi, accusandoli di aver occupato il letto di un loro connazionale e di rubare il lavoro ai sudditi di Sua Maestà.Come scrive Claudio Del Frate sul Corriere della Sera, la storia di Joele Leotta sembra rimbalzare indietro dall’Italia in bianco e nero degli anni 50 e invece potrebbe diventare consueta. “Non mi sarei mai immaginato di dover commentare una tragedia del genere, nata dal fatto che un giovane ha dovuto abbandonare il mio paese per garantirsi un futuro e non pesare sulla famiglia. Ma questa è l’Italia di oggi…”: Claudio Usuelli, sindaco di Nibionno, 3.600 abitanti distribuiti sulle colline tra Monza e il Lago di Como non trattiene l’amarezza nel commentare il lutto che ha colpito la sua comunità.Joele, però, non era il tipo che si piangeva addosso: interrotti al terzo anno gli studi all’istituto per odontotecnici «Gandhi» di Besana Brianza, non era rimasto con le mani in mano. Giardiniere, turnista di notte in fabbrica, pizzaiolo: era passato da un impiego all’altro, sempre saltuario, sempre precario, mai più di 600-800 euro al mese. Finché un anno fa aveva cominciato a farsi strada l’idea di tentare il salto fuori dall’Italia. (…) Mille euro al mese più vitto e alloggio in una stanza sopra il ristorante Vesuvius a Maidstone, 60 chilometri fuori Londra: una pacchia, rispetto agli standard italiani. Joele era contentissimo e non aveva tardato a farlo sapere a quelli di Nibionno attraverso Facebook: «Qui va alla grande,mi sto facendo un sacco di amici italiani, è pieno di ragazze» postava appena pochi giorni fa. (…) Poi la storia gli si è rovesciata contro ed è toccato al giovane brianzolo fare la valigia e lasciare il paese, fino a diventare bersaglio di una guerra tra poveri, dell’invidia di chi a sua volta ha lasciato casa e si deve «sbattere» per il minimo vitale. Sempre che quella frase dei suoi assassini («Vieni qui a rubarci il lavoro, italiano di m…») sia vera. (…) Domenica l’ultimo messaggio di Joele agli amici, sempre via Facebook: uno sberleffo all’allenatore della Juve Conte dopo la sconfitta con la Fiorentina. Anche lontano migliaia di chilometri da Nibionno, la vita al ragazzo tutto sommato sorrideva, c’era finalmente un avvenire davanti. (fonte)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Meningite, 23enne ricoverata a Terni

Una ragazza di Terni, 23 anni, è ricoverata nell'ospedale della città umbra

Frutta e verdura,10 porzioni per salvare 7,8 mln vite l’anno

Resta valida avvertenza 5 volte al dì, ma più si mangia meglio è

“Presenza di corpi estranei”, ministero Salute ritira crostini

Ecco le marche e i lotti

Ospedale San Camillo a Roma assumerà ginecologi non obiettori

Zingaretti, attuiamo legge 194; Cei, obiezione è un diritto

Come sbiancare i denti in 3 minuti

Meningite, bimbo di 1 anno ricoverato a Cesena

Ricoverato dal 19 febbraio all'ospedale Bufalini di Cesena

Cosa succede al tuo corpo quando mangi un Big Mac?

Ti è mai capitato di mangiare un Big Mac e avere fame mezz’ora dopo?

Richiamati crostini per la presenza di fibra non alimentare

Pam Panorama richiama tre lotti di crostini dorati

Cibo spazzatura crea stessi danni diabete per reni

Una dieta a base di cibo spazzatura puo' causare danni ai reni del tutto simili a quelli causati dal diabete

Ue: in calo vittime di cancro, ma flessione è più lenta tra le donne

Evitati oltre 4 mln morti in 30 anni

Gastroenterologi, il 30% delle gastroscopie e colonscopie che si fanno è inutile

30 milioni bruciati per 500 mila procedure evitabili

Mille euro in busta paga a chi smette di fumare

L'iniziativa di un'agenzia di comunicazione di Sarezzo, in provincia di Brescia

Fumo, la nostalgia può dare una spinta in più per smettere

Studio, campagne no basate su paura, ma che tocchino corde cuore

Meningite, donna in prognosi riservata a Catania

Diagnosticata una meningite da meningococco C

Aifa, prezzi etici o produrremo farmaci anti epatite C in proprio

gi al via trattativa con aziende; Melazzini, cureremo tutti