lafucina.it
Politica

La verità sul finanziamento pubblico ai partiti

Ecco come i parlamentari modificano la norma che taglia i fondi alla politica

Pubblicato il 25/01/2014 da La Fucina

Riportiamo parte di un articolo di Franco Bechis apparso su Libero Quotidiano, che spiega come vari parlamentari presentino emendamenti al decreto di Letta sui soldi ai partiti, in modo da continuare a trarre benefici economici.Partiti, tornano i soldi pubbliciUna cosa è certa: il testo presentato da Enrico Letta e trasformato in decreto legge prima di Natale sarà fatto a pezzettini. La proposta governativa di abolizione del finanziamento pubblico ai partiti e sua sostituzione con il meccanismo del 2 per mille Irpef rischia di essere totalmente stravolta a palazzo Madama. In commissione affari costituzionali sono stati presentati quasi 200 emendamenti, e almeno la metà sono certamente peggiorativi della legge. Le maggiori insidie vengono da una parte del Pd e da Sel, decisissimi a reintrodurre un finanziamento statale e addirittura ad allargarlo rispetto all’esistente. E nel Pd a scorrere i primi interventi esistono almeno tre diverse linee, mentre Forza Italia fino a questo momento si è limitata a presentare emendamenti semi-ostruzionistici e il Nuovo centro destra a riscrivere solo alcune parti della legge, nonostante l’impronta governativa del testo.A complicare le cose si sono messe anche le dimissioni del relatore, Alessandro Maran (ex Pd pure lui, ma in questa legislatura eletto con Scelta civica) per motivi estranei al contenuto della legge (si è offeso perché Matteo Renzi ha minimizzato il peso dei montiani in parlamento). Il segretario stesso del Pd capendo l’antifona di quel che stava accadendo in Senato ha imposto un relatore di fiducia, e da giovedì sera l’incarico è passato nelle mani della renziana Isabella Del Monte. Ma le trappole sono molte, e quella abolizione del finanziamento pubblico che Letta all’inizio promise per la fine della scorsa estate, rischia ancora di restare un miraggio.Il più attivo nel seminare trappole è il tesoriere Ds, Ugo Sposetti, che attraverso un maxi emendamento sostenuto anche nelle linee guida da altri rappresentanti del Pd, ha lanciato una versione italiana del modello tedesco di finanziamento pubblico. Il testo è molto articolato, ed andrebbe a sostituire l’intero decreto legge governativo. Non ci sono cifre indicate, ma il meccanismo prevede che sia i partiti politici sia una fondazione politica per ogni partito possono chiedere una volta all’anno contributi pubblici allo Stato in misura non superiore al 90 per cento delle spese annue rimborsabili di un partito e al 95 per cento dei costi ammissibili su base annua indicati nel bilancio di una fondazione politica. A occhio e croce si tratta di circa il doppio del costo della ultima legge sui rimborsi elettorali ad oggi ancora in vigore. I fondi pubblici complessivamente girati a partiti e fondazioni verrebbero divisi in parti uguali per il 15% della somma e proporzionalmente a deputati e senatori eletti per il restante 85%. Dai privati partiti e fondazioni non potrebbero ricevere più di 25 mila euro massimo l’anno per ogni soggetto erogante.Il partito di Nichi Vendola invece si tiene il 2 per mille Irpef previsto da questa legge, ma lo accompagna a 75 milioni di euro di vecchi rimborsi elettorali ogni anno. Come accadeva in passato la cifra è la somma di 4 diversi fondi annuali da 18,75 milioni di euro legati al rinnovo della Camera, del Senato, del Parlamento europeo e di Consigli regionali e province autonome. Ma sono molti gli emendamenti presentati dalle varie correnti del Pd che picconano il testo governativo. Talvolta in meglio, abolendo le commissioni scontate sulle carte di credito e bancomat previste lì per chi dona fondi ai partiti, o riducendo le detrazioni-monstre che favorivano i partiti rispetto alle onlus. In altri casi in peggio.(Fonte)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Allarme colazione, per 10 mln ‘addio’ al modello italiano

Indagine Aidepi, tra falsi miti condanna grassi e no carboidrati

Lettini solari,in 30 anni hanno fatto aumentare tumori pelle

Oms, ogni anno causano 450mila casi tra Usa, Europa e Australia

Tumore al rene, in Italia 120 mila persone vive dopo la diagnosi

Lorenzin: “Dolorosissima morte bimbo ucciso da morbillo”

Bisogna rispettare la medicina e le verità scientifiche per fare il bene dei nostri figli

Muore bimbo di 6 anni per complicanze da morbillo

Affetto da leucemia, ricoverato a Monza. Contagiato da fratelli non vaccinati

L’estratto di uva può proteggere contro il cancro al colon

Bene i test sugli animali, agisce sulle staminali tumorali

Sciroppo per la tosse ritirato dagli scaffali

Allarme nelle farmacie

I dolcificanti aumentano il rischio di diabete

Peggio dello zucchero, aumentano il rischio di diabete e obesità

Diabete, dai broccoli una sostanza utile per il controllo della glicemia?

Il sulforafano potrebbe rivelarsi utile per il trattamento del diabete di tipo 2

Morbillo, Oms: “In Europa oltre 5mila casi, il 43% in Italia”

Preoccupazione per la situazione attuale

Forino (direttore Assolatte), consumi latte ancora in calo

Nei primi cinque mesi del 2017

Un vaccino contro il colesterolo cattivo, test sull’uomo

Promette di frenare l'aterosclerosi riducendo l'accumulo di grasso che può ostruire le arterie

Lorenzin, manager sanità incapaci buttano miliardi

Mentre il correttivo della riforma Madia e' fermo in Cdm

Bergamotto toccasana, in succo combatte stress e colesterolo

Studio Università di Tor Vergata conferma 'frutto della salute'

Il pesce un possibile aiuto nella cura artrite reumatoide

Malattia più controllata con consumi 1-2 porzioni a settimana