lafucina.it
Società

Italia, un Paese in vendita. I marchi scappati via

Dai gelati Algida alla Ducati, tutto il made in Italy che non c'è più

Pubblicato il 11/12/2013 da La Fucina

L'Italia e' in declino perche' aziende simbolo del Made in Italy vengono svendute a gruppi esteri. Secondo lo studio "Outlet Italia" realizzato da Uil Pa ed Eurispes, la vicenda di Telecom-Telefonica "e' solo la punta dell'iceberg" di un fenomeno che va avanti da vent'anni. Dal 2008 al 2012 sono stati registrati (rilevazioni di Kpmg) 437 passaggi di proprieta' dall'Italia all'estero ed i gruppi stranieri hanno speso circa 55 miliardi di euro per ottenere i marchi italiani. La ricerca Eurispes-Uil ha preso in esame 130 importanti marchi che negli ultimi 20 anni per motivazioni differenti hanno registrato cambiamenti nella proprieta': dall'Algida alla Negroni, dalla Perugina alla Galbani; da Cinzano a Vecchia Romagna, a Peroni, Stock, Star; da Atala a Lamborghini; da Fiorucci a Bulgari e Loro Piana. L'analisi di Gian Maria Fara, Presidente dell'Eurispes, e' che "l'afflusso di capitali esteri nel nostro Paese non e' avvenuto secondo le normali regole di mercato e le aziende si sono dovute piegare a una vendita 'sottocosto' rispetto al loro reale valore. E per quanto ci si sforzi di imputare al mercato globalizzato tutte le colpe di una simile situazione, e' ormai chiaro che qualcosa non quadra e che i conti di certo non tornano. Come non torna l'assenza dello Stato e della politica e, insieme, di quella classe dirigente generale che non ha preso una posizione forte rispetto al progressivo sfaldamento della nostra economia preferendo un atteggiamento silenzioso, e per questo in qualche modo complice. Nonostante si parli ormai da anni della vendita a prezzi stracciati del "prodotto Italia", infatti, nessuno ha mai voluto davvero dire la verita' e cioe' che nulla e' stato fatto per contrastare lo stato delle cose"."La svendita della nostra rete produttiva - fa notare Benedetto Attili, segretario generale Uil Pa - ci impoverisce sia dal lato economico, poiche' siamo costretti giocoforza a vendere a un prezzo inferiore rispetto a quello reale, sia per la perdita di asset immateriali, a volte di difficile quantificazione economica, perche' vengono meno la tradizione, l'esperienza e la storia insita in ciascuna delle aziende di cui ci priviamo. In questo senso, va ricordato che la nostra imprenditoria e' fatta di imprese, costruite nel corso degli anni esaltando il concetto di qualita'. Non solo. Accanto a questi problemi non si puo' tacere sulla condizione nella quale versano migliaia di lavoratori che si ritrovano in cassaintegrazione e, probabilmente invano, attendono la possibilita' di un reintegro a ogni nuovo cambio di proprieta'. E neanche e' piu' possibile sottacere il dramma di quanti si sono trovati improvvisamente senza lavoro e senza alcuna tutela". "Nonostante i problemi e le difficolta' - conclude Attili - l'Italia continua a essere un grande incubatore di eccellenze e le nostre aziende, sia pure nuotando controcorrente, riescono a farsi valere anche in campo internazionale. Ma questa capacita', per quanto performante, deve essere accompagnata e sostenuta attraverso una serie di azioni che creino intorno alle nostre imprese le migliori condizioni di crescita, di sviluppo e di proiezione verso l'esterno". (AGI)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Allerta super-fungo letale negli ospedali di New York, 44 casi

Candida auris resistente, 17 morti a Ny, arriva da Giappone

Cesena, mangia sushi e poi muore. “Verifiche anche sull’operato dei soccorsi”

La donna aveva cenato in un ristorante di Savignano. La titolare: "Io? Sono tranquilla"

Il caffè protegge dal cancro alla prostata, minimo 3 tazzine

Studio italiano, azione confermata in vitro con estratti caffè

Lotto antibiotico ritirato da farmacie

Risultato fuori specifica riscontrato sul suddetto lotto

Lorenzin: sì tasse su tabacco, sono contro morte

'Battaglia contro fumo è la prima battaglia di salute'

Come liberarsi dell’unghia incarnita in pochi minuti

Sequestrato lotto di polenta bio

Troppo glutine e micotossine pericolose

Mangiare cioccolata e cibi grassi: colpa dei geni

Varianti Dna associate a preferenze alimentari,contrastano diete

Meningite, liceale in terapia intensiva a Milano

Un ragazzo di 18 anni è ricoverato in Terapia intensiva all'ospedale Niguarda di Milano

Bibite zuccherate e diet fanno invecchiare il cervello

Aumenta rischio demenza e ictus

Mette il sale nella caffettiera: quello che succede è sorprendente

Succo di barbabietola migliora prestazioni cervello

Maggiore connettività in regioni associate alla funzione motoria

Salgono a 1600 casi di morbillo nel 2017, 4 su 10 ricoverati

Monitoraggio Ministero della Salute, età media 27 anni

Caffè ha doppio aromi vino ma solo nonni sanno riconoscerli

Nel dopoguerra tostatura a casa, ora sparite torrefazioni locali

Tribunale, uso scorretto cellulare causa tumore

Sentenza a Ivrea. Legali, Inail condannata a risarcire dipendente azienda