lafucina.it
Politica

“Andreotti e Craxi fecero uccidere Dalla Chiesa”

La dichiarazione shock del pentito Francesco Onorato. E Riina voleva uccidere Giulio

Pubblicato il 07/11/2013 da La Fucina

"Salvatore Biondino mi disse che per quanto riguarda il progetto di uccidere Giulio Andreotti e il figlio, si stavano interessando i fratelli Graviano a Roma. C'era qualche problema perché gli venne rinforzata la scorta. Ma l'omicidio si sarebbe fatto". Lo ha detto il pentito Francesco Onorato rispondendo al pm Nino Di Matteo oggi nell'udienza del processo per la trattativa Stato-mafia.A proposito del fallito attentato contro il giudice Giovanni Falcone all'Addaura, il collaboratore di giustizia ha affermato, citando sempre Biondino: "Mi disse che eravamo stati noi a mettere in giro la voce che era stato Falcone stesso a mettersi la bomba. Dovevamo far diventare Falcone come un bugiardo, un uomo di poco conto. Mi disse anche che questa era una pressione fatta dai politici"."Sento parlare di trattativa tra Stato e mafia. Ma quale trattativa? Io ho visto la convivenza tra politica, Stato e mafia. Toto' Riina ha ragione quando dice che lo Stato lo ha lasciato solo. Prima lo Stato, Craxi e Andreotti, gli hanno fatto fare le cose, gli hanno fatto uccidere il generale Dalla Chiesa. E poi lo hanno lasciato solo. Perche' Dalla Chiesa non dava fastidio a Cosa nostra". Lo ha detto il pentito Francesco Onorato, deponendo stamattina davanti alla Corte d'Assise di Palermo nel processo per la trattativa Stato-mafia. Secondo Onorato - che apprendeva le informazioni da Salvatore Biondino, "coordinatore" della commissione provinciale e sempre in contatto con Toto' Riina assieme al quale fu arrestato il 15 gennaio del 1993 - dopo la conferma delle condanne del maxi processo in Cassazione, ad inizio 1992, Riina se avesse potuto i politici li "avrebbe uccisi tutti". Tuttavia c'era una lista di vittime: "i primi della lista erano Salvo Lima e Giulio Andreotti. Ma c'erano anche Calogero Mannino, Vizzini, i cugini Salvo, Claudio Martelli, Ferruzzi e Gardini". Il capomafia corleonese, secondo il pentito, voleva assassinare anche il commissario Rino Germana', che scampo' a un agguato ed e' stato il primo teste del processo per la trattativa. Cosa nostra, ha raccontato Onorato, nel 1992 era adirata anche con l'allora ministro della Giustizia Caludio Martelli: "Io da reggente della famiglia di Partanna Mondello, tra il 1987 e il 1988 presi 200 milioni per finanziare Claudio Martelli perche' si diceva che faceva uscire i mafiosi dal carcere", ha dichiarato l'ex boss, collegato in videoconferenza.(Agi)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Ritirati lotti di Salsiccia Sarda Campidanese

Il Gruppo Auchan l'ha richiamata a titolo precauzionale e volontario

Oms, misure contro tabacco per 63% popolazione mondiale

Numeri in crescita, ma industria interferisce con politiche

Vaccini, Senato approva decreto

Con 171 sì, 63 no e 19 astenuti

Via libera Ue a riduzione sostanza cancerogena acrilammide in fritture

Ma no limiti vincolanti. Si trova in patatine, caffè e prodotti forno

I 10 benefici dell’anguria

Scopri quanti effetti benefici ha l'anguria, il frutto dell'estate

Il sonnellino dura più di un’ora? Rischi il diabete di tipo 2

Studio giapponese presentato a Monaco, ma esperti Gb lo confutano

Da nuova classe farmaci speranze anche per Diabete tipo 1

Purrello (Sid), bloccare glucagone può avere un impatto clinico

Charlie, Parlamento Usa gli concede cittadinanza così potrà essere curato in America

L'incontro di ieri con gli esperti non aveva convinto i medici inglesi

Spossatezza, crampi fino al collasso tra gli effetti del troppo caldo

Esperti, importanti alimentazione 'multicolor' e idratazione

I cibi anti-età che fanno sparire le rughe

Il mal di testa si può curare anche con gli impulsi elettrici

Studio italiano dimostra efficacia neurostimolazione

Tumore vescica, fumo principale fattore rischio

78% italiani non sa che si può prevenire, 37% non ne ha mai sentito parlare

Dieta mediterranea, alleato nei pazienti oncologici

Libro consiglia alimenti e ricette di supporto alle cure

Istamina nel tonno, ritirato il tonno in scatola all’olio di girasole Algarve

Potrebbe provocare la sindrome sgombroide

Ministero Salute, anomalie su 1% cibi e bevande controllate

Dati 2016, infrazioni sul 25% di impianti e mezzi di trasporto