lafucina.it
Ambiente

L’inquinamento uccide più degli incidenti stradali

Il numero di morti è dieci volte superiore a quello delle vittime per incidente

Pubblicato il 16/12/2013 da La Fucina

L'inquinamento dell'aria è il killer ambientale numero uno nell'Ue, con oltre 400mila morti premature nel 2010. Una cifra che "è oltre dieci volte quella delle vittime degli incidenti stradali, con enormi costi per la salute dei cittadini e l'economia" e un danno stimato fra i 330 e i 940 miliardi di euro l'anno. A rilanciare l'allarme è il commissario europeo all'ambiente, Janez Potocnik, annunciando l'arrivo della proposta di nuove regole sulla qualità dell'aria, il prossimo 18 gennaio.Il pacchetto include: un nuovo programma europeo "aria pulita" che stabilisce chiari obiettivi delle politiche fino al 2030, la revisione della direttiva sui tetti nazionali delle emissioni, la ratifica del protocollo di Gothenburg sulle emissioni di inquinanti, più un'azione per ridurre le emissioni per gli impianti di combustione di medie dimensioni. Cosa ci si aspetta dal pacchetto Ue di riforma? "Il potenziale di guadagno dal punto di vista dei costi-guadagni è enorme" ha spiegato Potocnik, secondo cui "il numero delle morti premature dall'inquinamento dell'aria nel 2025 potrebbe essere dimezzato rispetto al 2005: questo significa circa 150.000 morti di meno ogni anno". Inoltre "per la società e l'ambiente potrebbe significare un beneficio di almeno 45 miliardi di euro l'anno, ad un costo che è dieci volte inferiore, senza contare l'impatto sugli ecosistemi" ha aggiunto il commissario europeo all'ambiente.Il pacchetto di riforma delle regole Ue non ha ancora visto la luce, ma già solleva perplessità dagli ambientalisti europei. "Avremmo sperato in un pacchetto più completo e ambizioso, mirato anche su settori chiave per l'inquinamento come agricoltura, spedizioni, trasporti su strada" spiega Alan Andrews, avvocato di Client Earth, che fa parte dello European Environmental Bureau, che riunisce 140 organizzazioni ambientaliste in Europa. Secondo Andrews inoltre gli obiettivi del protocollo di Gothenburg da ratificare "sono troppo deboli, inadeguati per la protezione dell'ambiente e della salute". (Ansa)Fatta la direttiva poi, il problema sarà la sua effettiva applicazione. La classica procedura di infrazione nei confronti degli Stati membri da parte di Bruxelles ricorda Andrews "richiede molto tempo" e "nel 2013, anno europeo dell'aria, quella con i 17 Paesi risultati fuorilegge sui limiti delle Pm10 del 2005, fra cui l'Italia, non è andata avanti". Di conseguenza "vorremmo vedere un meccanismo di allerta per gli Stati membri che saranno indietro rispetto agli obiettivi del 2020 e 2025" afferma il legale ambientalista, che fa notare un altro tasto dolente: "I limiti delle concentrazioni degli inquinanti non fanno parte del pacchetto", nonostante siano al di sopra delle linee guida dell'Oms e dei valori di studi recenti. "Questo è il motivo per cui chiediamo alla Commissione di impegnarsi a rendere più stringenti gli standard attuali al più presto possibile, dopo l'adozione di questa revisione sui tetti nazionali delle emissioni" ha concluso Andrews.





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Uova contaminate, Nas ne sequestrano oltre 92000

Nell'inchiesta due le ipotesi sull'uso fipronil

Due casi in Campania di uova contaminate, uno nelle Marche

Istituto Zooprofilattico, su 37 campionamenti 2 'non conformi'

Milano, uova contaminate al fipronil: sequestrata una partita di omelette

Sequestro in una ditta di via Canonica, zona Chinatown

Uova contaminate, il Ministero della Salute annuncia “due positività” in Italia

Su 114 campioni esaminati, segnalate a Regioni e Asl

Epidemia oppiacei Usa, quadruplicati morti dal 1999

Fentanil'killer n.1'nelle città. E' allarme anche antidepressivi

Torna la paura peste nera: ​nuovo focolaio in Arizona

In Arizona trovate pulci infette con la peste nera, la malattia che nel XIV secolo falcidiò il 60% della popolazione europea

Chi usa le sigarette elettroniche ha più probabilità di iniziare a fumare quelle tradizionali

Analisi condotta su quasi 3mila adolescenti britannici e pubblicata ieri su Tobacco Control

Uova contaminate: analisi su campioni di uova, carne di pollame e ovo-prodotti

Zooprofilattico Abruzzo eseguirà le analisi

Tutti i benefici del fico

Il fico è un frutto autunnale ricco di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

El Pais, mojitos in spiaggia sono un ‘nido batteri’

Analizzate bevande e panini di venditori ambulanti in Spagna

Malattie croniche ai polmoni, salgono i morti nel mondo

Per fumo e smog registrati 3,2 milioni di decessi nel 2015

Uova contaminate, Ue: “15 Paesi coinvolti, anche l’Italia”

L'Italia figura tra i 15 Paesi ad aver ricevuto uova dalle aziende coinvolte nello scandalo delle uova al Fipronil

Isolato nell’intestino un batterio che ‘cura’ la sclerosi multipla

Verso nuova era della medicina con i 'farma-microbi'

Sos caldo in farmacia: boom integratori e controllo pressione

Gli italiani cercano aiuto in farmacia contro i disagi da caldo

Matcha, il tè verde ricco di antiossidanti

Un articolo apparso su Food Research International ha concluso che potrebbe migliorare anche l'attenzione e la memoria