lafucina.it
Autori

L’anno della morte di Silvio Berlusconi

di Paolo Becchi

Pubblicato il 25/11/2013 da Paolo Becchi

José Saramago in quello che resta il suo romanzo più profondo, O ano da morte de Ricardo Reis, descrive Fernando Pessoa mentre vaga nella sua città, Lisbona, dopo che la stampa ha già annunciato la sua morte. Il suo alter ego, Reis appunto, non riesce a spiegarsi come un morto possa ancora camminare per le strade della sua città, ma Pessoa ha una spiegazione illuminante: «Dopo che siamo morti non possono più vederci e tutti i giorni ci dimenticano un po’, tranne casi eccezionali nove mesi è quanto basta per il totale oblio». Insomma, come ci sono voluti nove mesi per venire al mondo cosi ce ne vogliono all’ incirca altrettanti per uscire definitivamente dalla scena.Berlusconi è di fatto morto con la sentenza di agosto, data precisa con la quale è cambiato per la prima volta il suo status: una condanna passata in giudicato lo dichiara colpevole di frode fiscale. In quel giorno Berlusconi è morto ma, da allora, continua ancora ad aggirarsi per le strade del nostro Paese. No, non è un fantasma. A Reis che gli chiede se da morto riesce a passare attraverso i muri Pessoa risponde: «non sono affatto un fantasma... un fantasma viene dall' altro mondo, io mi limito a venire dal cimitero dei Prazeres».Ebbene questa è la stessa condizione attuale di Berlusconi, con l’ unica differenza che lui è ancora convinto di essere politicamente vivo ed in effetti, dopo aver bevuto l’ amaro calice dei traditori, Berlusconi sembra aver riaperto, in qualche modo, i giochi, con il rilancio di Forza Italia. Separando Forza Italia e alfaniani, i voti per Berlusconi sembrerebbero, di fatto, aumentare anziché diminuire. Che di partiti, ora, Berlusconi ne abbia dunque due – uno di lotta e all’ opposizione e l’altro di governo?Si tratta, però, di un’illusione. Il vero aspetto politico della “separazione” interna al Pdl è un altro. Con il passaggio di Berlusconi all’opposizione, muta infatti completamente il significato dell’ attuale Governo Letta. Il Governo era nato da una precisa operazione politica, iniziata con la rielezione di Napolitano, che aveva come finalità quella delle cosiddette “larghe intese” per escludere dal gioco politico l’unica forza politica uscita vincente dalle elezione: il MoVimento 5 stelle.Ora quella maggioranza si è dissolta, ma il Governo va avanti come se nulla fosse successo. L’ultimo anno di vita di Berlusconi avrebbe dovuto essere anche l’ ultimo anno del Governo Letta. Invece, con una astuta manovra, ci si è liberati del Cavaliere lasciando in piedi un Governo privo di quella legittimità del voto elettorale che con l’uscita di scena di Berlusconi è venuta a mancare.L’esito del voto di mercoledì sulla decadenza è scontato e, nonostante Berlusconi ci abbia abituato ai colpi di scena, questa volta non ci sarà alcun colpo di scena. Solo, forse, un mesto discorso d’addio o un comizio con i suoi “fedelissimi”, puntato tutto ancora una volta sul disco ormai rotto dello strapotere dei giudici. Ma il destino è ormai segnato. L’epilogo giudiziario di Berlusconi sarà nei prossimi mesi drammatico e definitivo: il processo per la compravendita di senatori è destinato ad andare avanti sino i fondo, ed i magistrati non sembrano proprio decisi a fare sconti al Cavaliere (si pensi al “caso Ruby”, dove i giudici sono stati addirittura più duri dei Pm e ora ad essere indagati saranno anche i suoi avvocati).Ultimi bagliori di un crepuscolo: l’appello per la concessione della grazia, la replica dura di Napolitano («Non solo non ci sono condizioni per clemenza, ma ha usato anche toni senza misura»), le nuove accuse lanciate dal Cavaliere contro tutto e tutti (Epifani, che si dovrà «vergognare finché campa»; Alfano, che non scenderà in piazza il 27 novembre; il voto di decadenza, «colpo di Stato che parte da una sentenza politica che io ho definito criminale»).Ma non si tratta neppure di questo, in fondo: il dato politico rilevante è, infatti, che Berlusconi è stato eliminato prima di tutto dal suo stesso partito. Berlusconi può anche fare buon viso a cattiva sorte, sperando in una prossima “ricucitura” elettorale con gli “alfaniani”: è l’ultima mossa, ma, come nel romanzo di Saramago, da oggi mancano solo “nove mesi per il totale oblio”.





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Allerta super-fungo letale negli ospedali di New York, 44 casi

Candida auris resistente, 17 morti a Ny, arriva da Giappone

Cesena, mangia sushi e poi muore. “Verifiche anche sull’operato dei soccorsi”

La donna aveva cenato in un ristorante di Savignano. La titolare: "Io? Sono tranquilla"

Il caffè protegge dal cancro alla prostata, minimo 3 tazzine

Studio italiano, azione confermata in vitro con estratti caffè

Lotto antibiotico ritirato da farmacie

Risultato fuori specifica riscontrato sul suddetto lotto

Lorenzin: sì tasse su tabacco, sono contro morte

'Battaglia contro fumo è la prima battaglia di salute'

Come liberarsi dell’unghia incarnita in pochi minuti

Sequestrato lotto di polenta bio

Troppo glutine e micotossine pericolose

Mangiare cioccolata e cibi grassi: colpa dei geni

Varianti Dna associate a preferenze alimentari,contrastano diete

Meningite, liceale in terapia intensiva a Milano

Un ragazzo di 18 anni è ricoverato in Terapia intensiva all'ospedale Niguarda di Milano

Bibite zuccherate e diet fanno invecchiare il cervello

Aumenta rischio demenza e ictus

Mette il sale nella caffettiera: quello che succede è sorprendente

Succo di barbabietola migliora prestazioni cervello

Maggiore connettività in regioni associate alla funzione motoria

Salgono a 1600 casi di morbillo nel 2017, 4 su 10 ricoverati

Monitoraggio Ministero della Salute, età media 27 anni

Caffè ha doppio aromi vino ma solo nonni sanno riconoscerli

Nel dopoguerra tostatura a casa, ora sparite torrefazioni locali

Tribunale, uso scorretto cellulare causa tumore

Sentenza a Ivrea. Legali, Inail condannata a risarcire dipendente azienda