lafucina.it
Cibo e Salute

Sgombro in scatola, il sequestro che preoccupa

I Nas hanno disposto il ritiro di circa 80.000 confezioni. Ma la marca è un mistero

Pubblicato il 25/10/2013 da La Fucina

I Nas hanno disposto il ritiro di circa 80.000 confezioni (32 tonnellate) di sgombro al naturale. In seguito alla segnalazione da parte di un cittadino, è stata accertata presso un'azienda importatrice di Genova, la presenza di parassiti in alcuni campioni di sgombro al naturale in scatola. I militari del nucleo hanno accertato che oltre 165.000 confezioni di sgombro sono state distribuite sul territorio nazionale, dove sarebbero state vendute - presumibilmente - al dettaglio al costo di circa 4 euro. A seguito dell'intervento, la ditta ha avviato le procedure per il ritiro dei prodotti commercializzati. L'ipotesi della presenza di parassitiInizialmente le ricerche si sono concentrate su una possibile contaminazione da Anisakis, un parassita che può essere comunemente presente in alcuni tipi di pesce fresco, congelato o marinato, tra cui lo sgombro. L'ingestione di questo parassita risulta rischiosa se la carne di pesce viene consumata cruda. Trattandosi di un prodotto in scatola, quindi presumibilmente sottoposto a sterilizzazione, questo rischio dovrebbe essere perciò scongiurato. Il sequestro potrebbe quindi essere stato disposto per procedere alla ricerca dell'istamina, una sostanza presente negli alimenti in cattivo stato di conservazione. Cos'è l'istamina e quali rischi comportaL'istamina, una sostanza che si forma in alcuni alimenti fermentati e nel pesce (soprattutto se mal conservato), in certi casi può causare malesseri molto simili a quelli che si manifestano in caso di allergia. Per alcuni tipi di pesce come tonno, acciughe e sgombri esistono precisi limiti di legge sul tenore massimo di istamina consentito. Si può evitare il rischio di intossicazione assicurando un'igiene impeccabile durante la lavorazione del pesce e conservandolo in condizioni di refrigerazione. Anche per il tonno in scatola, una volta aperto, la raccomandazione è quella di consumarlo rapidamente. Necessaria maggiore chiarezzaChiediamo, ancora una volta, che si facciano i nomi dei prodotti ritirati. Questo genere di informazioni, infatti, rischia di generare allarmismi e disorientamento per il consumatore. Il ministero della Salute deve fare chiarezza.(ALTROCONSUMO)GUARDA IL VIDEO SHOCK: ECCO COME FANNO I WURSTEL





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Scoperte le molecole contro l’invecchiamento delle cellule

Il lavoro di un team di ricercatori dell'IFOM di Milano

Istat, nuovo record rincari verdura a febbraio, +37,3%

Coldiretti, maltempo ha spinto in alto le quotazioni

Dall’Oms la prima lista dei super-batteri

Ecco chi minaccia la salute globale

Pressione, tenere la “massima” entro 120 mmHG per cuore più protetto

È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Circulation

Dj Fabo è morto in Svizzera: l’ultimo messaggio

Nell'ultimo audio: 'Sono qui senza l'aiuto del mio Stato'. 'Cappato: 'Ha scelto di andarsene rispettando le regole, di un Paese che non è il suo'

Altro che scarto, nel guscio di nocciola c’è la fibra ‘buona’

Proprietà antiossidanti ed effetti benefici su sistema immunitario, cardiovascolare e sul metabolismo dei lipidi.

Da coloranti ad allergeni, 6 cose da sapere sulle etichette

Una guida per orientarsi tra gli scaffali del supermercato

Allarme Oms, depressione aumentata di quasi 20% in 10 anni

Problema al centro Giornata mondiale della salute del 7 aprile

Rebus sudore risolto: ecco da che dipende

Le strategie messe in atto dall'organismo per regolare la temperatura corporea dipendono dalla taglia

Maggior rischio morte con mal di schiena e dolore cervicale

Pericolo dovuto principalmente a problemi cardiovascolari

Dieta ‘mima-digiuno’ cura diabete ‘resettando’ il pancreas

Induce nascita nuove cellule per insulina

Meningite, 23enne ricoverata a Terni

Una ragazza di Terni, 23 anni, è ricoverata nell'ospedale della città umbra

Frutta e verdura,10 porzioni per salvare 7,8 mln vite l’anno

Resta valida avvertenza 5 volte al dì, ma più si mangia meglio è

“Presenza di corpi estranei”, ministero Salute ritira crostini

Ecco le marche e i lotti

Ospedale San Camillo a Roma assumerà ginecologi non obiettori

Zingaretti, attuiamo legge 194; Cei, obiezione è un diritto