lafucina.it
Gossip

Si appartano e sparisce la catenina. Ma viene assolta

La storia di un sessantenne e di una ragazza dell'est

Pubblicato il 05/11/2013 da La Fucina

Si apparta al mercato con una bellissima ragazza conosciuta sul momento. Poi lamenta il furto della catenina, denuncia la ladra, ma nemmeno la riconosce in Tribunale. Così la ragazza è stata assolta. E' successo a Fabriano. La giovane era stata accusata di essersi appartata con lui per sfilargli dal collo la catenina d'oro. Ma ieri in occasione della ricognizione, l'uomo, 60 anni di Fabriano, non l'ha identificata. La donna, 32 anni di origini romene, è residente a Perugia, è stata assolta dall'accusa di furto. Per la 32enne, difesa dall'avvocato Giacomo Manduca, il pm aveva chiesto l'assoluzione, che è stata poi accolta dal giudice. Il momento clou del processo ieri quando l'uomo, messo di fronte a tre ragazze somiglianti all'imputata per tratti somatici, è stato chiamato a riconoscere la presunta ladra. Ma il fabrianese non solo ha indicato un'altra persona - un'avvocatessa che si era prestata per il confronto - ma ha addirittura escluso per prima proprio l'imputata. La denuncia risale al 6 ottobre 2012, quando a Fabriano era giorno di mercato. Era il primo pomeriggio quando l'uomo avrebbe avvicinato la giovane dell'est, intenta a guardare una bancarella. Dopo una chiacchierata, i due si sarebbero appartati in auto per trascorrere un po' di tempo lontano da occhi indiscreti. Solo qualche effusione, secondo la difesa, poi la ragazza se ne sarebbe andata. Solo dopo l'uomo si sarebbe accorto che la catenina d'oro che portava al collo non c'era più. Pace per l'oggetto, seppur di valore, se non fosse che poi la sera, sempre nei pressi del mercato, l'uomo avrebbe riconosciuto la voce della rumena come quella della ladra del primo pomeriggio. E così il 60enne si è rivolto subito alle forze dell'ordine per denunciarla. La difesa ha sempre sostenuto l'inattendibilità della testimonianza dell'accusa. Non solo perché la donna sarebbe stata riconosciuta solo dalla voce ma soprattutto perché la donna aveva l'obbligo di firma a Perugia alle 17. Dunque, secondo la difesa, sarebbe stato impensabile che la rumena compisse il furto, tornasse a Perugia per firmare e poi tornasse nuovamente al mercato di Fabriano la sera stessa.





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui Gossip:





NOTIZIE + RECENTI

Noci o noccioline salvano il cuore e contrastano il tumore

Bastano 20 grammi al giorno, frenano i radicali liberi

Meningite Milano: ISS, studentesse uccise da stesso batterio

Assessore Gallera, impossibile determinare identità genetica

Rischio salmonella nel cibo per cani

Ecco qual è il cibo ritirato

Cambiare ordine alimenti per abbassare glicemia, chiave dieta

No a conteggio delle calorie, fondamentale tenere d'occhio fegato

Nell’orzo il segreto contro obesità, depressione e demenza

Cereale contiene molecola che favorisce i geni protettivi

Un cerotto potrà riparare il cuore dopo l’infarto

Si applica e ripristina il ritmo cardiaco

Aids: ogni 2 minuti un giovane si contagia

Previsto boom di casi, +60% nel 2030 fra adolescenti

Fumo,mai troppo tardi per smettere,riduce rischio morte

70enni fumatori pericolo triplo di morire prematuramente

Pezzi di vetro nello stracchino Granarolo: ritirato da Auchan e Simply

Auchan e Simply hanno richiamato le confezioni da 170 grammi

Salame Auchan ritirato: potenzialmente pericoloso per la salute

I prodotti alimentari sono stati ritirati dagli store Auchan per 'allerta microbiologica'

Aviaria: il virus è di nuovo in Europa

La Svezia stermina 200.000 polli per nuovi casi d’influenza aviaria

Col gelato a colazione cervello ‘si sveglia’, più scattante

Diviene più reattivo e più veloce nella elaborazione dati

Caffè in capsule potenziale veicolo di ftalati

Potrebbe rappresentare un rischio per la nostra salute

Tutte le ricette del corso di cucina “Prevenzione a tavola”

In esclusiva una carrellata di tutte le ricette che troverete nel corso

Gli scienziati: “Basta bugie su Babbo Natale”

Per gli esperti mentire ai bimbi è sbagliato