lafucina.it
Politica

La verità sul finanziamento pubblico ai partiti

Ecco come i parlamentari modificano la norma che taglia i fondi alla politica

Pubblicato il 25/01/2014 da La Fucina

Riportiamo parte di un articolo di Franco Bechis apparso su Libero Quotidiano, che spiega come vari parlamentari presentino emendamenti al decreto di Letta sui soldi ai partiti, in modo da continuare a trarre benefici economici.Partiti, tornano i soldi pubbliciUna cosa è certa: il testo presentato da Enrico Letta e trasformato in decreto legge prima di Natale sarà fatto a pezzettini. La proposta governativa di abolizione del finanziamento pubblico ai partiti e sua sostituzione con il meccanismo del 2 per mille Irpef rischia di essere totalmente stravolta a palazzo Madama. In commissione affari costituzionali sono stati presentati quasi 200 emendamenti, e almeno la metà sono certamente peggiorativi della legge. Le maggiori insidie vengono da una parte del Pd e da Sel, decisissimi a reintrodurre un finanziamento statale e addirittura ad allargarlo rispetto all’esistente. E nel Pd a scorrere i primi interventi esistono almeno tre diverse linee, mentre Forza Italia fino a questo momento si è limitata a presentare emendamenti semi-ostruzionistici e il Nuovo centro destra a riscrivere solo alcune parti della legge, nonostante l’impronta governativa del testo.A complicare le cose si sono messe anche le dimissioni del relatore, Alessandro Maran (ex Pd pure lui, ma in questa legislatura eletto con Scelta civica) per motivi estranei al contenuto della legge (si è offeso perché Matteo Renzi ha minimizzato il peso dei montiani in parlamento). Il segretario stesso del Pd capendo l’antifona di quel che stava accadendo in Senato ha imposto un relatore di fiducia, e da giovedì sera l’incarico è passato nelle mani della renziana Isabella Del Monte. Ma le trappole sono molte, e quella abolizione del finanziamento pubblico che Letta all’inizio promise per la fine della scorsa estate, rischia ancora di restare un miraggio.Il più attivo nel seminare trappole è il tesoriere Ds, Ugo Sposetti, che attraverso un maxi emendamento sostenuto anche nelle linee guida da altri rappresentanti del Pd, ha lanciato una versione italiana del modello tedesco di finanziamento pubblico. Il testo è molto articolato, ed andrebbe a sostituire l’intero decreto legge governativo. Non ci sono cifre indicate, ma il meccanismo prevede che sia i partiti politici sia una fondazione politica per ogni partito possono chiedere una volta all’anno contributi pubblici allo Stato in misura non superiore al 90 per cento delle spese annue rimborsabili di un partito e al 95 per cento dei costi ammissibili su base annua indicati nel bilancio di una fondazione politica. A occhio e croce si tratta di circa il doppio del costo della ultima legge sui rimborsi elettorali ad oggi ancora in vigore. I fondi pubblici complessivamente girati a partiti e fondazioni verrebbero divisi in parti uguali per il 15% della somma e proporzionalmente a deputati e senatori eletti per il restante 85%. Dai privati partiti e fondazioni non potrebbero ricevere più di 25 mila euro massimo l’anno per ogni soggetto erogante.Il partito di Nichi Vendola invece si tiene il 2 per mille Irpef previsto da questa legge, ma lo accompagna a 75 milioni di euro di vecchi rimborsi elettorali ogni anno. Come accadeva in passato la cifra è la somma di 4 diversi fondi annuali da 18,75 milioni di euro legati al rinnovo della Camera, del Senato, del Parlamento europeo e di Consigli regionali e province autonome. Ma sono molti gli emendamenti presentati dalle varie correnti del Pd che picconano il testo governativo. Talvolta in meglio, abolendo le commissioni scontate sulle carte di credito e bancomat previste lì per chi dona fondi ai partiti, o riducendo le detrazioni-monstre che favorivano i partiti rispetto alle onlus. In altri casi in peggio.(Fonte)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Nuove regole per i livelli del colesterolo cattivo, sempre più basso di 100

E non serve aumentare quello buono, 'non ci sono benefici'

La pasta con la farina d’orzo contrasta l’infarto

Grazie a beta-glucani induce la formazione di 'bypass' naturali

La Prevenzione a tavola ci sta a cuore

Tutte le novità che abbiamo in serbo per voi

Per la salute intestinale scegliere broccoli e cavoletti

Lo evidenzia uno studio pubblicato sulla rivista Journal of Functional Foods

Qual è la differenza tra marmellata e confettura?

Sapevate che i due termini non sono affatto sinonimi?

Livelli di rame troppo alti nel vino Barbera

Lotti ritirati

La bevanda fatta in casa ideale per abbassare la pressione

Tra gli ingredienti ci sono alcuni alimenti indicati per chi soffre d'ipertensione

10 luoghi comuni sull’alimentazione assolutamente falsi

La maggior parte delle credenze in ambito alimentare sono completamente false

Meno zuccheri nelle bibite ridurrebbe le malattie legate all’obesità

Meno incidenza di ictus, diabete e cancro ai reni

Dado vegetale: 10 buoni motivi per non usarlo

Il dado industriale contiene ingredienti controversi che sarebbe bene evitare

Trovate larve nelle confezioni di Fiocchi di Avena

Lotto sospeso

I micrortaggi tengono a bada il colesterolo e non fanno ingrassare

Dando una grossa mano al cuore

Il formaggio più puzzolente del mondo

Il Vieux Boulogne è una meraviglia, ma l'odore che emana non è molto gradevole

I grassi della frutta secca e della soia difendono dal diabete

Tutto merito degli omega 6

I 5 Antibiotici naturali che combattono le malattie

Un rimedio naturale per evitare effetti collaterali