lafucina.it
Autori

L’anno della morte di Silvio Berlusconi

di Paolo Becchi

Pubblicato il 25/11/2013 da Paolo Becchi

José Saramago in quello che resta il suo romanzo più profondo, O ano da morte de Ricardo Reis, descrive Fernando Pessoa mentre vaga nella sua città, Lisbona, dopo che la stampa ha già annunciato la sua morte. Il suo alter ego, Reis appunto, non riesce a spiegarsi come un morto possa ancora camminare per le strade della sua città, ma Pessoa ha una spiegazione illuminante: «Dopo che siamo morti non possono più vederci e tutti i giorni ci dimenticano un po’, tranne casi eccezionali nove mesi è quanto basta per il totale oblio». Insomma, come ci sono voluti nove mesi per venire al mondo cosi ce ne vogliono all’ incirca altrettanti per uscire definitivamente dalla scena.Berlusconi è di fatto morto con la sentenza di agosto, data precisa con la quale è cambiato per la prima volta il suo status: una condanna passata in giudicato lo dichiara colpevole di frode fiscale. In quel giorno Berlusconi è morto ma, da allora, continua ancora ad aggirarsi per le strade del nostro Paese. No, non è un fantasma. A Reis che gli chiede se da morto riesce a passare attraverso i muri Pessoa risponde: «non sono affatto un fantasma... un fantasma viene dall' altro mondo, io mi limito a venire dal cimitero dei Prazeres».Ebbene questa è la stessa condizione attuale di Berlusconi, con l’ unica differenza che lui è ancora convinto di essere politicamente vivo ed in effetti, dopo aver bevuto l’ amaro calice dei traditori, Berlusconi sembra aver riaperto, in qualche modo, i giochi, con il rilancio di Forza Italia. Separando Forza Italia e alfaniani, i voti per Berlusconi sembrerebbero, di fatto, aumentare anziché diminuire. Che di partiti, ora, Berlusconi ne abbia dunque due – uno di lotta e all’ opposizione e l’altro di governo?Si tratta, però, di un’illusione. Il vero aspetto politico della “separazione” interna al Pdl è un altro. Con il passaggio di Berlusconi all’opposizione, muta infatti completamente il significato dell’ attuale Governo Letta. Il Governo era nato da una precisa operazione politica, iniziata con la rielezione di Napolitano, che aveva come finalità quella delle cosiddette “larghe intese” per escludere dal gioco politico l’unica forza politica uscita vincente dalle elezione: il MoVimento 5 stelle.Ora quella maggioranza si è dissolta, ma il Governo va avanti come se nulla fosse successo. L’ultimo anno di vita di Berlusconi avrebbe dovuto essere anche l’ ultimo anno del Governo Letta. Invece, con una astuta manovra, ci si è liberati del Cavaliere lasciando in piedi un Governo privo di quella legittimità del voto elettorale che con l’uscita di scena di Berlusconi è venuta a mancare.L’esito del voto di mercoledì sulla decadenza è scontato e, nonostante Berlusconi ci abbia abituato ai colpi di scena, questa volta non ci sarà alcun colpo di scena. Solo, forse, un mesto discorso d’addio o un comizio con i suoi “fedelissimi”, puntato tutto ancora una volta sul disco ormai rotto dello strapotere dei giudici. Ma il destino è ormai segnato. L’epilogo giudiziario di Berlusconi sarà nei prossimi mesi drammatico e definitivo: il processo per la compravendita di senatori è destinato ad andare avanti sino i fondo, ed i magistrati non sembrano proprio decisi a fare sconti al Cavaliere (si pensi al “caso Ruby”, dove i giudici sono stati addirittura più duri dei Pm e ora ad essere indagati saranno anche i suoi avvocati).Ultimi bagliori di un crepuscolo: l’appello per la concessione della grazia, la replica dura di Napolitano («Non solo non ci sono condizioni per clemenza, ma ha usato anche toni senza misura»), le nuove accuse lanciate dal Cavaliere contro tutto e tutti (Epifani, che si dovrà «vergognare finché campa»; Alfano, che non scenderà in piazza il 27 novembre; il voto di decadenza, «colpo di Stato che parte da una sentenza politica che io ho definito criminale»).Ma non si tratta neppure di questo, in fondo: il dato politico rilevante è, infatti, che Berlusconi è stato eliminato prima di tutto dal suo stesso partito. Berlusconi può anche fare buon viso a cattiva sorte, sperando in una prossima “ricucitura” elettorale con gli “alfaniani”: è l’ultima mossa, ma, come nel romanzo di Saramago, da oggi mancano solo “nove mesi per il totale oblio”.





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Sbagliato fino a un terzo diagnosi asma negli adulti

In molti casi pazienti con altra malattia o in remissione

Il frutto contro la gastrite

Le mele contengono una sostanza chiamata sorbitolo, che aiuta a trattare vari problemi intestinali

La ‘dieta perenne’ allunga la vita

Il verdetto finale sulla restrizione calorica

La nuova cura (italiana) che sconfigge il cancro al cervello dei bambini

E' più efficace e meno tossica

Influenza: 3 milioni di italiani a letto, boom di visite mediche

Da inizio stagione. Triplicate consultazioni medici di famiglia

Tutti i benefici della barbabietola rossa

Per il suo colore spesso non viene servita sulle tavole, ma è ricca di proprietà benefiche

Mangiare peperoncino ‘allunga’ la vita

Cala del 13% mortalità per malattie cuore e ictus

Farmaci scaduti e sporcizia: la faccia triste degli ospedali italiani

Ecco il triste scenario delineato dai Nas

‘Superbatterio’ resiste a tutti antibiotici

Allarme per morte donna

Stress lavoro porta all’infarto, per Tar è causa di servizio

Accolto ricorso funzionario polizia della Liguria

Gli amanti della pasta mangiano meglio, hanno diete più sane

Chi la mangia regolarmente assume più nutrienti fondamentali

Donne esposte da bimbe a fumo passivo più a rischio aborto

Associazione se in casa c'erano due o più fumatori

Lorenzin, firma Lea passaggio storico per sanità italiana

Cosa sono i Lea e come si 'misurano'

Scoperto l’interruttore chiave dell’invecchiamento cellulare

Scoperta chiave per controllare processi legati anche all'incidenza dei tumori

Influenza: già otto morti da inizio epidemia, 63 gravi

Metà in Emilia Romagna, in tutti i casi patologie preesistenti