lafucina.it
Società

Tredicesime ferme al palo

Rispetto all'anno passato saranno più alte di circa un euro. E molte sono a rischio

Pubblicato il 18/11/2013 da La Fucina

Saranno poco più di 33 milioni gli italiani che quest'anno percepiranno la tredicesima, la cui entità rimarrà praticamente invariata rispetto allo scorso anno. Complessivamente finiranno nelle tasche di pensionati e dipendenti circa 37 miliardi di euro.Secondo quanto calcolato dalla CGIA di Mestre, le tredicesime in arrivo a dicembre rimarranno sostanzialmente invariate rispetto all´anno scorso. Un operaio specializzato con un reddito lordo annuo di poco superiore ai 21.000 euro, pari ad uno stipendio mensile di 1.255 euro, riceverà una tredicesima più "pesante" di appena un euro rispetto a quella dell´anno scorso. Un impiegato con un reddito lordo annuo di oltre 25.600 euro, pari ad una busta paga netta di 1.419 euro, avrà 2 euro in più nella tredicesima di quest´anno. Infine, un capo ufficio con un reddito lordo annuo di quasi 50.000 euro (che corrisponde ad uno stipendio mensile netto di 2.545 euro) non beneficerà di alcun aumento. "Nei primi nove mesi di quest´anno - fa notare il segretario della CGIA Giuseppe Bortolussi - l´inflazione e gli adeguamenti retributivi dei lavoratori dipendenti sono aumentati in egual misura: se il costo della vita è cresciuto dell´1,3 per cento, l´indice di rivalutazione contrattuale Istat è salito dell´1,4 per cento. Pertanto, rispetto allo stesso periodo del 2012, il potere d´acquisto dei lavoratori è rimasto pressoché invariato".Bortolussi: anche questo Natale rischia di essere all'insegna del rigore "Secondo una nostra stima - prosegue Bortolussi - l´importo dovrebbe essere pari a 37 miliardi di euro. Questa somma garantirà alle casse dell´Erario un gettito di oltre 9,5 miliardi di euro. L´auspicio è che una buona parte di questi 37 miliardi vengano spesi per rilanciare i consumi interni. Mai come in questo momento gli artigiani e i commercianti hanno bisogno di veder ripartire la domanda interna. Senza nessuna inversione di tendenza, anche questo Natale rischia di essere all´insegna del rigore, con ripercussioni molto negative sui bilanci dei lavoratori autonomi. Ricordo che per molte attività le vendite nel periodo natalizio incidono fino al 30/40 per cento del fatturato annuale".A livello regionale, la concentrazione più rilevante di coloro che incasseranno la tredicesima mensilità si registra, chiaramente, in Lombardia, con poco più di 6 milioni di persone. Segue il Lazio, con oltre 3 milioni di percettori e il Veneto, con quasi 2 milioni e 900 mila destinatari.A rischio le tredicesime dei lavoratori dipendenti piccole imprese Potrebbero essere a rischio le tredicesime dei lavoratori dipendenti del settore privato. Bortolussi segnala che c'è lapercezione che molti imprenditori potrebbero trovarsi in difficoltà nel pagare le tredicesime. Da sempre il mese di dicembre presenta una elevata concentrazione di scadenze fiscali e contributive. Detto ciò, è possibile, considerata la scarsa liquidità a disposizione, che molti decidano di onorare gli impegni con il fisco e di posticipare il pagamento della tredicesima, o di una parte di essa, mettendo in difficoltà, loro malgrado, le famiglie dei propri dipendenti".(Fonte: Finanza.com)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Gastroenterologi, no all’abuso di controlli specialistici

Documento associazione Aigo a convegno Bologna, le 5 linee guida

Per una muscolatura forte vanno bene anche i legumi

Non servono solo carne e uova

Usa, donna muore dopo iniezione di curcuma

Morire dopo un'iniezione di curcuma dal naturopata

Allerta alimentare del Ministero Salute: non consumare il Tramezzino R RIVA

Possibile presenza di Listeria

La carne che gli italiani comprano è sempre meno

Osservatorio consumi, meno carne ma di qualità, maiale al top

Scuola: Bologna, in due istituti si mangerà prima secondo

Per incrementare consumo verdura. Dal 3/4 coinvolti 350 bambini

Cibi ‘a basso contenuto di..’ possono ingannare

Studio Usa su 80 milioni di prodotti, non sempre salutari

I figli delle mamme 30-40enni hanno meno difficoltà emotive e sociali

Sgridano e puniscono meno i loro bambini. Il vantaggio declina dopo i 15 di età

Lo stile di vita protegge cuore e arterie

Nuove conferme da un nuovo studio pubblicato su The Lancet

Di notte al bagno? Troppo sale nella dieta

Studio presentato dai ricercatori giapponesi dell'Università di Nagasaki

Insulina spray nasale contro l’Alzheimer,al via test clinici

Studio Sniff,ormone potrebbe ripristinare memoria e cognizione

Farmaci: Agenzia Ue sospende 300 generici,studi inaffidabili

Commissione renderà decisione vincolante, in attesa di nuovi dati

Contro il tumore alla vescica primo passo avanti nelle cure dopo 30 anni

Pinto (Aiom), parte ora la seconda 'era' della immunoterapia contro i tumori

Ricerca: alimentazione con più verdure previene malattie

Batteri orali dei sardi di 2 secoli fa svelano segreti longevità

Italia candida cultura tartufo in patrimonio Unesco

Commissione Norcia si è fatta promotore