lafucina.it
Società

Ue: disoccupazione peggiora, Italia in ginocchio

Brutte notizia per il nuovo governo Renzi arrivano da Bruxelles

Pubblicato il 25/02/2014 da La Fucina

"Una lenta ripresa" in Italia nel 2014 c'è, grazie a domanda esterna e attività industriale, ma è più debole del previsto: la Commissione Ue rivede al ribasso la stima del Pil di novembre e da +0,7% la aggiorna a +0,6%. Più bassa anche quella del 2013: a novembre era -1,8 e oggi è rivista a -1,9%. Nel 2015 resta invece stabile la previsione a +1,2%.Rialzate stime Eurozona - Nelle previsioni d'inverno Ue invece la crescita nell' Eurozona tornerà positiva nel 2014 e si rafforzerà nel 2015. A fronte di un calo del Pil nel 2013 (-0,4%), l'Eurozona segnerà +1,2% nel 2014 e +1,8% nel 2015 (con una revisione di +0,1 punti rispetto alle previsioni d'autunno). Più marcati i dati Ue-28, rispettivamente +1,5% e +2,0%.Meglio deficit, 2,6% in 2014 per calo spread - Migliorano le stime Ue sul deficit per l'Italia: 2,6% quest'anno e 2,2% nel 2015, con il 2013 che chiude a 3%. A novembre il disavanzo 2014 era dato al 2,7%. "I conti beneficiano del calo di spread e interessi sul debito", scrive L'Ue. Migliora anche l' aggiustamento strutturale ma "a politiche invariate" peggiora nel 2015Disoccupazione peggiora, 12,6% nel 2014. E consumi crescono poco - Peggiorano le stime Ue della disoccupazione in Italia che quest'anno sale a 12,6% e nel 2015 a 12,4% grazie "all'economia che si rafforza". A novembre Bruxelles prevedeva rispettivamente 12,4% e 12,1%. "Con condizioni del mercato del lavoro ancora difficili, i consumi privati crescono solo marginalmente", scrive la Commissione Ue. Anche nell'Eurozona la disoccupazione resterà alta nel 2014 (12% dal 12,1% del 2013) ma registrerà un calo più marcato nel 2015 arrivando all'11,7%.Picco debito a 133,7% in 2014, poi scende - "Dopo aver incorporato 1,6% di pagamento dei debiti PA e 0,5% di privatizzazioni, il debito raggiunge il picco nel 2014 vicino al 133,7% e poi scende leggermente nel 2015 (132,4%) grazie a un avanzo primario più ampio e alla crescita del pil": lo scrive la Commissione nelle stime economiche per l'Italia.Inflazione sommessa, in Eurozona stimata a 1% - L'inflazione nell'Eurozona sarà "sommessa" nel 2014. E' indicata a +1,0% nelle previsioni di inverno. Nel 2013 la crescita dei prezzi è data a +1,4%. Per il 2015 è previsto il ritorno a +1,3%. Nella Ue-28, a fronte di un'inflazione a +1,5% nel 2013, è prevista la contrazione a +1,2% nel 2014 e ritorno a +1,5% nel 2015.Senza riforme rischio crescita bassa prolungata - Nella previsioni si sottolinea che in Ue c'è "un rischio di bassa crescita prolungata". Il "principale" fattore per la crescita a medio termine "sarebbe lo stallo o la parziale messa in atto" delle riforme, che verrebbe "esacerbato" da una inflazione che resti bassa o da una riduzione più lenta della frammentazione finanziaria.





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Per proteggere cuore e arterie ci aiutano banane, avocado e spinaci

Il merito va tutto al potassio

Yogurt ritirato dai supermercati per l’etichettatura errata

Il prodotto contiene glutine, quindi pericoloso per allergici e intolleranti

Nuove regole per i livelli del colesterolo cattivo, sempre più basso di 100

E non serve aumentare quello buono, 'non ci sono benefici'

La pasta con la farina d’orzo contrasta l’infarto

Grazie a beta-glucani induce la formazione di 'bypass' naturali

La Prevenzione a tavola ci sta a cuore

Tutte le novità che abbiamo in serbo per voi

Per la salute intestinale scegliere broccoli e cavoletti

Lo evidenzia uno studio pubblicato sulla rivista Journal of Functional Foods

Qual è la differenza tra marmellata e confettura?

Sapevate che i due termini non sono affatto sinonimi?

Livelli di rame troppo alti nel vino Barbera

Lotti ritirati

La bevanda fatta in casa ideale per abbassare la pressione

Tra gli ingredienti ci sono alcuni alimenti indicati per chi soffre d'ipertensione

10 luoghi comuni sull’alimentazione assolutamente falsi

La maggior parte delle credenze in ambito alimentare sono completamente false

Meno zuccheri nelle bibite ridurrebbe le malattie legate all’obesità

Meno incidenza di ictus, diabete e cancro ai reni

Dado vegetale: 10 buoni motivi per non usarlo

Il dado industriale contiene ingredienti controversi che sarebbe bene evitare

Trovate larve nelle confezioni di Fiocchi di Avena

Lotto sospeso

I micrortaggi tengono a bada il colesterolo e non fanno ingrassare

Dando una grossa mano al cuore

Il formaggio più puzzolente del mondo

Il Vieux Boulogne è una meraviglia, ma l'odore che emana non è molto gradevole