lafucina.it
Cibo e Salute

Ecco perché il cervello degli anziani è più lento

Il fenomeno sarebbe dovuto alle troppe informazioni. Il peso dell'esperienza, insomma

Pubblicato il 23/01/2014 da La Fucina

Il cervello degli anziani non subisce un declino cognitivo, è solo più lento perché contiene già moltissime informazioni e la loro selezione richiede più tempo, sostengono in modo provocatorio i ricercatori del dipartimento di linguistica dell'università di Tubingen, in Germania, in una 'review' pubblicata su Topics in Cognitive science. Gli studiosi criticano alla base i metodi impiegati fino ad oggi in molti test cognitivi, fatti per valutare le capacità di memoria in tarda età. Sarebbero insufficienti perché standardizzati per tutti e senza tenere conto delle differenze legate all'esperienza che porta a comportamenti e reazioni differenti.Afferma Michael Ramscar, a capo del team di ricercatori tedeschi: "Il cervello degli anziani non si indebolisce, al contrario sa semplicemente molto di più. Come un computer che ha una memoria piena, la mente rallenta ma ciò non vuol dire che perda le capacità mnemoniche. Quindi non è detto che chi ricorda 600 compleanni abbia una memoria migliore di chi ne ricorda solo 6".L'errore di fondo dei quiz cognitivi e dei test linguistici sarebbe che "inavvertitamente favoriscono le persone giovani e non tengono conto dell'esperienza accumulata da chi è più vecchio. Il sapere di più induce una differente analisi, scelta di parole e interpretazioni" spiega Ramscar. I ricercatori stimano che se un lettore medio legge 85 parole al minuto, 45 minuti al giorno per 100 giorni all'anno, a 21 anni di età avrà accumulato 12 anni di letture, 1.500.000 parole ripetute e 21.307 parole diverse. Un 70 enne, invece, avrà accumulato almeno 61 anni di letture, 9.000.000 di parole ripetute e oltre 32.500 parole nuove. "Più si possiede memoria e più ci vuole tempo per ricercare le parole - precisano gli studiosi - Gran parte della performance richieste nei test standardizzati, interpretati dai ricercatori, mostra decrementi legati all'età ma in realtà riflettono incrementi perché rispecchiano un accumulo di esperienza anche nel vocabolario e sottili processi di discriminazione verso alcune parole tipici della tarda età". "E' tempo di ripensare a cosa si intende per declino cognitivo prima che false conclusioni siano poi usate per decisioni che mettono ai margini i vecchi o che cerchino di rimediare a problemi che non esistono" commentano Wayne Gray e Thomas Hills del dipartimento di scienze cognitive e psicologia dell'università di Warwick, editori della rivista. (ANSA)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

La Prevenzione a tavola ci sta a cuore

Tutte le novità che abbiamo in serbo per voi

Per la salute intestinale scegliere broccoli e cavoletti

Lo evidenzia uno studio pubblicato sulla rivista Journal of Functional Foods

Qual è la differenza tra marmellata e confettura?

Sapevate che i due termini non sono affatto sinonimi?

Livelli di rame troppo alti nel vino Barbera

Lotti ritirati

La bevanda fatta in casa ideale per abbassare la pressione

Tra gli ingredienti ci sono alcuni alimenti indicati per chi soffre d'ipertensione

10 luoghi comuni sull’alimentazione assolutamente falsi

La maggior parte delle credenze in ambito alimentare sono completamente false

Meno zuccheri nelle bibite ridurrebbe le malattie legate all’obesità

Meno incidenza di ictus, diabete e cancro ai reni

Dado vegetale: 10 buoni motivi per non usarlo

Il dado industriale contiene ingredienti controversi che sarebbe bene evitare

Trovate larve nelle confezioni di Fiocchi di Avena

Lotto sospeso

I micrortaggi tengono a bada il colesterolo e non fanno ingrassare

Dando una grossa mano al cuore

Il formaggio più puzzolente del mondo

Il Vieux Boulogne è una meraviglia, ma l'odore che emana non è molto gradevole

I grassi della frutta secca e della soia difendono dal diabete

Tutto merito degli omega 6

I 5 Antibiotici naturali che combattono le malattie

Un rimedio naturale per evitare effetti collaterali

Condire l’insalata con l’olio di semi di soia sarebbe meglio

Secondo un nuovo studio aiuta l'assorbimento dei nutrienti

Le proprietà del prezzemolo, una gustosa pianta anticancro

Il prezzemolo è un'ottima fonte di miricetina, potentissima sostanza anticancro