lafucina.it
Cibo e Salute

Calvizie, la cura con le staminali

Nuova speranza per chi ne soffre. Sui topi già funziona

Pubblicato il 29/01/2014 da La Fucina

Far ricrescere i capelli grazie alle cellule staminali. E' l'obiettivo che sembra ormai vicino dopo l'esperimento che nei topi ha per la prima volta ha trasformato cellule umane adulte in staminali dell'epitelio, ossia in cellule capaci di rigenerare pelle e follicoli piliferi così come il rivestimento interno di vasi sanguigni e mucose. Descritto sulla rivista Nature Communications, il risultato si deve al gruppo coordinato da Xiaowei Xu, dell'università americana della Pennsylvania e apre le porte a una nuova tecnica per rigenerare i capelli nelle persone che soffrono di calvizie.Una volta impiantate nei topi, le staminali hanno rigenerato le cellule della pelle e prodotto follicoli piliferi da cui sono nati nuovi peli. I ricercatori sono partiti da cellule della pelle umana chiamate fibroblasti. Con l'aggiunta di tre geni, le hanno convertite in cellule staminali pluripotenti indotte, che hanno la capacità di differenziarsi in qualsiasi tipo di cellula dell'organismo. Altri fattori di crescita hanno poi indotto le cellule a specializzarsi, trasformandosi in staminali epiteliali.Innestate nei topi, le cellule così ottenute hanno prodottogli strati più esterni delle cellule della pelle umana e follicoli strutturalmente simili ai follicoli piliferi umani. ''Queste cellule - rileva Xu - hanno molte potenziali applicazioni, come la cicatrizzazione delle ferite e la rigenerazione dei capelli''. Tuttavia, precisa l'esperto, tali cellule, non sono ancora pronte all'uso sull'uomo perché un follicolo pilifero contiene cellule epiteliali e un tipo specifico di cellule staminali adulte chiamate papille dermiche. ''Quando una persona perde i capelli, perde entrambi i tipi di cellule - spiega Xu - abbiamo risolto un problema importante, la componente epiteliale del follicolo pilifero. Ora - conclude - dobbiamo comprendere come ottenere cellule delle papille dermiche''. (ANSA)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Due casi in Campania di uova contaminate, uno nelle Marche

Istituto Zooprofilattico, su 37 campionamenti 2 'non conformi'

Milano, uova contaminate al fipronil: sequestrata una partita di omelette

Sequestro in una ditta di via Canonica, zona Chinatown

Uova contaminate, il Ministero della Salute annuncia “due positività” in Italia

Su 114 campioni esaminati, segnalate a Regioni e Asl

Epidemia oppiacei Usa, quadruplicati morti dal 1999

Fentanil'killer n.1'nelle città. E' allarme anche antidepressivi

Torna la paura peste nera: ​nuovo focolaio in Arizona

In Arizona trovate pulci infette con la peste nera, la malattia che nel XIV secolo falcidiò il 60% della popolazione europea

Chi usa le sigarette elettroniche ha più probabilità di iniziare a fumare quelle tradizionali

Analisi condotta su quasi 3mila adolescenti britannici e pubblicata ieri su Tobacco Control

Uova contaminate: analisi su campioni di uova, carne di pollame e ovo-prodotti

Zooprofilattico Abruzzo eseguirà le analisi

Tutti i benefici del fico

Il fico è un frutto autunnale ricco di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

El Pais, mojitos in spiaggia sono un ‘nido batteri’

Analizzate bevande e panini di venditori ambulanti in Spagna

Malattie croniche ai polmoni, salgono i morti nel mondo

Per fumo e smog registrati 3,2 milioni di decessi nel 2015

Uova contaminate, Ue: “15 Paesi coinvolti, anche l’Italia”

L'Italia figura tra i 15 Paesi ad aver ricevuto uova dalle aziende coinvolte nello scandalo delle uova al Fipronil

Isolato nell’intestino un batterio che ‘cura’ la sclerosi multipla

Verso nuova era della medicina con i 'farma-microbi'

Sos caldo in farmacia: boom integratori e controllo pressione

Gli italiani cercano aiuto in farmacia contro i disagi da caldo

Matcha, il tè verde ricco di antiossidanti

Un articolo apparso su Food Research International ha concluso che potrebbe migliorare anche l'attenzione e la memoria

Scoperta una nuova mutazione genetica che causa l’infertilità maschile

Previene la formazione delle cellule che servono per la produzione dello sperma