lafucina.it
Politica

De Benedetti, gli austriaci scaricano Sorgenia

Il guppo austiaco Verbund ha deciso di mettere in liquidazione la controllata italiana

Pubblicato il 24/12/2013 da La Fucina

Nuovi guai in arrivo dall’energia per la famiglia De Benedetti. Mentre le trattative con la politica e con le banche creditrici entravano nel vivo, il gruppo austriaco Verbund, storico socio nell’avventura energetica delle Compagnie Industriali Riunite, nei giorni scorsi ha deciso di mettere in liquidazione la controllata italiana in conseguenza all’azzeramento del valore della partecipazione in Sorgenia che è pari al 45,65%, mentre la holding dei De Benedetti ha in mano il 52,9 per cento.Nella delibera anticipata dall’agenzia Radiocor e depositata il 18 dicembre 2013, lo stesso giorno in cui il capoazienda di Sorgenia incontrava le banche per ufficializzare le richieste ai creditori insieme al nuovo piano industriale, Verbund chiarisce che la verifica del valore dell’attività (impairment) svolta sulla quota evidenzia “una perdita durevole del valore dell’investimento del gruppo nel settore energetico italiano”, che determina l’azzeramento del valore della partecipazione. Quest’ultimo, già a fine 2012 era stato ridotto da 654 a 152 milioni; l’ulteriore analisi (svolta in autunno) ha condotto a un provvedimento ancora più drastico. E questo in virtù della “elevata sovraccapacità presente nel mercato italiano”, del significativo calo della redditività degli impianti a gas e “delle previsioni macroeconomiche negative che porteranno a una minore domanda di energia in futuro”.Anche da queste considerazioni nasce la volontà di non contribuire ad alcun eventuale aumento di capitale di Sorgenia, “una ricapitalizzazione alla cui partecipazione – precisano gli austriaci – Verbund Italia non è comunque tenuta stante la natura giuridica di società di capitali della partecipata”. Una formula, quest’ultima, con cui il gruppo austriaco prende chiaramente le distanze da eventuali oneri e impegni legati al risanamento di Sorgenia per la quale le stesse banche creditrici nei giorni scorsi hanno chiesto proprio uno sforzo economico anche dagli azionisti, anche se c’è chi la legge come una possibile mossa negoziale nell’ambito della trattativa con le banche creditrici per la ristrutturazione della partita debitoria da 1,7 miliardi di euro.Verbund Italia, che deteneva come unico asset proprio la quota in Sorgenia è quindi finita in liquidazione dopo avere coperto con le riserve e il capitale tutte le perdite legate alle svalutazioni della società energetica e accumulate nel giro di soli 11 mesi, pari a 654 milioni. La capogruppo austriaca, nel proprio bilancio dei nove mesi, aveva comunque già rettificato per 396 milioni la quota in Sorgenia.(Fonte)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

El Pais, mojitos in spiaggia sono un ‘nido batteri’

Analizzate bevande e panini di venditori ambulanti in Spagna

Malattie croniche ai polmoni, salgono i morti nel mondo

Per fumo e smog registrati 3,2 milioni di decessi nel 2015

Uova contaminate, Ue: “15 Paesi coinvolti, anche l’Italia”

L'Italia figura tra i 15 Paesi ad aver ricevuto uova dalle aziende coinvolte nello scandalo delle uova al Fipronil

Isolato nell’intestino un batterio che ‘cura’ la sclerosi multipla

Verso nuova era della medicina con i 'farma-microbi'

Sos caldo in farmacia: boom integratori e controllo pressione

Gli italiani cercano aiuto in farmacia contro i disagi da caldo

Matcha, il tè verde ricco di antiossidanti

Un articolo apparso su Food Research International ha concluso che potrebbe migliorare anche l'attenzione e la memoria

Scoperta una nuova mutazione genetica che causa l’infertilità maschile

Previene la formazione delle cellule che servono per la produzione dello sperma

Basta poco alcol al giorno per aumentare il rischio di tumori della pelle

Non riguarda il melanoma, l'ipotesi e' che l'etanolo possa impedire la riparazione del Dna

Lo yoga ha effetti positivi sulla depressione

Lo sostengono diversi studi presentati lo scorso 3 agosto a Washington

L’allattamento riduce il rischio di tumore al seno nelle mamme

Ogni cinque mesi in più il rischio è inferiore del 2%

Penny Market richiama lotto di Acqua Monteverde minerale naturale

Possibile presenza di corpi estranei, in particolare di pulviscolo e particelle di natura inorganica inerte

Germania, ritirate dal mercato milioni di uova olandesi contaminate

Milioni di uova provenienti da Olanda e Belgio ritirate dagli scaffali dei supermercati tedeschi

Bere moderatamente vino abbassa il rischio demenza

Ecco i risultati di un imponente studio durato trent'anni

Menopausa, contro l’osteoporosi un aiuto dall’alimentazione

Con l'ingresso in menopausa le donne diventano più esposte al rischio di osteoporosi

Composto nel tè verde protegge da obesità, demenza e diabete

Riduce danni di una dieta occidentale ricca di grassi e zuccheri