lafucina.it
Ambiente

Alpi, ghiacciai sempre più deboli

Si sono addirittura dimezzati quelli del Friuli Venezia Giulia, mentre in Veneto si registra un calo del 26%.

Pubblicato il 25/02/2014 da La Fucina

I ghiacciai alpini si riducono sempre di più. Si sono addirittura dimezzati quelli del Friuli Venezia Giulia, mentre in Veneto si registra un calo del 26%. E' quanto emerge dal nuovo Catasto dei ghiacciai italiani nella parte dedicata al Nordest. Si tratta di un progetto di ricerca che monitora lo stato di salute delle Alpi italiane, indicatore dei cambiamenti climatici, realizzato dall'Università degli studi di Milano, con il sostegno del gruppo San Pellegrino, e del Comitato EvK2Cnr.Sciolti dal clima caldo - I piccoli ghiacciai di Veneto e Friuli-Venezia Giulia stanno risentendo dei cambiamenti climatici. Si sono ridotti in spessore e superficie, in linea con la tendenza al regresso riscontrata nelle altre regioni d'Italia. Nel corso degli anni, si sono, però, ricoperti di detrito, a causa dei crolli delle pareti circostanti, che li ha protetti riducendo la quantità di calore, limitando la fusione e quindi conservandoli più a lungo.Nuove scoperte - Il glaciologo Claudio Smiraglia, dell'Università di Milano e a capo del progetto di ricerca, spiega: "Seppur di difficile individuazione sono oggi molto numerose le placche di ghiaccio interamente ricoperte da detrito".Ma c'è una sorpresa: si è scoperto che sono più di quanti si supponeva, 38 corpi glaciali rispetto ai 25 finora considerati, anche se si tratta di piccole formazioni, glaciovenati, spesso non visibili perché coperti di detriti. Il nuovo catasto, con foto aree di dettaglio, ha permesso di classificare in Veneto 13 piccoli glacionevati che portano a 38 il numero dei ghiacciai totali della regione.Quanto ai ghiacciai del Friuli-Venezia Giulia, sono stati catastati 4 glacionevati e un piccolo ghiacciaio (tutti con superficie inferiore a 0,1 km quadrati). In totale si tratta di 5 corpi, 2 in meno rispetto a 50 anni fa. La loro superficie complessiva è passata da 0,38 a 0,19 km quadrati, con una riduzione percentuale del 50%.





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

10 valide ragioni per consumare i porri

I porri rappresentano un alimento che racchiude sorprendenti proprietà curative e nutrizionali.

Il brodo di pollo in inverno è una vera medicina

Ha un effetto antinfiammatorio con benefici alle vie respiratorie, ecco la ricetta

Listeria nella provola, ritirato un lotto

Il Ministero della Salute ha provveduto al ritiro di un lotto di provola

Se mangi cavolo viola la tua salute ti ringrazierà

Ricco di vitamine, ottimo per la salute degli occhi e per abbassare il colesterolo

Ecco perché mangiare tanto cavolo nero

Ingrediente principale della ribollita toscana, un toccasana contro il freddo

Albero vero o finto: qual è la scelta migliore per l’ambiente?

La vita dei nostri alberi di Natale: prima e dopo

La dieta per arrivare a Natale con la coscienza a posto

La dieta consigliata dal nutrizionista

Arriva la Dieta vegana in versione Mediterranea

Da cereali a olio di oliva,alimenti tutti derivati da tradizione

4 cose sui pompelmi che non sapevi

Per esempio che l'estratto dei semi hanno potere battericida e antimicotico

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

Qual è la differenza tra arancia bionda e rossa?

Le arance rosse sono ricche di antocianine

Latte per neonati ritirato dai supermercati per rischio salmonella

Allarme salmonella per alcuni lotti di latte artificiale

Ecco perché vale la pena mangiare i cachi

Racchiudono straordinarie proprietà per il nostro organismo

I cibi che contengono Vitamina E (e ci proteggono da moltissime malattie)

La Vitamina E è preziosa contro diabete, demenza senile, malattie cardiovascolari e gastrointestinali

5 straordinarie proprietà dell’arancia

Ecco perché mangiare le arance durante i mesi invernali