lafucina.it
Cibo e Salute

Pomì e i pomodori “solo padani”

Polemica su facebook per lo spot dell'azienda che fa il sugo

Pubblicato il 04/11/2013 da La Fucina

”Pomì utilizza solo pomodori freschi e padani”. Questo il senso del testo della pubblicità dell’azienda Pomì apparsa su diversi quotidiano italiani e che ha scatenato le reazioni sul web. Il riferimento, secondo gli utenti dei social network, sarebbe ai pomodori prodotti in Campania e soprattutto nella “terra dei Fuochi“, area flagellata dalla presenza di rifiuti tossici. Il riferimento non si coglie certo dallo spot dei quotidiani, ma l’azienda è stata “tradita” da una sua dichiarazione su Facebook, che accompagna lo spot sottolineando “i recenti scandali di carattere etico/ambientale” degli altri produttori di pomodori in Italia.Lo spot apparso sui quotidiani nazionali è questo:“Pomì utilizza solo pomodori freschi dei soci del Consorzio Casalasco, coltivati nel cuore della Pianura Padana, ad una distanza media inferiore ai 50 km dagli stabilimenti di confezionamento”.Uno spot che sulla carta alla situazione della Campania non fa certo riferimento. A scatenare le reazioni sul web dei consumatori è però la descrizione che accompagna la foto dello spot pubblicata da Pomì Italia sul profilo Facebook dell’azienda:“I recenti scandali di carattere etico/ambientale che coinvolgo produttori ed operatori nel mondo dell’industria conserviera stanno muovendo l’opinione pubblica, generando disorientamento nei consumatori verso questa categoria merceologica. Il Consorzio Casalasco del Pomodoro e il brand Pomì sono da sempre contrari e totalmente estranei a pratiche simili, privilegiando una comunicazione chiara e diretta con il consumatore. Per questo motivo l’azienda comunicherà sui principali quotidiani nazionali e locali, ribadendo i suoi valori e la sua posizione in questa vicenda. Si tratta di un atto dovuto non soltanto nei confronti dei consumatori, ma anche nel rispetto delle aziende agricole socie, del personale dipendente e di tuti gli stakeholders che da sempre collaborano per ottenere la massima qualità nel rispetto delle persone e dell’ambiente”.Alla precisazione dell’azienda sono seguiti i commenti di sdegno dei lettori, che invocano il boicottaggio. Come Camillo, che scrive: “Da meridionale, vi ringrazio per avermi chiarito le idee sulla prossima azienda da boicottare”, e Barbara che aggiunge: ”Invito tutti, ma proprio tutti, a boicottare la Pomì. Speculare su un disastro ambientale di cui quel medesimo nord è altamente responsabile, unitamente alle forze camorristiche, alle istituzioni ed alle amministrazioni locali, è da vigliacchi, da infami e da disonesti”. E se Marì invita l’azienda a ”chiedere scusa”, Riccardo chiede: “Ma noooo!!! Dovevate scrivere: “Il nostro prodotto km zero è garanzia di qualità… (continua con la solita fuffa)”. In questo modo create delle crisi, ma chi vi tiene l’ufficio stampa?”. (Fonte)pomi_padani





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Meningite, bimbo di 1 anno ricoverato a Cesena

Ricoverato dal 19 febbraio all'ospedale Bufalini di Cesena

Cosa succede al tuo corpo quando mangi un Big Mac?

Ti è mai capitato di mangiare un Big Mac e avere fame mezz’ora dopo?

Richiamati crostini per la presenza di fibra non alimentare

Pam Panorama richiama tre lotti di crostini dorati

Cibo spazzatura crea stessi danni diabete per reni

Una dieta a base di cibo spazzatura puo' causare danni ai reni del tutto simili a quelli causati dal diabete

Ue: in calo vittime di cancro, ma flessione è più lenta tra le donne

Evitati oltre 4 mln morti in 30 anni

Gastroenterologi, il 30% delle gastroscopie e colonscopie che si fanno è inutile

30 milioni bruciati per 500 mila procedure evitabili

Mille euro in busta paga a chi smette di fumare

L'iniziativa di un'agenzia di comunicazione di Sarezzo, in provincia di Brescia

Fumo, la nostalgia può dare una spinta in più per smettere

Studio, campagne no basate su paura, ma che tocchino corde cuore

Meningite, donna in prognosi riservata a Catania

Diagnosticata una meningite da meningococco C

Aifa, prezzi etici o produrremo farmaci anti epatite C in proprio

gi al via trattativa con aziende; Melazzini, cureremo tutti

Infarto e cure, 1 struttura su 2 sotto la soglia di sicurezza di 100 casi l’anno

Una struttura sanitaria su due (49%) in Italia non rispetta i volumi minimi di attività fissati dal ministero della Salute

Lorenzin: “Chiusura definitiva ospedali psichiatrici giudiziari, giornata storica”

Beatrice Lorenzin, ministra della Salute, si dichiara "estremamente soddisfatta"

Farmaci, stop precauzionale ad anticancro seno dopo decessi

Noto anticancro docetaxel nei tumori al seno

Correre frena l’invecchiamento del cuore,difende Dna cellule

Bastano 30 minuti al giorno

Meningite, 14enne in Rianimazione a Milano

Regione convoca esperti