lafucina.it
Cibo e Salute

Tumori multipli, ecco chi rischia

In Italia ci sono 2 milioni e 800mila persone che rischiano più delle altre di vedersi diagnosticare un tumore

Pubblicato il 03/12/2013 da La Fucina

MILANO - In Italia ci sono 2 milioni e 800mila persone che rischiano più delle altre di vedersi diagnosticare un tumore. Sono gli ex-pazienti, già curati in precedenza per una neoplasia e con il 10 per cento in più di probabilità di ammalarsi di nuovo rispetto a chi non ha mai avuto il cancro. Allo studio dei tumori multipli è interamente dedicato il Rapporto AIRTUM 2013 dell’Associazione Italiana Registri tumori pubblicato come supplemento di Epidemiologia & Prevenzione, la rivista dell’Associazione Italiana di Epidemiologia, che fa il punto su questo problema per offrire un utile strumento di prevenzione e cura dei secondi tumori.GLI EX MALATI RISCHIANO DI PIÙ - Le persone che vivono dopo una diagnosi di cancro sono sempre più numerose e rappresentano oltre il quattro per cento della popolazione italiana. «Ci sono diversi motivi per spiegare i rischi maggiori a cui vanno incontro gli ex-pazienti – spiega Emanuele Crocetti, segretario nazionale AIRTUM -. Innanzitutto ci sono le stesse “cause scatenanti” del primo tumore, come risulta chiaro per esempio nei fumatori per le forme di cancro che insorgono nei diversi organi bersaglio dell’esposizione a fumo di tabacco. E poi ci sono la predisposizione genetica e gli effetti collaterali di trattamenti effettuati per il primo tumore. Infine, c’è la maggiore attenzione diagnostica, perché gli ex pazienti si sottopongono a frequenti e regolari controlli di follow up e questo può portare a un “eccesso” di diagnosi, portando alla luce neoplasie che sarebbero restate silenti e mai individuate in altre persone, senza modificare la loro aspettativa di vita». Secondo gli esperti, lo studio dei tumori successivi al primo è importante per diverse ragioni. Prima di tutto per quantificare, per sede di primo e sede di secondo tumore, se questo rischio sia diverso per i pazienti rispetto alla popolazione generale. Poi queste conoscenze aiutano i medici a stabilire meglio follow-up clinico, cioè i controlli successivi al trattamento della prima neoplasia. Infine per capire di più sui processi di formazione del cancro, visto che I tumori multipli possono essere espressione di sindromi ereditarie e anche effetto collaterale di alcune terapie .COSA SI PUÒ FARE - Che chemio e radioterapia possano indurre nel tempo, anche a distanza di molti anni, all’insorgenza di altri tumori è cosa ormai ben nota agli oncologi: «Non bisogna allarmarsi – precisa Crocetti –: anche per questo gli ex malati vengono sorvegliati, in modo da scoprire e curare tempestivamente eventuali recidive o seconde neoplasie. Così come si vigila, con le molte strategie che oggi sono a disposizione, su chi ha una predisposizione genetica. C’è però qualcosa di utile che i pazienti possono fare per limitare le probabilità di ammalarsi di nuovo: modificare il proprio stile di vita, renderlo il più salutare possibile». Alcuni studi hanno indagato sulle abitudini di chi si è lasciato un cancro alle spalle, scoprendo che spesso restano immutate rispetto ai comportamenti a rischio. O addirittura sono peggiori rispetto a quelle di chi non si è mai ammalato. Eppure è stato scientificamente dimostrato: se si segue un’alimentazione corretta, si evitano sovrappeso e obesità, si fa regolarmente attività fisica e, soprattutto, si smette di fumare diminuiscono di diversi punti percentuali le probabilità di avere una ricaduta del primo tumore o di ammalarsi una seconda volta di una diversa forma di cancro.IL RAPPORTO - Il rapporto AIRTUM 2013 si basa sui dati raccolti, dal 1976 al 2010, da 31 Registri tumori italiani, che complessivamente coprono circa la metà della popolazione residente nel Paese. «Abbiamo seguito nel tempo 1.643.217 pazienti (884.945 uomini e 758.272 donne) che hanno ricevuto una diagnosi di tumore tra il 1976 e il 2010 e abbiamo documentato un aumento di circa il 10 per cento del rischio di avere una nuova diagnosi tumorale rispetto alla popolazione generale – dice Carlotta Buzzoni, statista dell’Istituto Per Lo Studio E La Prevenzione Oncologica (ISPO) di Firenze e coordinatrice del rapporto -. Più precisamente, il pericolo sale del 12 per cento fra le donne e dell’8 fra gli uomini, una differenza di percentuali che si spiega soprattutto con la diversa natura delle forme di cancro più frequenti nei due sessi». Per capire meglio basta pensare al carcinoma mammario, che in molti casi ha cause genetiche ed ormonali, comuni ad altri tipi di cancro (come quelli di colon e ovaio): il che favorisce le probabilità di sviluppare una seconda neoplasia. Probabilità sostenute anche dal fatto che la stragrande maggioranza delle donne curate per un tumore al seno vive a lungo e invecchiando cresce naturalmente per tutti il pericolo d’ammalarsi.Vera Martinella (Fondazione Veronesi) per Corriere.it





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Menopausa precoce si tiene a bada con tofu, soia e pane nero

Consumare molte proteine vegetali è il segreto per allungare potenzialmente la propria vita riproduttiva

Lorenzin, da luglio defibrillatori in tutti gli impianti sportivi

Firmato decreto con ministero dello Sport. Lotti, mantenuta promessa

Dott. Mozzi: mal di testa e alimentazione

Caldo, l’allarme del cardiologo: “Rischio svenimenti e aritmie”

Molti anziani finiscano in pronto soccorso per malori legati al gran caldo

Come sbiancare il bucato con l’aspirina

Un metodo semplice ed efficace

Allarme colazione, per 10 mln ‘addio’ al modello italiano

Indagine Aidepi, tra falsi miti condanna grassi e no carboidrati

Lettini solari,in 30 anni hanno fatto aumentare tumori pelle

Oms, ogni anno causano 450mila casi tra Usa, Europa e Australia

Tumore al rene, in Italia 120 mila persone vive dopo la diagnosi

Lorenzin: “Dolorosissima morte bimbo ucciso da morbillo”

Bisogna rispettare la medicina e le verità scientifiche per fare il bene dei nostri figli

Muore bimbo di 6 anni per complicanze da morbillo

Affetto da leucemia, ricoverato a Monza. Contagiato da fratelli non vaccinati

L’estratto di uva può proteggere contro il cancro al colon

Bene i test sugli animali, agisce sulle staminali tumorali

Sciroppo per la tosse ritirato dagli scaffali

Allarme nelle farmacie

I dolcificanti aumentano il rischio di diabete

Peggio dello zucchero, aumentano il rischio di diabete e obesità

Diabete, dai broccoli una sostanza utile per il controllo della glicemia?

Il sulforafano potrebbe rivelarsi utile per il trattamento del diabete di tipo 2

Morbillo, Oms: “In Europa oltre 5mila casi, il 43% in Italia”

Preoccupazione per la situazione attuale