lafucina.it
Cibo e Salute

Cibo spazzatura, la pubblicità arriva sul web

Nel 2012 sei miliardi di banner sono comparsi su facebook

Pubblicato il 07/11/2013 da La Fucina

L'allarme arriva dalla prestigiosa università di Yale che ha condotto uno studio, presentato al meeting dell'American Public Health Association: nel 2012 su Facebook ci sono stati sei miliardi di banner che pubblicizzavano "cibo spazzatura".Secondo lo studio le catene di fast food stanno riducendo la loro presenza negli spot in tv, ma la "potenza di fuoco" si sta concentrando sui social network e sui siti preferiti dai bambini.Il rapporto denuncia "pochi miglioramenti" nelle politiche dei ristoranti contro l'obesità infantile e per un corretto stile di vita. "Se da una parte molte catene hanno introdotto frutta e verdura nei propri menu, solo 33 delle oltre 5mila combinazioni censite soddisfano gli standard nutrizionali dei bimbi".Dove poi la buona volonta sembra sparire è nel settore pubblicitario. "La spesa in pubblicità delle tre principali catene nel 2012 - spiegano gli autori, coordinati da Jennifer Harris - è stata di 4,6 miliardi di dollari, con un aumento dell'8% rispetto all'anno precedente". (Today)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Allerta super-fungo letale negli ospedali di New York, 44 casi

Candida auris resistente, 17 morti a Ny, arriva da Giappone

Cesena, mangia sushi e poi muore. “Verifiche anche sull’operato dei soccorsi”

La donna aveva cenato in un ristorante di Savignano. La titolare: "Io? Sono tranquilla"

Il caffè protegge dal cancro alla prostata, minimo 3 tazzine

Studio italiano, azione confermata in vitro con estratti caffè

Lotto antibiotico ritirato da farmacie

Risultato fuori specifica riscontrato sul suddetto lotto

Lorenzin: sì tasse su tabacco, sono contro morte

'Battaglia contro fumo è la prima battaglia di salute'

Come liberarsi dell’unghia incarnita in pochi minuti

Sequestrato lotto di polenta bio

Troppo glutine e micotossine pericolose

Mangiare cioccolata e cibi grassi: colpa dei geni

Varianti Dna associate a preferenze alimentari,contrastano diete

Meningite, liceale in terapia intensiva a Milano

Un ragazzo di 18 anni è ricoverato in Terapia intensiva all'ospedale Niguarda di Milano

Bibite zuccherate e diet fanno invecchiare il cervello

Aumenta rischio demenza e ictus

Mette il sale nella caffettiera: quello che succede è sorprendente

Succo di barbabietola migliora prestazioni cervello

Maggiore connettività in regioni associate alla funzione motoria

Salgono a 1600 casi di morbillo nel 2017, 4 su 10 ricoverati

Monitoraggio Ministero della Salute, età media 27 anni

Caffè ha doppio aromi vino ma solo nonni sanno riconoscerli

Nel dopoguerra tostatura a casa, ora sparite torrefazioni locali

Tribunale, uso scorretto cellulare causa tumore

Sentenza a Ivrea. Legali, Inail condannata a risarcire dipendente azienda