lafucina.it
Uncategorized

Gli ultimi post su Facebook del ragazzo ucciso a Londra

Joele Leotta e i suoi ultimi attimi di vita in Inghilterra

Pubblicato il 24/10/2013 da La Fucina

Joele Leotta è stato massacrato di botte e ucciso nell'appartamento in cui risiedeva dopo essersi trasferito per studio e lavoro nel Kent. Joele, insieme a un amico, Alex Galbiati, da alcuni giorni si era trasferito nell'appartamento di Maidstone e aveva iniziato a lavorare in un ristorante della zona. Proprio qui sarebbe iniziata nella serata di domenica, 20 ottobre, la lite che ha avuto il suo epilogo con la spedizione nell'appartamento dei ragazzi: alcuni clienti avrebbero infatti più volte importunato i due ragazzi, accusandoli di aver occupato il letto di un loro connazionale e di rubare il lavoro ai sudditi di Sua Maestà.Come scrive Claudio Del Frate sul Corriere della Sera, la storia di Joele Leotta sembra rimbalzare indietro dall’Italia in bianco e nero degli anni 50 e invece potrebbe diventare consueta. “Non mi sarei mai immaginato di dover commentare una tragedia del genere, nata dal fatto che un giovane ha dovuto abbandonare il mio paese per garantirsi un futuro e non pesare sulla famiglia. Ma questa è l’Italia di oggi…”: Claudio Usuelli, sindaco di Nibionno, 3.600 abitanti distribuiti sulle colline tra Monza e il Lago di Como non trattiene l’amarezza nel commentare il lutto che ha colpito la sua comunità.Joele, però, non era il tipo che si piangeva addosso: interrotti al terzo anno gli studi all’istituto per odontotecnici «Gandhi» di Besana Brianza, non era rimasto con le mani in mano. Giardiniere, turnista di notte in fabbrica, pizzaiolo: era passato da un impiego all’altro, sempre saltuario, sempre precario, mai più di 600-800 euro al mese. Finché un anno fa aveva cominciato a farsi strada l’idea di tentare il salto fuori dall’Italia. (…) Mille euro al mese più vitto e alloggio in una stanza sopra il ristorante Vesuvius a Maidstone, 60 chilometri fuori Londra: una pacchia, rispetto agli standard italiani. Joele era contentissimo e non aveva tardato a farlo sapere a quelli di Nibionno attraverso Facebook: «Qui va alla grande,mi sto facendo un sacco di amici italiani, è pieno di ragazze» postava appena pochi giorni fa. (…) Poi la storia gli si è rovesciata contro ed è toccato al giovane brianzolo fare la valigia e lasciare il paese, fino a diventare bersaglio di una guerra tra poveri, dell’invidia di chi a sua volta ha lasciato casa e si deve «sbattere» per il minimo vitale. Sempre che quella frase dei suoi assassini («Vieni qui a rubarci il lavoro, italiano di m…») sia vera. (…) Domenica l’ultimo messaggio di Joele agli amici, sempre via Facebook: uno sberleffo all’allenatore della Juve Conte dopo la sconfitta con la Fiorentina. Anche lontano migliaia di chilometri da Nibionno, la vita al ragazzo tutto sommato sorrideva, c’era finalmente un avvenire davanti. (fonte)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

La nuova cura (italiana) che sconfigge il cancro al cervello dei bambini

E' più efficace e meno tossica

Influenza: 3 milioni di italiani a letto, boom di visite mediche

Da inizio stagione. Triplicate consultazioni medici di famiglia

Tutti i benefici della barbabietola rossa

Per il suo colore spesso non viene servita sulle tavole, ma è ricca di proprietà benefiche

Mangiare peperoncino ‘allunga’ la vita

Cala del 13% mortalità per malattie cuore e ictus

Farmaci scaduti e sporcizia: la faccia triste degli ospedali italiani

Ecco il triste scenario delineato dai Nas

‘Superbatterio’ resiste a tutti antibiotici

Allarme per morte donna

Stress lavoro porta all’infarto, per Tar è causa di servizio

Accolto ricorso funzionario polizia della Liguria

Gli amanti della pasta mangiano meglio, hanno diete più sane

Chi la mangia regolarmente assume più nutrienti fondamentali

Donne esposte da bimbe a fumo passivo più a rischio aborto

Associazione se in casa c'erano due o più fumatori

Lorenzin, firma Lea passaggio storico per sanità italiana

Cosa sono i Lea e come si 'misurano'

Scoperto l’interruttore chiave dell’invecchiamento cellulare

Scoperta chiave per controllare processi legati anche all'incidenza dei tumori

Influenza: già otto morti da inizio epidemia, 63 gravi

Metà in Emilia Romagna, in tutti i casi patologie preesistenti

Il 26% degli italiani rinuncia alle cure

la causa: servizi inadeguati e costi troppo salati

Nutrizionista, pasta e fagioli il top dei piatti’antifreddo’

Piretta, ideale l'abbinamento cereali e legumi caldi, ok pesce

Fumo,mai troppo tardi per smettere,riduce rischio morte

70enni fumatori pericolo triplo di morire prematuramente