lafucina.it
Autori

Rivolta dei forconi: attenti a non fare errori

di Aldo Giannuli

Pubblicato il 18/12/2013 da Aldo Giannuli

Come promesso, vengo a dire quel che penso della nuova “rivolta dei forconi”. Il governo strepita e minaccia, i giornali scrivono cose di fuoco: vandeani, terroristi, fascisti, eversori, mafiosi, vandali… Dall’altra parte, Grillo e gruppi di estrema sinistra o di estrema destra parlano di “rivolta di popolo” ed invitano la polizia a passare dall’altra parte della barricata. I poliziotti si tolgono il casco non perché pensino di passare dalla parte degli “insorti” ma perché vogliono far sapere al governo di non essere disposti ad una repressione indiscriminata e/o troppo pesante. E c’è chi sospetta infiltrazioni ed eterodirezioni. C’è anche chi pensa ad una nuova strategia della tensione. Che sta succedendo?Come al solito, per esprimere un giudizio bisogna prima fare un po’ di analisi. Sin qui le cose più intelligenti che ho letto sono quelle di Guido Viale sul blog del Fatto che, riassumendo molto liberamente e brevemente, dice: “caro amici, sino a ieri ci chiedevamo come mai in Italia non ci fossero movimenti di reazione contro la crisi ed ora eccoci: il movimento è arrivato, anche se non è quello che immaginavamo o volevamo.”Il succo è questo: la crisi sta precipitando ed iniziano a manifestarsi i primi movimenti di protesta “fuori controllo”. Certo, noi di sinistra ce li immaginavamo diversi sia per la composizione sociale che per le forme di lotta, ma soprattutto per l’egemonia culturale che vi sarebbe affermata e che –ça va sans dire- sarebbe stata di segno marxista o, magari, anarchico. E invece no: niente masse operaie inquadrate dietro bandiere rosse con studenti e lavoratori precari ai fianchi, niente sofisticati “lavoratori immateriali” ma contadini, camionisti, impiegati licenziati e piccoli imprenditori rovinati; tutta gente che fa lavori materialissimi e per niente post moderni. E niente egemonia di sinistra, ma solo una rivolta populista rabbiosa quanto antipolitica, esasperata e di basso profilo culturale.Insomma: i conti non tornano: non era questo il movimento che aspettavamo e, dunque, “dagli al fascista”.Questo fenomeno non è “il popolo”, come pensa Grillo, e non ha i numeri di un movimento di massa: non stiamo parlando di centinaia di migliaia di persone, ma, al più di qualche decina di migliaia, però attenzione a non sottovalutarlo. A mio avviso, non siamo di fronte alla vera fiammata, ma solo al suo esordio: questo è lo starnuto che annuncia l’influenza e, forse, la polmonite. E’ un movimento fascista? C’è dietro la Mafia o un Berlusconi furibondo che gioca allo sfascio? E’ il prodotto dell’aizzamento di Grillo?Magari può far comodo pensarlo per far quadrare un po’ i conti, ma non si capisce niente di questo movimento se non si parte da un fatto: c’è una tale esasperazione sociale per gli effetti delle sciagurate politiche di austerità di Monti e di Letta (e di cui il Pd è il massimo responsabile) che il primo che inalbera un cartello con scritto “morte ai politici” si tira dietro un corteo. Questo movimento non è stato “inventato” da nessuno, è cresciuto spontaneamente. Ciò non toglie che ci siano state sovrapposizioni come quelle di Forza Nuova (ma va detto anche di gruppi di estrema sinistra come quello m-l) o che il Cavaliere ci stia generosamente inzuppando il pane.E’ probabile che nei prossimi giorni il movimento vada scemando (in fondo stiamo andando verso Natale), ma questo non significa che scomparirà nel nulla ed, anzi, una nuova e più intensa fiammata va messa nel conto, anche per la coincidenza con le elezioni europee. Allo stato attuale appare probabilissimo che saranno un referendum pro o contro l’Euro e la Ue e questi movimenti chiedono proprio la fine dell’uno e dell’altra. Dunque, è il momento di essere chiari e dire ciascuno da che parte sta. E personalmente non esito a dire che io starò dalla parte “antieuropea”, voterò e sosterrò chi chiederà la fine dell’Euro (ovviamente non gruppi fascisti che, peraltro, non sembrano avviati a clamorosi successi elettorali).Il mio amico Elia è stato violentemente e ingiustamente attaccato, in un pezzo precedente, da diversi interventori ed anche con toni poco accettabili. Confermo qui tutta la mia stima per Elia che è un giovane colto e brillante e che, anche in questo caso ha fornito molti elementi di informazione utili alla discussione. Detto questo, nel merito delle sue tesi, devo esprimere il mio pacato dissenso: non è dell’Europa dei diritti e della solidarietà che stiamo parlando e che non so se sarà mai realizzata, ma so per certo che non potrà esserlo sino a quando ci sarà questa Europa di banchieri e tecnocrati. Così come non sono affatto convinto che il pericolo principale in questo momento sia quello si una ripetizione in tutta Europa dei casi di Grecia e Ungheria.I gruppi fascisti in Europa occidentale possono avere qualche successo quando si presentano in abiti più stinti e tranquillizzanti come quelli del Fn di Marine Le Pen, ma l’ondata dei cd “euroscettici” andrà semmai a beneficio di gruppi come Afd, Veri Finlandesi, Antieuro inglesi, M5s ecc che non mi pare possano essere definiti in alcun modo partiti fascisti. E c’è anche una sinistra (soprattutto in Grecia, Portogallo e forse Spagna) che sta trovando il coraggio di dirsi antieuropea (se per anti europea si intende questa Europa dei finanzieri e non un qualsiasi ideale europeista).Perché, diciamocelo, il Nemico (quello con la N maiuscola) non è Forza Nuova ma l’asse Bce-Berlino. Ed in Italia i nomi sono quelli di Letta, Monti, Napolitano. Di fatto, la sinistra residua di questo paese (quel che resta di Rifondazione, Pdci, Sel, antagonisti vari e simili) si sta suicidando, perché non ha il coraggio di scegliere la barricata anti Ue. Questo è il principale (anche se non l’unico) terreno di scontro attuale, avere posizioni fumose in proposito significa finire ai margini dello scontro politico, tutto il resto non conta.





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Meno zuccheri nelle bibite ridurrebbe le malattie legate all’obesità

Meno incidenza di ictus, diabete e cancro ai reni

Dado vegetale: 10 buoni motivi per non usarlo

Il dado industriale contiene ingredienti controversi che sarebbe bene evitare

Trovate larve nelle confezioni di Fiocchi di Avena

Lotto sospeso

I micrortaggi tengono a bada il colesterolo e non fanno ingrassare

Dando una grossa mano al cuore

Il formaggio più puzzolente del mondo

Il Vieux Boulogne è una meraviglia, ma l'odore che emana non è molto gradevole

I grassi della frutta secca e della soia difendono dal diabete

Tutto merito degli omega 6

I 5 Antibiotici naturali che combattono le malattie

Un rimedio naturale per evitare effetti collaterali

Condire l’insalata con l’olio di semi di soia sarebbe meglio

Secondo un nuovo studio aiuta l'assorbimento dei nutrienti

Le proprietà del prezzemolo, una gustosa pianta anticancro

Il prezzemolo è un'ottima fonte di miricetina, potentissima sostanza anticancro

Cavolo, un vero antibiotico naturale

Protegge il cuore, contrasta il cancro e migliora la digestione

Meno disturbi articolari con 45 minuti di attività fisica a settimana

Studio pubblicato sulla rivista Arthritis care & research

Chewing gum allo xilitolo amico dei denti, -30% carie

Studio di ricercatrice italiano presentato al 64° Congresso dell'European Organisation for Caries Research

Sapete quanti batteri si nascondono nel nostro ufficio?

Sulla tastiera del pc, sul mouse, sulla scrivania o sulle maniglie

Le proteine in polvere fanno bene al nostro organismo?

Le usano molto gli sportivi, ma anche anziani e debilitati

Sapevate che il mirtillo rosso protegge il sistema immunitario?

Ecco tutti gli altri benefici che porta al nostro organismo