lafucina.it
Sport

Anche un consigliere comunale fra gli ultras della Nocerina

Intanto un calciatore racconta quei momenti di paura: 'Me la sono fatta sotto'

Pubblicato il 12/11/2013 da La Fucina

Pino Alfano a Nocera è allo stesso tempo ultrà e consigliere comunale con delega allo sport. Pino Alfano vede la storia di Salernintana-Nocerina in un modo tutto suo, come una sorta di disobbedienza civile e non violenta. Le minacce ai giocatori della Nocerina? Pino Alfano le smonta così: “Ti taglio la capa che è, ‘na minaccia?” Domanda retorica. Per il consigliere che, si definisce “di fatto assessore da un sacco di anni” la risposta è no. O meglio. La risposta è che ti spaventi ”solo se sei un ragazzo. Un professionista vero non si farebbe condizionare. Però capirebbe il messaggio”.Il messaggio, quello di inventarsi degli infortuni per non giocare, ad Andrea Malaguti della Stampa, Alfano lo spiega con uno slogan: “Rispettare la nocerinità”, qualsiasi cosa sia o voglia dire la nocerinità. Nel caso del derby non giocato su ordine e minacce degli ultras “nocerinità” era simulare cinque infortuni per impedire che la partita si giocasse. Che sia vigliaccheria pura è semplice è difficile da sostenere se si dà credito a quanto un giocatore “venuto dal nord” racconta a Malaguti:Eccitati. Gridavano: «Onorateci», con l’orgoglio retorico di chi è convinto che ogni cosa presto sarà inondata di splendore. E tutto sarà chiaro. O brucerà. Quando i giocatori sono usciti in strada quelli, gli ultrà, hanno cominciato a diventare aggressivi. Li hanno schiacciati sul pullman. «Onorateci, onorateci, onorateci». Un incubo. Ma che cosa volevano dire? Volevano dire che per ragioni di ordine pubblico ai tifosi della Nocerina era stato impedito l’accesso allo stadio di Salerno. Un derby atteso 27 anni. Una rivalità, quasi tribale. E i tifosi costretti a restare fuori. Un insulto. Intollerabile. «Se noi non possiamo venire, voi non dovete giocare». I calciatori sono sbiancati. Molti di loro hanno appena vent’anni. Qualcuno anche meno. Tremavano. I filmati della polizia mostrano le minacce con chiarezza. Uomini con spalle da scaricatore di porto e la testa rasata che alzano le mani. Le mettono al collo di questi atleti-bambini da mille euro al mese che sotto l’onda d’urto sembrano cadetti rammolliti a bordo di un sottomarino. Una cosa più grande di loro. «Se mettete piede in campo siete morti. Lo Stato ci offende impedendoci di essere presenti e voi dovete stare dalla nostra parte. Ci dicevano cose così», racconta un atleta-bambino arrivato dal Nord. «Sono qui in prestito. Non voglio guai. Se il mio nome esce sono rovinato. Me la sono fatta sotto. Picchiavano i pugni sul pullman. C’erano esplosioni. Tutto questo per Alfano di fatto non c’è stato. Il consigliere ultrà nega le pressioni: “Abbiamo solo detto: non c’è festa senza musica. E noi tifosi siamo la musica”. Con lui anche il sindaco di Nocera: “La loro è stata una forma non cruenta di disobbedienza civile”. E la città è con lui, una città in cui calcio e politica sono vicinissimi e nei bar si racconta che il sindaco di Salerno, il Pd De Luca, fa “dispetti” a Giovanni Citarella, che oltre a essere patron della Nocerina è costruttore edile vicino a Edmondo Cirielli, bandiera locale del Pdl. (fonte)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Sbagliato fino a un terzo diagnosi asma negli adulti

In molti casi pazienti con altra malattia o in remissione

Il frutto contro la gastrite

Le mele contengono una sostanza chiamata sorbitolo, che aiuta a trattare vari problemi intestinali

La ‘dieta perenne’ allunga la vita

Il verdetto finale sulla restrizione calorica

La nuova cura (italiana) che sconfigge il cancro al cervello dei bambini

E' più efficace e meno tossica

Influenza: 3 milioni di italiani a letto, boom di visite mediche

Da inizio stagione. Triplicate consultazioni medici di famiglia

Tutti i benefici della barbabietola rossa

Per il suo colore spesso non viene servita sulle tavole, ma è ricca di proprietà benefiche

Mangiare peperoncino ‘allunga’ la vita

Cala del 13% mortalità per malattie cuore e ictus

Farmaci scaduti e sporcizia: la faccia triste degli ospedali italiani

Ecco il triste scenario delineato dai Nas

‘Superbatterio’ resiste a tutti antibiotici

Allarme per morte donna

Stress lavoro porta all’infarto, per Tar è causa di servizio

Accolto ricorso funzionario polizia della Liguria

Gli amanti della pasta mangiano meglio, hanno diete più sane

Chi la mangia regolarmente assume più nutrienti fondamentali

Donne esposte da bimbe a fumo passivo più a rischio aborto

Associazione se in casa c'erano due o più fumatori

Lorenzin, firma Lea passaggio storico per sanità italiana

Cosa sono i Lea e come si 'misurano'

Scoperto l’interruttore chiave dell’invecchiamento cellulare

Scoperta chiave per controllare processi legati anche all'incidenza dei tumori

Influenza: già otto morti da inizio epidemia, 63 gravi

Metà in Emilia Romagna, in tutti i casi patologie preesistenti