lafucina.it
Società

Italia, un Paese in vendita. I marchi scappati via

Dai gelati Algida alla Ducati, tutto il made in Italy che non c'è più

Pubblicato il 11/12/2013 da La Fucina

L'Italia e' in declino perche' aziende simbolo del Made in Italy vengono svendute a gruppi esteri. Secondo lo studio "Outlet Italia" realizzato da Uil Pa ed Eurispes, la vicenda di Telecom-Telefonica "e' solo la punta dell'iceberg" di un fenomeno che va avanti da vent'anni. Dal 2008 al 2012 sono stati registrati (rilevazioni di Kpmg) 437 passaggi di proprieta' dall'Italia all'estero ed i gruppi stranieri hanno speso circa 55 miliardi di euro per ottenere i marchi italiani. La ricerca Eurispes-Uil ha preso in esame 130 importanti marchi che negli ultimi 20 anni per motivazioni differenti hanno registrato cambiamenti nella proprieta': dall'Algida alla Negroni, dalla Perugina alla Galbani; da Cinzano a Vecchia Romagna, a Peroni, Stock, Star; da Atala a Lamborghini; da Fiorucci a Bulgari e Loro Piana. L'analisi di Gian Maria Fara, Presidente dell'Eurispes, e' che "l'afflusso di capitali esteri nel nostro Paese non e' avvenuto secondo le normali regole di mercato e le aziende si sono dovute piegare a una vendita 'sottocosto' rispetto al loro reale valore. E per quanto ci si sforzi di imputare al mercato globalizzato tutte le colpe di una simile situazione, e' ormai chiaro che qualcosa non quadra e che i conti di certo non tornano. Come non torna l'assenza dello Stato e della politica e, insieme, di quella classe dirigente generale che non ha preso una posizione forte rispetto al progressivo sfaldamento della nostra economia preferendo un atteggiamento silenzioso, e per questo in qualche modo complice. Nonostante si parli ormai da anni della vendita a prezzi stracciati del "prodotto Italia", infatti, nessuno ha mai voluto davvero dire la verita' e cioe' che nulla e' stato fatto per contrastare lo stato delle cose"."La svendita della nostra rete produttiva - fa notare Benedetto Attili, segretario generale Uil Pa - ci impoverisce sia dal lato economico, poiche' siamo costretti giocoforza a vendere a un prezzo inferiore rispetto a quello reale, sia per la perdita di asset immateriali, a volte di difficile quantificazione economica, perche' vengono meno la tradizione, l'esperienza e la storia insita in ciascuna delle aziende di cui ci priviamo. In questo senso, va ricordato che la nostra imprenditoria e' fatta di imprese, costruite nel corso degli anni esaltando il concetto di qualita'. Non solo. Accanto a questi problemi non si puo' tacere sulla condizione nella quale versano migliaia di lavoratori che si ritrovano in cassaintegrazione e, probabilmente invano, attendono la possibilita' di un reintegro a ogni nuovo cambio di proprieta'. E neanche e' piu' possibile sottacere il dramma di quanti si sono trovati improvvisamente senza lavoro e senza alcuna tutela". "Nonostante i problemi e le difficolta' - conclude Attili - l'Italia continua a essere un grande incubatore di eccellenze e le nostre aziende, sia pure nuotando controcorrente, riescono a farsi valere anche in campo internazionale. Ma questa capacita', per quanto performante, deve essere accompagnata e sostenuta attraverso una serie di azioni che creino intorno alle nostre imprese le migliori condizioni di crescita, di sviluppo e di proiezione verso l'esterno". (AGI)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

“Presenza di corpi estranei”, ministero Salute ritira crostini

Ecco le marche e i lotti

Ospedale San Camillo a Roma assumerà ginecologi non obiettori

Zingaretti, attuiamo legge 194; Cei, obiezione è un diritto

Meningite, bimbo di 1 anno ricoverato a Cesena

Ricoverato dal 19 febbraio all'ospedale Bufalini di Cesena

Cosa succede al tuo corpo quando mangi un Big Mac?

Ti è mai capitato di mangiare un Big Mac e avere fame mezz’ora dopo?

Richiamati crostini per la presenza di fibra non alimentare

Pam Panorama richiama tre lotti di crostini dorati

Cibo spazzatura crea stessi danni diabete per reni

Una dieta a base di cibo spazzatura puo' causare danni ai reni del tutto simili a quelli causati dal diabete

Ue: in calo vittime di cancro, ma flessione è più lenta tra le donne

Evitati oltre 4 mln morti in 30 anni

Gastroenterologi, il 30% delle gastroscopie e colonscopie che si fanno è inutile

30 milioni bruciati per 500 mila procedure evitabili

Mille euro in busta paga a chi smette di fumare

L'iniziativa di un'agenzia di comunicazione di Sarezzo, in provincia di Brescia

Fumo, la nostalgia può dare una spinta in più per smettere

Studio, campagne no basate su paura, ma che tocchino corde cuore

Meningite, donna in prognosi riservata a Catania

Diagnosticata una meningite da meningococco C

Aifa, prezzi etici o produrremo farmaci anti epatite C in proprio

gi al via trattativa con aziende; Melazzini, cureremo tutti

Infarto e cure, 1 struttura su 2 sotto la soglia di sicurezza di 100 casi l’anno

Una struttura sanitaria su due (49%) in Italia non rispetta i volumi minimi di attività fissati dal ministero della Salute

Lorenzin: “Chiusura definitiva ospedali psichiatrici giudiziari, giornata storica”

Beatrice Lorenzin, ministra della Salute, si dichiara "estremamente soddisfatta"

Farmaci, stop precauzionale ad anticancro seno dopo decessi

Noto anticancro docetaxel nei tumori al seno