lafucina.it
Cibo e Salute

Mangiare lentamente riduce la fame e il rischio d’ingrassare

Chi è più lento nel mangiare e masticare riesce a controllare meglio l’appetito

Pubblicato il 01/01/2014 da La Fucina

di LM&SDPSi dice che chi va piano va sano e va lontano ma, se si parla di alimentazione, soprattutto mangia meno e ingrassa meno. E’ quanto suggerisce un nuovo studio in cui si è scoperto che la capacità di controllare l’appetito e l’apporto energetico possono essere influenzati dalla velocità con cui si mangia.A scoprirlo sono stati i ricercatori del Dipartimento di Kinesiologia presso la Texas Christian University, che hanno osservato come una diversa velocità nel mangiare influisce sulle calorie consumate durante il pasto. E questo avviene sia nei soggetti di peso normale (o normopeso) che in quelli sovrappeso o obesi. La dott.ssa e colleghi della TCU hanno reclutato un gruppo di persone con tre condizioni di base: normopeso, sovrappeso e obesi, che avrebbero dovuto consumare due pasti in ambiente controllato. Durante il processo, i ricercatori hanno anche raccolto dati sulle sensazioni di fame e di pienezza prima e dopo i pasti a ritmo veloce e a ritmo lento e, infine, sul consumo di acqua durante i pasti. I risultati sono stati pubblicati sul Journal of the Academy of Nutrition and Dietetics.Durante la prima fase dello studio, tutti i partecipanti sono stati invitati a consumare il pasto lentamente, facendo anche sapere loro che non avevano vincoli di tempo e che dunque potevano prendersi tutto il tempo necessario per masticare lentamente, prendere piccoli morsi, fare delle pause tra una forchettata e l’altra. Nella seconda fase dello studio, i volontari sono invece stati invitati a consumare il pasto entro un limite di tempo prestabilito, per cui dovevano mangiare molto più rapidamente. In questo caso dovevano prendere grandi morsi, masticare velocemente e non fare una pausa tra una forchettata e l’altra.I risultati finali dello studio hanno mostrato che solo i soggetti di peso normale hanno avuto una riduzione statisticamente significativa del consumo calorico durante il pasto lento, rispetto al pasto veloce: nello specifico 88 kcal in meno per il gruppo di peso normale, contro solo 58 kcal in meno per il gruppo in sovrappeso o di obesi.«Rallentare la velocità nel mangiare ha portato a una significativa riduzione dell’apporto energetico nel gruppo di peso normale, ma non nel gruppo di peso eccessivo o di obesi – ha spiegato la dott.ssa Meena Shah – La mancanza di significatività statistica nel gruppo sovrappeso e obesi può essere dovuta al fatto che essi hanno consumato meno cibo durante entrambe le prove alimentari rispetto ai soggetti normopeso».Differenze di apporto energetico a parte, che sono state influenzate dalla quantità di cibo assunto dai diversi gruppi, quello che invece era uguale per tutti e tre i gruppi è stata la sensazione di meno fame provata dopo la prova del mangiare lentamente, a differenza di quando hanno mangiato velocemente. Questo suggerisce che mangiare lento può dunque agire sulla sensazione di appetito, riducendo la voglia di mangiare in seguito: un qualcosa che può essere di grande aiuto quando si abbiano problemi di peso.(Fonte)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

La bevanda fatta in casa ideale per abbassare la pressione

Tra gli ingredienti ci sono alcuni alimenti indicati per chi soffre d'ipertensione

10 luoghi comuni sull’alimentazione assolutamente falsi

La maggior parte delle credenze in ambito alimentare sono completamente false

Meno zuccheri nelle bibite ridurrebbe le malattie legate all’obesità

Meno incidenza di ictus, diabete e cancro ai reni

Dado vegetale: 10 buoni motivi per non usarlo

Il dado industriale contiene ingredienti controversi che sarebbe bene evitare

Trovate larve nelle confezioni di Fiocchi di Avena

Lotto sospeso

I micrortaggi tengono a bada il colesterolo e non fanno ingrassare

Dando una grossa mano al cuore

Il formaggio più puzzolente del mondo

Il Vieux Boulogne è una meraviglia, ma l'odore che emana non è molto gradevole

I grassi della frutta secca e della soia difendono dal diabete

Tutto merito degli omega 6

I 5 Antibiotici naturali che combattono le malattie

Un rimedio naturale per evitare effetti collaterali

Condire l’insalata con l’olio di semi di soia sarebbe meglio

Secondo un nuovo studio aiuta l'assorbimento dei nutrienti

Le proprietà del prezzemolo, una gustosa pianta anticancro

Il prezzemolo è un'ottima fonte di miricetina, potentissima sostanza anticancro

Cavolo, un vero antibiotico naturale

Protegge il cuore, contrasta il cancro e migliora la digestione

Meno disturbi articolari con 45 minuti di attività fisica a settimana

Studio pubblicato sulla rivista Arthritis care & research

Chewing gum allo xilitolo amico dei denti, -30% carie

Studio di ricercatrice italiano presentato al 64° Congresso dell'European Organisation for Caries Research

Sapete quanti batteri si nascondono nel nostro ufficio?

Sulla tastiera del pc, sul mouse, sulla scrivania o sulle maniglie