lafucina.it
Autori

Perché la Cancellieri andrebbe dimessa

di Biagio Simonetta

Pubblicato il 04/11/2013 da Biagio Simonetta
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Come sarebbe stata la vita di Antonino Vadalà se il suo cognome fosse stato Ligresti? Probabilmente uguale, sarebbe morto lo stesso. Perché il cancro non guarda in faccia nessuno, non teme caste, cognomi, parentele. Il cancro, per quanto bastardo, è probo. Probo come la morte, che arriva per tutti. A volte soffice e silenziosa, come una nevicata di dicembre. Altre violenta e improvvisa.Antonino Vadalà, che di cognome non faceva Ligresti, aveva 61 anni ed è morto in un letto d'ospedale. Ma fino a dieci giorni prima era rimasto in cella, senza un permesso per andarsi a curare. Era finito dentro nell'operazione "Bellu lavuru", che fece luce sulle infiltrazioni della 'ndrangheta negli appalti sulla statale 106. Doveva scontare 7 anni di galera.Si può essere d'accordo o meno sulla severità da applicare nei confronti dei detenuti, e non è certo questo il motivo di questo scritto. Il tema è complesso, e i sentimenti diventano altalenanti quando variano i reati. Potrei essere cinico, e dire che mi sta bene che a un condannato per 'ndrangheta non vengano concessi permessi, neanche davanti a un cancro. Oppure potrei essere umano, e ritenere sconcertante la vicenda di Antonino Vadalà. Punti di vista. Soggettivismi.L'unico dato oggettivo, invece, rimane la vergognosa condotta del ministro Anna Maria Cancellieri, l'amica di casa Ligresti che s'è fatta in quattro per la detenuta Giulia Ligresti. Migliaia di detenuti, in Italia, vivono condizioni simili e/o peggiori della figlia di Salvatore Ligresti. Ma la ministra Cancellieri non ha alcun moto d'umanità. Il suo è uso della carica istituzionale ad personam (o forse ad amicum) che andrebbe punito per legge. Alla Cancellieri non vanno chieste le dimissioni, ma vanno imposte. La Cancellieri va dimessa. Magari subito.





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

In stato vegetativo da 15 anni,recupera stato minimo coscienza

Con una nuova tecnica di stimolazione del nervo vago

Tutti i benefici delle banane

Ricchissime di potassio, ma non solo

Influenza inchioderà a letto 5 milioni di italiani

Ci si aspetta una stagione influenzale 2017-2018 di intensità media

Infarti e ictus, oltre 50% dei casi trattati in Pronto soccorso

Simeu, ha un ruolo strategico quando la tempestività è essenziale

Depressione, dormire meno riduce i sintomi nel 50% dei pazienti

Maxi-studio pubblicato sul Journal of Clinical Psychiatry

Al via le donazioni per i malati di Sma: Checco Zalone lascia tutti senza parole

L'artista lancia un appello per salvare la vita ai bambini malati

Con 150 minuti di sport a settimana si può evitare l’8% dei decessi

Con attività fisica cala il rischio di patologie cardiovascolari

Formaggio ritirato contaminato da Listeria

Lotto di produzione 04827 di taleggio Dop a latte crudo

La caffeina potrebbe ridurre il rischio di morte tra le donne

Ma gli uomini non hanno lo stesso beneficio

Alzheimer, i 10 segnali che non bisogna sottovalutare

Si celebra oggi 21 settembre la Giornata mondiale dell'Alzheimer

Intossicati da falso zafferano, nuovo caso a Modena

Responsabile nei giorni scorsi della morte di una coppia di coniugi veneti.

Chikungunya: 86 casi in tutto, 10 nuovi nel Lazio

Ad oggi sono 86 le persone colpite dal virus

Farmaco anti-diabete riduce l’aggressività del cancro alla prostata

E' la metformina. Sesti (Sid), promettenti ricadute su pazienti

Un milione di mamme maltrattate durante il parto

Ricerca Doxa, per una donna su 4 azioni lesive della dignità

Emicrania sconfitta stimolando il nervo vago dall’esterno

Con un apparecchietto che il paziente può applicare sul collo e senza dolore