lafucina.it
Ambiente

Alpi, ghiacciai sempre più deboli

Si sono addirittura dimezzati quelli del Friuli Venezia Giulia, mentre in Veneto si registra un calo del 26%.

Pubblicato il 25/02/2014 da La Fucina

I ghiacciai alpini si riducono sempre di più. Si sono addirittura dimezzati quelli del Friuli Venezia Giulia, mentre in Veneto si registra un calo del 26%. E' quanto emerge dal nuovo Catasto dei ghiacciai italiani nella parte dedicata al Nordest. Si tratta di un progetto di ricerca che monitora lo stato di salute delle Alpi italiane, indicatore dei cambiamenti climatici, realizzato dall'Università degli studi di Milano, con il sostegno del gruppo San Pellegrino, e del Comitato EvK2Cnr.Sciolti dal clima caldo - I piccoli ghiacciai di Veneto e Friuli-Venezia Giulia stanno risentendo dei cambiamenti climatici. Si sono ridotti in spessore e superficie, in linea con la tendenza al regresso riscontrata nelle altre regioni d'Italia. Nel corso degli anni, si sono, però, ricoperti di detrito, a causa dei crolli delle pareti circostanti, che li ha protetti riducendo la quantità di calore, limitando la fusione e quindi conservandoli più a lungo.Nuove scoperte - Il glaciologo Claudio Smiraglia, dell'Università di Milano e a capo del progetto di ricerca, spiega: "Seppur di difficile individuazione sono oggi molto numerose le placche di ghiaccio interamente ricoperte da detrito".Ma c'è una sorpresa: si è scoperto che sono più di quanti si supponeva, 38 corpi glaciali rispetto ai 25 finora considerati, anche se si tratta di piccole formazioni, glaciovenati, spesso non visibili perché coperti di detriti. Il nuovo catasto, con foto aree di dettaglio, ha permesso di classificare in Veneto 13 piccoli glacionevati che portano a 38 il numero dei ghiacciai totali della regione.Quanto ai ghiacciai del Friuli-Venezia Giulia, sono stati catastati 4 glacionevati e un piccolo ghiacciaio (tutti con superficie inferiore a 0,1 km quadrati). In totale si tratta di 5 corpi, 2 in meno rispetto a 50 anni fa. La loro superficie complessiva è passata da 0,38 a 0,19 km quadrati, con una riduzione percentuale del 50%.





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Due casi in Campania di uova contaminate, uno nelle Marche

Istituto Zooprofilattico, su 37 campionamenti 2 'non conformi'

Milano, uova contaminate al fipronil: sequestrata una partita di omelette

Sequestro in una ditta di via Canonica, zona Chinatown

Uova contaminate, il Ministero della Salute annuncia “due positività” in Italia

Su 114 campioni esaminati, segnalate a Regioni e Asl

Epidemia oppiacei Usa, quadruplicati morti dal 1999

Fentanil'killer n.1'nelle città. E' allarme anche antidepressivi

Torna la paura peste nera: ​nuovo focolaio in Arizona

In Arizona trovate pulci infette con la peste nera, la malattia che nel XIV secolo falcidiò il 60% della popolazione europea

Chi usa le sigarette elettroniche ha più probabilità di iniziare a fumare quelle tradizionali

Analisi condotta su quasi 3mila adolescenti britannici e pubblicata ieri su Tobacco Control

Uova contaminate: analisi su campioni di uova, carne di pollame e ovo-prodotti

Zooprofilattico Abruzzo eseguirà le analisi

Tutti i benefici del fico

Il fico è un frutto autunnale ricco di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

El Pais, mojitos in spiaggia sono un ‘nido batteri’

Analizzate bevande e panini di venditori ambulanti in Spagna

Malattie croniche ai polmoni, salgono i morti nel mondo

Per fumo e smog registrati 3,2 milioni di decessi nel 2015

Uova contaminate, Ue: “15 Paesi coinvolti, anche l’Italia”

L'Italia figura tra i 15 Paesi ad aver ricevuto uova dalle aziende coinvolte nello scandalo delle uova al Fipronil

Isolato nell’intestino un batterio che ‘cura’ la sclerosi multipla

Verso nuova era della medicina con i 'farma-microbi'

Sos caldo in farmacia: boom integratori e controllo pressione

Gli italiani cercano aiuto in farmacia contro i disagi da caldo

Matcha, il tè verde ricco di antiossidanti

Un articolo apparso su Food Research International ha concluso che potrebbe migliorare anche l'attenzione e la memoria

Scoperta una nuova mutazione genetica che causa l’infertilità maschile

Previene la formazione delle cellule che servono per la produzione dello sperma