lafucina.it
Società

Licenziato chi gioca al Pc in ufficio

Lo si evince da una sentenza con cui la Cassazione ha accolto il ricorso di un'azienda contro un dipendente

Pubblicato il 07/11/2013 da La Fucina

Rischia di essere licenziato il dipendente sorpreso a giocare, anche per ore, al computer in ufficio invece di svolgere il suo lavoro. Lo si evince da una sentenza con cui la Cassazione ha accolto il ricorso di una societa' contro un verdetto della Corte d'appello di Roma che aveva dichiarato la nullita' del licenziamento intimato a un dipendente accusato di "avere utilizzato, durante l'orario di lavoro, il computer dell'ufficio per giochi, con un impiego - si legge nella sentenza depositata oggi - calcolato nel periodo di oltre un anno, di 260-300 ore", provocando cosi' "un danno economico e di immagine all'azienda".I fatti risalgono al 2007: in primo grado, il tribunale di Roma confermo' il licenziamento, mentre la Corte d'appello decise di annullarlo, condannando il datore di lavoro a riassumere entro 3 giorni il dipendente o a risarcirlo con 6 mensilita'. La decisione dei giudici di secondo grado era stata motivata dal fatto che, nella lettera di contestazione, si faceva "riferimento ad un solo episodio concreto", restando cosi' per il resto "generica e tale da non consentire al lavoratore una puntuale difesa". La sezione lavoro della Cassazione ha accolto invece il ricorso dell'azienda sottolineando che "l'addebito mosso al lavoratore di utilizzare il computer in dotazione a fini di gioco non puo' essere ritenuto logicamente generico per la sola circostanza della mancata indicazione delle singole partite giocate abusivamente dal lavoratore".Per la Suprema Corte e' "dunque illogica" la motivazione della sentenza d'appello "che lamenta indicazione specifica delle singole partite giocate, essendo il lavoratore posto in grado di approntare le proprie difese anche con la generica contestazione di utilizzare in continuazione, e non in episodi specifici isolati, il computer aziendale". La Corte d'appello di Roma, dunque, dovra' riaprire il caso "non considerando generica la lettera di contestazione da cui poi e' conseguito il licenziamento", concludono i giudici di 'Palazzaccio'. (AGI) .





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Sbagliato fino a un terzo diagnosi asma negli adulti

In molti casi pazienti con altra malattia o in remissione

Il frutto contro la gastrite

Le mele contengono una sostanza chiamata sorbitolo, che aiuta a trattare vari problemi intestinali

La ‘dieta perenne’ allunga la vita

Il verdetto finale sulla restrizione calorica

La nuova cura (italiana) che sconfigge il cancro al cervello dei bambini

E' più efficace e meno tossica

Influenza: 3 milioni di italiani a letto, boom di visite mediche

Da inizio stagione. Triplicate consultazioni medici di famiglia

Tutti i benefici della barbabietola rossa

Per il suo colore spesso non viene servita sulle tavole, ma è ricca di proprietà benefiche

Mangiare peperoncino ‘allunga’ la vita

Cala del 13% mortalità per malattie cuore e ictus

Farmaci scaduti e sporcizia: la faccia triste degli ospedali italiani

Ecco il triste scenario delineato dai Nas

‘Superbatterio’ resiste a tutti antibiotici

Allarme per morte donna

Stress lavoro porta all’infarto, per Tar è causa di servizio

Accolto ricorso funzionario polizia della Liguria

Gli amanti della pasta mangiano meglio, hanno diete più sane

Chi la mangia regolarmente assume più nutrienti fondamentali

Donne esposte da bimbe a fumo passivo più a rischio aborto

Associazione se in casa c'erano due o più fumatori

Lorenzin, firma Lea passaggio storico per sanità italiana

Cosa sono i Lea e come si 'misurano'

Scoperto l’interruttore chiave dell’invecchiamento cellulare

Scoperta chiave per controllare processi legati anche all'incidenza dei tumori

Influenza: già otto morti da inizio epidemia, 63 gravi

Metà in Emilia Romagna, in tutti i casi patologie preesistenti