lafucina.it
Autori

Shalabayeva, una storia di petrolio e di spionaggio

di Alberto Massari

Pubblicato il 21/11/2013 da Alberto Massari

“Shalabayeva, una storia di petrolio e di spionaggio… forse”, così si esprime Milena Gabanelli, una voce che la politica ciclicamente tenta di spegnere.Giova ricordare che dopo le prime notizie relative alla ingiusta espulsione di Alma e Alua, ai primi di giugno, seguì un inspiegabile – non è vero – silenzio di oltre quaranta giorni, dopo di ché il governo Letta rischiò di cadere e cinque deputati del MoVimento 5 Stelle, per primi, si recarono in Kazakistan per dare voce alla incolpevole signora Shalabayeva. Quella mossa di politica estera colpì a tal punto nel segno, che il ministro degli esteri kazako, in una interessante intervista, riferendosi alla vicenda nominò il solo M5S, sancendo di fatto il disconoscimento della restante classe politica italiana. Nel frattempo, Mukhtar Ablyazov, oppositore politico o delinquente a seconda dei punti di vista, si faceva arrestare in Francia, centrando un duplice obbiettivo: salvarsi la vita e prendere tempo per pensare alle mosse successive a quella più importante e dolorosa della sua vita: il sacrificio della Regina. Questa è la tesi di alcuni e del sottoscritto, secondo la quale Ablyazov avrebbe attirato in una trappola le forze di sicurezza italiane, contando sul fatto che, arrestando e consegnando a Nazarbayev moglie e figlia, ne sarebbe nato un caso internazionale, accendendo i riflettori sulla lotta al potere in Kazakistan. I primi di ottobre viene pubblicato dall’editore Adagio: Shalabayeva – Il caso non è chiuso, un e-book realizzato da chi scrive, che racconta la vicenda e sostiene una tesi chiara e semplice: tutto questo non doveva accadere e se è accaduto in Italia il motivo è che il paese è senz’anima e l’anima che manca si chiama intelligence o servizi segreti che dir si voglia. Non che AISI e AISE non esistano – il presidente del Copasir comunque non ne sapeva nulla – è che si dedicano a non si sa che, o meglio, lo si sa benissimo, stando agli scandali, ai morti e agli arresti, per tacer del resto, che ne costellano la storia dalla loro nascita. Senza offesa a un eroico servitore dello Stato come Nicola Calipari, e ai pochi come lui.Così, il 25 novembre, la puntata di Report di Milena Gabanelli dedicato alla signora Shalabayeva ci vedrà spettatori attenti e soddisfatti di avere immaginato, a metà luglio, che la vicenda non sarebbe scomparsa dai radar dell’informazione, per quanti sforzi avrebbero fatto la politica e l’informazione prezzolata per farla dimenticare. Tale soddisfazione è doveroso condividerla con la editor e l’editore che decisero in solo tre ore la pubblicazione di Shalabayeva, dimostrando quella indipendenza, intelligenza e onestà intellettuale di cui sono carenti troppe donne e troppi uomini preposti alla sicurezza e alla guida del Paese.Oggi è in preparazione una edizione accresciuta, di cui anticipo una modesta proposta ivi contenuta: l’Italia si faccia promotrice di un tavolo di mediazione invitando il Kazakistan e la Francia con la finalità di mettere fine allo scontro tra il Presidente Nursultan Nazarbayev e il suo ex ministro Mukhtar Ablyazov, detto altrimenti di mettere la parola “Pace” tra i due. L’Italia avrà così l’occasione di promuovere un’azione a salvaguardia della sovranità del Kazakistan, interponendosi agli interessi di quanti sono interessati a violarla, alimentandone conflitti interni ed esterni. L’Italia potrà proporsi quale mediatore tra la Francia, che detiene il vero oggetto del contendere – Ablyazov – e il Kazakistan, solo a patto di emendarsi dalla grave violazione dei diritti di Alma e Alua, istituendo una commissione parlamentare che indaghi sulla vicenda, come auspicato, se non erro, da uno dei parlamentari del M5S di ritorno da Astana. Con buona pace della diplomazia “parallela” del Cane a sei zampe. Molte cose paiono impossibili a farsi prima di essere fatte.





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Allerta alimentare del Ministero Salute: non consumare il Tramezzino R RIVA

Possibile presenza di Listeria

La carne che gli italiani comprano è sempre meno

Osservatorio consumi, meno carne ma di qualità, maiale al top

Scuola: Bologna, in due istituti si mangerà prima secondo

Per incrementare consumo verdura. Dal 3/4 coinvolti 350 bambini

Cibi ‘a basso contenuto di..’ possono ingannare

Studio Usa su 80 milioni di prodotti, non sempre salutari

I figli delle mamme 30-40enni hanno meno difficoltà emotive e sociali

Sgridano e puniscono meno i loro bambini. Il vantaggio declina dopo i 15 di età

Lo stile di vita protegge cuore e arterie

Nuove conferme da un nuovo studio pubblicato su The Lancet

Di notte al bagno? Troppo sale nella dieta

Studio presentato dai ricercatori giapponesi dell'Università di Nagasaki

Insulina spray nasale contro l’Alzheimer,al via test clinici

Studio Sniff,ormone potrebbe ripristinare memoria e cognizione

Farmaci: Agenzia Ue sospende 300 generici,studi inaffidabili

Commissione renderà decisione vincolante, in attesa di nuovi dati

Contro il tumore alla vescica primo passo avanti nelle cure dopo 30 anni

Pinto (Aiom), parte ora la seconda 'era' della immunoterapia contro i tumori

Ricerca: alimentazione con più verdure previene malattie

Batteri orali dei sardi di 2 secoli fa svelano segreti longevità

Italia candida cultura tartufo in patrimonio Unesco

Commissione Norcia si è fatta promotore

Magnesio: consumo quotidiano previene cardiopatie, ictus e diabete

Il minerale potrebbe essere responsabile dei benefici della dieta mediterranea

Sapone liquido batte mousse nell’eliminare i germi

Meno efficaci nell'eliminare batteri che possono causare infezioni

Stop import, torna la stagione delle cozze italiane

Da Cnr e coop produttori monitoraggio biologico e sensoriale