lafucina.it
Società

Licenziato chi gioca al Pc in ufficio

Lo si evince da una sentenza con cui la Cassazione ha accolto il ricorso di un'azienda contro un dipendente

Pubblicato il 07/11/2013 da La Fucina

Rischia di essere licenziato il dipendente sorpreso a giocare, anche per ore, al computer in ufficio invece di svolgere il suo lavoro. Lo si evince da una sentenza con cui la Cassazione ha accolto il ricorso di una societa' contro un verdetto della Corte d'appello di Roma che aveva dichiarato la nullita' del licenziamento intimato a un dipendente accusato di "avere utilizzato, durante l'orario di lavoro, il computer dell'ufficio per giochi, con un impiego - si legge nella sentenza depositata oggi - calcolato nel periodo di oltre un anno, di 260-300 ore", provocando cosi' "un danno economico e di immagine all'azienda".I fatti risalgono al 2007: in primo grado, il tribunale di Roma confermo' il licenziamento, mentre la Corte d'appello decise di annullarlo, condannando il datore di lavoro a riassumere entro 3 giorni il dipendente o a risarcirlo con 6 mensilita'. La decisione dei giudici di secondo grado era stata motivata dal fatto che, nella lettera di contestazione, si faceva "riferimento ad un solo episodio concreto", restando cosi' per il resto "generica e tale da non consentire al lavoratore una puntuale difesa". La sezione lavoro della Cassazione ha accolto invece il ricorso dell'azienda sottolineando che "l'addebito mosso al lavoratore di utilizzare il computer in dotazione a fini di gioco non puo' essere ritenuto logicamente generico per la sola circostanza della mancata indicazione delle singole partite giocate abusivamente dal lavoratore".Per la Suprema Corte e' "dunque illogica" la motivazione della sentenza d'appello "che lamenta indicazione specifica delle singole partite giocate, essendo il lavoratore posto in grado di approntare le proprie difese anche con la generica contestazione di utilizzare in continuazione, e non in episodi specifici isolati, il computer aziendale". La Corte d'appello di Roma, dunque, dovra' riaprire il caso "non considerando generica la lettera di contestazione da cui poi e' conseguito il licenziamento", concludono i giudici di 'Palazzaccio'. (AGI) .





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Mille euro in busta paga a chi smette di fumare

L'iniziativa di un'agenzia di comunicazione di Sarezzo, in provincia di Brescia

Fumo, la nostalgia può dare una spinta in più per smettere

Studio, campagne no basate su paura, ma che tocchino corde cuore

Meningite, donna in prognosi riservata a Catania

Diagnosticata una meningite da meningococco C

Aifa, prezzi etici o produrremo farmaci anti epatite C in proprio

gi al via trattativa con aziende; Melazzini, cureremo tutti

Infarto e cure, 1 struttura su 2 sotto la soglia di sicurezza di 100 casi l’anno

Una struttura sanitaria su due (49%) in Italia non rispetta i volumi minimi di attività fissati dal ministero della Salute

Lorenzin: “Chiusura definitiva ospedali psichiatrici giudiziari, giornata storica”

Beatrice Lorenzin, ministra della Salute, si dichiara "estremamente soddisfatta"

Farmaci, stop precauzionale ad anticancro seno dopo decessi

Noto anticancro docetaxel nei tumori al seno

Correre frena l’invecchiamento del cuore,difende Dna cellule

Bastano 30 minuti al giorno

Meningite, 14enne in Rianimazione a Milano

Regione convoca esperti

Meningite, muore una donna a Milano

Grave bimba di 7 mesi

Il rimedio naturale per ripulire i reni dalle tossine

Molte erbe naturali ci permettono di purificare i reni dalle tossine

Influenza, decessi salgono a 35 ma contagi in calo

Quasi 4,5 milioni da inizio stagione, si va verso fine epidemia

Cosa succede se mangiamo le carote crude

È meglio mangiare verdure cotte o crude?

Cosa succede al nostro cervello quando beviamo caffè

Un professore ha analizzato il proprio cervello per 18 mesi sottoponendosi a risonanza magnetica funzionale per due giorni a settimana

Metodo naturale per avere capelli morbidi e voluminosi