lafucina.it
Cibo e Salute

Sgombro in scatola, il sequestro che preoccupa

I Nas hanno disposto il ritiro di circa 80.000 confezioni. Ma la marca è un mistero

Pubblicato il 25/10/2013 da La Fucina

I Nas hanno disposto il ritiro di circa 80.000 confezioni (32 tonnellate) di sgombro al naturale. In seguito alla segnalazione da parte di un cittadino, è stata accertata presso un'azienda importatrice di Genova, la presenza di parassiti in alcuni campioni di sgombro al naturale in scatola. I militari del nucleo hanno accertato che oltre 165.000 confezioni di sgombro sono state distribuite sul territorio nazionale, dove sarebbero state vendute - presumibilmente - al dettaglio al costo di circa 4 euro. A seguito dell'intervento, la ditta ha avviato le procedure per il ritiro dei prodotti commercializzati. L'ipotesi della presenza di parassitiInizialmente le ricerche si sono concentrate su una possibile contaminazione da Anisakis, un parassita che può essere comunemente presente in alcuni tipi di pesce fresco, congelato o marinato, tra cui lo sgombro. L'ingestione di questo parassita risulta rischiosa se la carne di pesce viene consumata cruda. Trattandosi di un prodotto in scatola, quindi presumibilmente sottoposto a sterilizzazione, questo rischio dovrebbe essere perciò scongiurato. Il sequestro potrebbe quindi essere stato disposto per procedere alla ricerca dell'istamina, una sostanza presente negli alimenti in cattivo stato di conservazione. Cos'è l'istamina e quali rischi comportaL'istamina, una sostanza che si forma in alcuni alimenti fermentati e nel pesce (soprattutto se mal conservato), in certi casi può causare malesseri molto simili a quelli che si manifestano in caso di allergia. Per alcuni tipi di pesce come tonno, acciughe e sgombri esistono precisi limiti di legge sul tenore massimo di istamina consentito. Si può evitare il rischio di intossicazione assicurando un'igiene impeccabile durante la lavorazione del pesce e conservandolo in condizioni di refrigerazione. Anche per il tonno in scatola, una volta aperto, la raccomandazione è quella di consumarlo rapidamente. Necessaria maggiore chiarezzaChiediamo, ancora una volta, che si facciano i nomi dei prodotti ritirati. Questo genere di informazioni, infatti, rischia di generare allarmismi e disorientamento per il consumatore. Il ministero della Salute deve fare chiarezza.(ALTROCONSUMO)GUARDA IL VIDEO SHOCK: ECCO COME FANNO I WURSTEL





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

La bevanda fatta in casa ideale per abbassare la pressione

Tra gli ingredienti ci sono alcuni alimenti indicati per chi soffre d'ipertensione

10 luoghi comuni sull’alimentazione assolutamente falsi

La maggior parte delle credenze in ambito alimentare sono completamente false

Meno zuccheri nelle bibite ridurrebbe le malattie legate all’obesità

Meno incidenza di ictus, diabete e cancro ai reni

Dado vegetale: 10 buoni motivi per non usarlo

Il dado industriale contiene ingredienti controversi che sarebbe bene evitare

Trovate larve nelle confezioni di Fiocchi di Avena

Lotto sospeso

I micrortaggi tengono a bada il colesterolo e non fanno ingrassare

Dando una grossa mano al cuore

Il formaggio più puzzolente del mondo

Il Vieux Boulogne è una meraviglia, ma l'odore che emana non è molto gradevole

I grassi della frutta secca e della soia difendono dal diabete

Tutto merito degli omega 6

I 5 Antibiotici naturali che combattono le malattie

Un rimedio naturale per evitare effetti collaterali

Condire l’insalata con l’olio di semi di soia sarebbe meglio

Secondo un nuovo studio aiuta l'assorbimento dei nutrienti

Le proprietà del prezzemolo, una gustosa pianta anticancro

Il prezzemolo è un'ottima fonte di miricetina, potentissima sostanza anticancro

Cavolo, un vero antibiotico naturale

Protegge il cuore, contrasta il cancro e migliora la digestione

Meno disturbi articolari con 45 minuti di attività fisica a settimana

Studio pubblicato sulla rivista Arthritis care & research

Chewing gum allo xilitolo amico dei denti, -30% carie

Studio di ricercatrice italiano presentato al 64° Congresso dell'European Organisation for Caries Research

Sapete quanti batteri si nascondono nel nostro ufficio?

Sulla tastiera del pc, sul mouse, sulla scrivania o sulle maniglie