lafucina.it
Ambiente

Il pianeta Terra resterà al buio

Uno studio spiega come i blackout elettrici saranno sempre più frequenti

Pubblicato il 24/02/2014 da La Fucina

(Rinnovabili.it) – Il futuro del Pianeta Terra potrebbe essere più buio del previsto. Secondo un nuovo studio scientifico infatti, il mondo dovrà prepararsi a fare i conti con blackout sempre più frequenti e diffusi; una situazione scomoda legata soprattutto al progressivo aumento dell’utilizzo di apparecchi elettrici ad alta potenza, alla crescita esponenziale della popolazione mondiale e agli insufficienti investimenti nel settore energetico. Nel rapporto Blackouts: a sociology of electrical power failure, Steve Matthewman, Professore Associato di Sociologia presso l’Università di Auckland, e Hugh Byrd, professore di Architettura presso l’Università di Lincoln, nel Regno Unito, rivelano come le occasionali interruzioni di corrente di oggi siano solo le “prove generali” di ciò che un domani sarà quasi la norma. “Cina, Brasile e Italia hanno già avuto interruzioni di corrente significative negli ultimi dieci anni. E anche la Nuova Zelanda non sfugge” da questa regola. A ciò si aggiungono inevitabilmente gli eventi climatici estremi degli ultimi anni, che hanno messo a dura prova le infrastrutture energetiche in tutto il Pianeta. “L’investimento infrastrutturale nell’Europa e negli Stati Uniti è stato scarso e i nostri sistemi di generazione sono più fragili rispetto a quanto pensa la maggior parte della popolazione”, spiega Matthewman. “La vulnerabilità dei nostri sistemi elettrici è stata evidenziata da un particolare blackout che ha avuto luogo in Italia nel 2003, quando l’intera nazione è stato lasciato senza energia elettrica a causa di due alberi caduti. Questa realtà è particolarmente allarmante se si considera la crescente dipendenza del mondo dall’energia elettrica”. Un destino ineluttabile? Non proprio. La soluzione è incominciare ad investire intelligentemente nelle reti elettriche per modernizzare le infrastrutture. Il mondo occidentale rivela lo studio, si affida ancora a sistemi di distribuzione troppo vecchi: solo negli USA quasi tre quarti delle linee di trasmissione hanno più di 25 anni.





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Milano, uova contaminate al fipronil: sequestrata una partita di omelette

Sequestro in una ditta di via Canonica, zona Chinatown

Uova contaminate, il Ministero della Salute annuncia “due positività” in Italia

Su 114 campioni esaminati, segnalate a Regioni e Asl

Epidemia oppiacei Usa, quadruplicati morti dal 1999

Fentanil'killer n.1'nelle città. E' allarme anche antidepressivi

Torna la paura peste nera: ​nuovo focolaio in Arizona

In Arizona trovate pulci infette con la peste nera, la malattia che nel XIV secolo falcidiò il 60% della popolazione europea

Chi usa le sigarette elettroniche ha più probabilità di iniziare a fumare quelle tradizionali

Analisi condotta su quasi 3mila adolescenti britannici e pubblicata ieri su Tobacco Control

Uova contaminate: analisi su campioni di uova, carne di pollame e ovo-prodotti

Zooprofilattico Abruzzo eseguirà le analisi

Tutti i benefici del fico

Il fico è un frutto autunnale ricco di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

El Pais, mojitos in spiaggia sono un ‘nido batteri’

Analizzate bevande e panini di venditori ambulanti in Spagna

Malattie croniche ai polmoni, salgono i morti nel mondo

Per fumo e smog registrati 3,2 milioni di decessi nel 2015

Uova contaminate, Ue: “15 Paesi coinvolti, anche l’Italia”

L'Italia figura tra i 15 Paesi ad aver ricevuto uova dalle aziende coinvolte nello scandalo delle uova al Fipronil

Isolato nell’intestino un batterio che ‘cura’ la sclerosi multipla

Verso nuova era della medicina con i 'farma-microbi'

Sos caldo in farmacia: boom integratori e controllo pressione

Gli italiani cercano aiuto in farmacia contro i disagi da caldo

Matcha, il tè verde ricco di antiossidanti

Un articolo apparso su Food Research International ha concluso che potrebbe migliorare anche l'attenzione e la memoria

Scoperta una nuova mutazione genetica che causa l’infertilità maschile

Previene la formazione delle cellule che servono per la produzione dello sperma

Basta poco alcol al giorno per aumentare il rischio di tumori della pelle

Non riguarda il melanoma, l'ipotesi e' che l'etanolo possa impedire la riparazione del Dna