lafucina.it
Società

Coppie, non frequentate i parenti divorziati

Uno studio Usa stabilisce che aumenta la probabilità della separazione

Pubblicato il 30/10/2013 da La Fucina

Attenzione a chi ci si accompagna: avere amici stretti o parenti di primo grado divorziati aumenta addirittura del 75% le probabilità che una coppia si separi, rispetto ai rischi di divorzio che correrebbe una coppia della stessa comunità ma accompagnata da intimi felicemente sposati. Se si tratta invece dell’amico di un amico a divorziare, l’effetto ‘contagioso’ dei divorzi scende al 33% in piu’ della media, per poi svanire più ci si allontana dalla ‘fonte della ‘pandemia’. Il risultato, curioso a prima vista, emerge da dai dati di uno studio prestigioso durato ben trent’anni – dal 1971 al 2001 – e che ha coinvolto 5.124 adulti, tutti residenti nella cittadina di Framingham, Massachusetts, a 20 miglia da Boston. Ricercatori della Brown University guidati da Rosy McDermott, professore di scienze politiche, hanno attinto alla piu’ grande indagine longitudinale in corso negli Usa che segue appunto la salute di circa 5.000 abitanti di Framingham dal 1948.McDermott ha intervistato i partecipanti per 7 volte nei 30 anni considerati prendendo nota di malattie, salute psicologica, amicizie, matrimoni, separazioni e divorzi. Il risultato – secondo il rapporto pubblicato dal Pew Research center – e’ chiaro: “il divorzio di un amico stretto o di un familiare aumenta significativamente le probabilita’ di divorzio per se stessi con un aumento del 75% sul tasso medio di divorzi”. Ma l’effetto ‘svanisce – specifica lo studio – se il divorzio riguarda qualcuno piu’ lontano come l’amico di un amico”. Secondo i ricercatori, in realta’ non c’e’ nulla di particolarmente unico nella contagiosità dei divorzi, si tratta del cosiddetto ‘contagio sociale’, gia’ dimostrato rispetto ad altri comportamenti, quali l’attivita’ sessuale degli adolescenti o l’avere figli. Un recente studio ha evidenziato per esempio che fratelli e sorelle hanno spesso figli a poca distanza di tempo gli uni dagli altri. “Una lezione da trarre dallo studio – spiega McDermott – potrebbe essere quella di circondarsi di amici sani e con buoni matrimoni. Evidentemente network sociali che incoraggiano le unioni, e contesti positivi nei confronti delle coppie aumentano la resistenza del matrimonio”. Altro dato in sintonia emerso dalla ricerca e’ quello per cui le persone piu’ ‘popolari’ con piu’ amici divorziano meno: una indicazione che circoli forti di amici aiutano a navigare nelle possibili difficolta’ matrimoniali. (Fonte)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Di notte al bagno? Troppo sale nella dieta

Studio presentato dai ricercatori giapponesi dell'Università di Nagasaki

Insulina spray nasale contro l’Alzheimer,al via test clinici

Studio Sniff,ormone potrebbe ripristinare memoria e cognizione

Farmaci: Agenzia Ue sospende 300 generici,studi inaffidabili

Commissione renderà decisione vincolante, in attesa di nuovi dati

Contro il tumore alla vescica primo passo avanti nelle cure dopo 30 anni

Pinto (Aiom), parte ora la seconda 'era' della immunoterapia contro i tumori

Ricerca: alimentazione con più verdure previene malattie

Batteri orali dei sardi di 2 secoli fa svelano segreti longevità

Italia candida cultura tartufo in patrimonio Unesco

Commissione Norcia si è fatta promotore

Magnesio: consumo quotidiano previene cardiopatie, ictus e diabete

Il minerale potrebbe essere responsabile dei benefici della dieta mediterranea

Sapone liquido batte mousse nell’eliminare i germi

Meno efficaci nell'eliminare batteri che possono causare infezioni

Stop import, torna la stagione delle cozze italiane

Da Cnr e coop produttori monitoraggio biologico e sensoriale

Tumori, la maggior parte è dovuta al caso

Nuovo studio sui tumori destinato a far rumore

L’ingrediente segreto dei wurstel

Il video che svela come vengono prodotti

Corsa e salto per rafforzare le ossa degli uomini

Con esercizi di carico benefici dopo 12 mesi 2 volte a settimana

Pomodoro salva-cuore, migliora pressione e riduce colesterolo

I suoi effetti potenziati dall'azione del licopene

“Liberalizzare farmaci fascia C”

Consegnate 170mila firme a istituzioni

Epidemia di occhi secchi, ‘dipendenza digitale’ sotto accusa

Boom di sindromi da tablet, smartphone e pc, al via campagna di prevenzione con visite gratis