lafucina.it
Politica

Ilva, la telefonata choc di Vendola

Risate al telefono per le domande sui tumori Vendola deve dimettersi. Dal blog di Biagio Simonetta

Pubblicato il 15/11/2013 da Redazione La Fucina

Vendola deve dimettersi. Dal blog di Biagio Simonetta

Riportiamo di seguito quanto si legge sul Fatto Quotidiano di oggi:

E’ il 19 novembre 2009. La conferenza stampa di presentazione del “Rapporto ambiente e sicurezza” dell’Ilva è appena terminata. Luigi Abbate, giornalista dell’emittente tarantina Blustar Tv, si avvicina a Emilio Riva, 87enne ex patron dell’acciaio e gli chiede: “La realtà non è così rosea visti i tanti morti per tumore…”. Riva non è abituato a domande scomode. Abbozza una risposta bofonchiando: “Ve li siete inventati” e si salva grazie all’intervento del suo addetto alle relazioni istituzionali Girolamo Archinà, che strappa letteralmente il microfono dalle mani del giornalista. Il video finisce su Youtube e comincia a fare il giro d’Italia. Diversi mesi più tardi, nel luglio del 2010, appena tornato da un viaggio in Cina anche Nichi Vendola lo vede. A mostrarglielo sono stati “degli amici di Roma”, in quei giorni interessati al caso Ilva perché in quei giorni l’azienda era tornata sulle pagine dei giornali a causa della diffusione dei dati dell’Arpa sui livelli allarmanti di benzo(a)pirene a Taranto. Il video della conferenza stampa sarà al centro di una telefonata tra il governatore della Puglia e Archinà, considerato dai pm la “longa manus” dei Riva. 

Nell’intercettazione, il governatore di Puglia ride di gusto dicendo ad Archinà di aver apprezzato “lo scatto felino”. Confessa di essersi divertito insieme al suo capo di gabinetto. Definisce una “scena fantastica” l’immagine di Archinà che impedisce al giornalista di intervistare Emilio Riva. Il leader di Sel, ridendo, rivolge anche i suoi “complimenti” ad Archinà. Non solo. Riferendosi al giornalista lo definisce una “faccia di provocatore”. Vendola, che afferma di aver fatto davvero le battaglie a difesa della vita e della salute, suggerisce di “stringere i denti” di fronte a questi improvvisatori “senza arte né parte”. E aggiunge: “Dite a Riva che il presidente non si è defilato”.

Oggi Nichi Vendola è tra i 53 indagati dell’inchiesta “Ambiente svenduto”. Per la procura di Taranto, che ha coordinato l’attività investigativa della Guardia di finanza, il leader di Sinistra ecologia e libertà ha fatto pressioni sul direttore generale dell’Arpa Puglia, Giorgio Assennato, perché ammorbidisse il suo atteggiamento nei confronti dell’Ilva. Concussione.

  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

iWatch: lo smartwatch apple arriverà dopo l’iPhone 6

Secondo Ming-Chi Kuo, analista del mondo Apple, arriverà dopo il sesto iPhone

Carte di credito clonate: è allarme ai bancomat

Un dispositivo ruba i dati delle carte e permette ai truffatori di svuotare i conti bancari

Le migliori spezie ed erbe per la prevenzione del cancro

E per dare più sapore al cibo

I 10 momenti più belli della storia del M5S

Dal primo V-Day alla formazione dell'eurogruppo con Nigel Farage

8 cose che non sapevi sulla tua faccia

Le nostre orecchie continuano a crescere

Concita Wurst sfila per Jean Paul Gaultier

E si guadagna il baciamano dello stilista

Agave americana: La pianta che fiorisce e poi muore

In Michigan un esemplare è fiorito per la prima volta dopo 80 anni

Le 7 prime pagine più vergognose contro Grillo

Non basterebbe un libro per riportarle tutte

Mais Ogm: ripubblicato lo studio di Séralini

La pubblicazione dello studio del professore era stata ritirata dalla rivista Food and Chemical Toxicology

Aumenti sigarette: Stangata dal 1 agosto

E c'è il rischio che le tasse sulle e-cig: aumentino del 480%

I 5 politici più bassi di Berlusconi

Brunetta è il quarto nella lista

I 5 incredibili modi in cui i colori controllano la tua vita

I colori influenzano la nostra vita più di quanto pensiamo

7 motivi per fare più sesso

Il sesso fa bene alla salute

25 luoghi da visitare prima di morire

Dalle Bolle di Ghiaccio del Lago Abraham alla spiaggia del Navagio a Zante

Allagamenti Milano sono conseguenza cementificazione

Il cemento impermeabilizza il territorio e l’acqua è costretta a correre in superficie