lafucina.it
Cibo e Salute

La droga più diffusa al mondo? La caffeina

Crea dipendenza al pari delle altre droghe. Lo dicono i ricercatori americani

Pubblicato il 30/01/2014 da La Fucina

Caffè al mattino, qualcosa di irrinunciabile per milioni di persone in tutto il mondo. Ma cosa succederebbe se a questo esercito di fanatici della tazzina venisse tolta improvvisamente questa abitudine? Almeno nella metà dei casi potrebbero avere anche sintomi riconducibili a quelli di una crisi da astinenza. Eppure, la dipendenza da caffè è un problema in aumento ma ancora poco considerato, avvertono gli esperti dell'American University, della Johns Hopkins University School of Medicine e della University of Vermont sul 'Journal of Caffeine Research'. La psicologa Laura Juliano, prima firmataria del lavoro, evidenzia che molte persone sono oggi dipendenti da caffeina al punto da avere sintomi di astinenza e di non essere in grado di ridurre il consumo di questa bevanda nemmeno nelle condizioni in cui si sconsiglia, come durante la gravidanza, in presenza di malattie del cuore o di un disturbo della coagulazione del sangue. Questi sintomi combinati danno vita a una condizione chiamata 'Caffeine Use Disorder', ossia disturbo da uso di caffè. E secondo l'esperta, anche se la caffeina può essere considerata la droga più comunemente usata nel mondo e si trovi ormai ovunque, dal caffè al tè, alla soda, agli antidolorifici, al cioccolato e in tutta una serie di alimenti e bevande energetici, gli operatori sanitari stanno tardando nel considerarne l'abuso come qualcosa di problematico e nel riconoscere che in alcuni casi si potrebbe aver bisogno di un trattamento specifico per risolvere il problema. Lo studio riassume i risultati di ricerche precedentemente pubblicate per presentare le prove biologiche della dipendenza da caffeina. I risultati mostrano quanto sia diffuso questo fenomeno e quanto siano significativi i sintomi fisici e psicologici sperimentati dai consumatori abituali di caffeina. La comunità scientifica sta cominciando a considerare il problema: la scorsa primavera, l'American Psychiatric Association ha ufficialmente riconosciuto il disturbo da uso di caffeina come un problema di salute reale che deve essere approfondito anche nel 'Diagnostic and Statistical Manual of Mental Health Disorders', il Dsm.5. "C'è un malinteso sia tra i professionisti della salute che fra i cittadini, secondo cui rinunciare alla caffeina non sarebbe affatto difficile. Al contrario, gli studi hanno messo in luce che oltre il 50% dei normali consumatori di caffeina ha avuto difficoltà a smettere o a ridurre il consumo di questa sostanza", dice Juliano, che ricorda che gli adulti sani dovrebbero limitare il consumo di caffeina a non più di 400 mg al giorno, l'equivalente di circa 2-3 tazzine. Le donne in gravidanza dovrebbero consumarne meno di 200 mg al giorno e le persone che soffrono regolarmente di ansia o insonnia, così come gli ipertesi, i malati cardiaci o con problemi urinari dovrebbero limitare ancora di più il consumo di caffeina. "I produttori - consiglia inoltre l'esperta - dovrebbero indicare sulle etichette la quantità di caffeina". (Adnkronos Salute)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Uova contaminate, Ue: “15 Paesi coinvolti, anche l’Italia”

L'Italia figura tra i 15 Paesi ad aver ricevuto uova dalle aziende coinvolte nello scandalo delle uova al Fipronil

Isolato nell’intestino un batterio che ‘cura’ la sclerosi multipla

Verso nuova era della medicina con i 'farma-microbi'

Sos caldo in farmacia: boom integratori e controllo pressione

Gli italiani cercano aiuto in farmacia contro i disagi da caldo

Matcha, il tè verde ricco di antiossidanti

Un articolo apparso su Food Research International ha concluso che potrebbe migliorare anche l'attenzione e la memoria

Scoperta una nuova mutazione genetica che causa l’infertilità maschile

Previene la formazione delle cellule che servono per la produzione dello sperma

Basta poco alcol al giorno per aumentare il rischio di tumori della pelle

Non riguarda il melanoma, l'ipotesi e' che l'etanolo possa impedire la riparazione del Dna

Lo yoga ha effetti positivi sulla depressione

Lo sostengono diversi studi presentati lo scorso 3 agosto a Washington

L’allattamento riduce il rischio di tumore al seno nelle mamme

Ogni cinque mesi in più il rischio è inferiore del 2%

Penny Market richiama lotto di Acqua Monteverde minerale naturale

Possibile presenza di corpi estranei, in particolare di pulviscolo e particelle di natura inorganica inerte

Germania, ritirate dal mercato milioni di uova olandesi contaminate

Milioni di uova provenienti da Olanda e Belgio ritirate dagli scaffali dei supermercati tedeschi

Bere moderatamente vino abbassa il rischio demenza

Ecco i risultati di un imponente studio durato trent'anni

Menopausa, contro l’osteoporosi un aiuto dall’alimentazione

Con l'ingresso in menopausa le donne diventano più esposte al rischio di osteoporosi

Composto nel tè verde protegge da obesità, demenza e diabete

Riduce danni di una dieta occidentale ricca di grassi e zuccheri

Respirare erbicidi e pesticidi aumenta rischio disturbi respiratori

Lo dimostra uno studio pubblicato su Thorax, rivista della British Thoracic Society

Spinaci, cavoli, avocado e uova: la luteina, segreto anti-invecchiamento

Questi alimenti sono ricchi di una sostanza nutritiva chiamata luteina, in grado di aiutare il cervello a restare giovane