lafucina.it
Cibo e Salute

Mangiare lentamente riduce la fame e il rischio d’ingrassare

Chi è più lento nel mangiare e masticare riesce a controllare meglio l’appetito

Pubblicato il 01/01/2014 da La Fucina

di LM&SDPSi dice che chi va piano va sano e va lontano ma, se si parla di alimentazione, soprattutto mangia meno e ingrassa meno. E’ quanto suggerisce un nuovo studio in cui si è scoperto che la capacità di controllare l’appetito e l’apporto energetico possono essere influenzati dalla velocità con cui si mangia.A scoprirlo sono stati i ricercatori del Dipartimento di Kinesiologia presso la Texas Christian University, che hanno osservato come una diversa velocità nel mangiare influisce sulle calorie consumate durante il pasto. E questo avviene sia nei soggetti di peso normale (o normopeso) che in quelli sovrappeso o obesi. La dott.ssa e colleghi della TCU hanno reclutato un gruppo di persone con tre condizioni di base: normopeso, sovrappeso e obesi, che avrebbero dovuto consumare due pasti in ambiente controllato. Durante il processo, i ricercatori hanno anche raccolto dati sulle sensazioni di fame e di pienezza prima e dopo i pasti a ritmo veloce e a ritmo lento e, infine, sul consumo di acqua durante i pasti. I risultati sono stati pubblicati sul Journal of the Academy of Nutrition and Dietetics.Durante la prima fase dello studio, tutti i partecipanti sono stati invitati a consumare il pasto lentamente, facendo anche sapere loro che non avevano vincoli di tempo e che dunque potevano prendersi tutto il tempo necessario per masticare lentamente, prendere piccoli morsi, fare delle pause tra una forchettata e l’altra. Nella seconda fase dello studio, i volontari sono invece stati invitati a consumare il pasto entro un limite di tempo prestabilito, per cui dovevano mangiare molto più rapidamente. In questo caso dovevano prendere grandi morsi, masticare velocemente e non fare una pausa tra una forchettata e l’altra.I risultati finali dello studio hanno mostrato che solo i soggetti di peso normale hanno avuto una riduzione statisticamente significativa del consumo calorico durante il pasto lento, rispetto al pasto veloce: nello specifico 88 kcal in meno per il gruppo di peso normale, contro solo 58 kcal in meno per il gruppo in sovrappeso o di obesi.«Rallentare la velocità nel mangiare ha portato a una significativa riduzione dell’apporto energetico nel gruppo di peso normale, ma non nel gruppo di peso eccessivo o di obesi – ha spiegato la dott.ssa Meena Shah – La mancanza di significatività statistica nel gruppo sovrappeso e obesi può essere dovuta al fatto che essi hanno consumato meno cibo durante entrambe le prove alimentari rispetto ai soggetti normopeso».Differenze di apporto energetico a parte, che sono state influenzate dalla quantità di cibo assunto dai diversi gruppi, quello che invece era uguale per tutti e tre i gruppi è stata la sensazione di meno fame provata dopo la prova del mangiare lentamente, a differenza di quando hanno mangiato velocemente. Questo suggerisce che mangiare lento può dunque agire sulla sensazione di appetito, riducendo la voglia di mangiare in seguito: un qualcosa che può essere di grande aiuto quando si abbiano problemi di peso.(Fonte)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

El Pais, mojitos in spiaggia sono un ‘nido batteri’

Analizzate bevande e panini di venditori ambulanti in Spagna

Malattie croniche ai polmoni, salgono i morti nel mondo

Per fumo e smog registrati 3,2 milioni di decessi nel 2015

Uova contaminate, Ue: “15 Paesi coinvolti, anche l’Italia”

L'Italia figura tra i 15 Paesi ad aver ricevuto uova dalle aziende coinvolte nello scandalo delle uova al Fipronil

Isolato nell’intestino un batterio che ‘cura’ la sclerosi multipla

Verso nuova era della medicina con i 'farma-microbi'

Sos caldo in farmacia: boom integratori e controllo pressione

Gli italiani cercano aiuto in farmacia contro i disagi da caldo

Matcha, il tè verde ricco di antiossidanti

Un articolo apparso su Food Research International ha concluso che potrebbe migliorare anche l'attenzione e la memoria

Scoperta una nuova mutazione genetica che causa l’infertilità maschile

Previene la formazione delle cellule che servono per la produzione dello sperma

Basta poco alcol al giorno per aumentare il rischio di tumori della pelle

Non riguarda il melanoma, l'ipotesi e' che l'etanolo possa impedire la riparazione del Dna

Lo yoga ha effetti positivi sulla depressione

Lo sostengono diversi studi presentati lo scorso 3 agosto a Washington

L’allattamento riduce il rischio di tumore al seno nelle mamme

Ogni cinque mesi in più il rischio è inferiore del 2%

Penny Market richiama lotto di Acqua Monteverde minerale naturale

Possibile presenza di corpi estranei, in particolare di pulviscolo e particelle di natura inorganica inerte

Germania, ritirate dal mercato milioni di uova olandesi contaminate

Milioni di uova provenienti da Olanda e Belgio ritirate dagli scaffali dei supermercati tedeschi

Bere moderatamente vino abbassa il rischio demenza

Ecco i risultati di un imponente studio durato trent'anni

Menopausa, contro l’osteoporosi un aiuto dall’alimentazione

Con l'ingresso in menopausa le donne diventano più esposte al rischio di osteoporosi

Composto nel tè verde protegge da obesità, demenza e diabete

Riduce danni di una dieta occidentale ricca di grassi e zuccheri