lafucina.it
Politica

L’Ue bastona l’Italia: squilibri macroeconomici eccessivi

Il nostro Paese insieme a Slovenia e Croazia. Una problemone per il governo Renzi

Pubblicato il 05/03/2014 da La Fucina

L'Italia è, insieme a Croazia e Slovenia, nel gruppo dei 'gravemente insufficienti', tra i Paesi Ue ancora gravati da "squilibrio eccessivo" sui diciassette presi in esame dall'ultimo rapporto della Commissione. Dedicato al monitoraggio degli squilibri macro, lo studio di Bruxelles promuove invece Danimarca, Lussemburgo e Malta - che raggiungono il giudizio di 'no imbalace' - mentre gli altri undici sottoposti a test restano al livello di 'imbalance'. In nome tecnico della procedura è 'in-depht review', prassi introdotta dopo l'esperienza della crisi che si aggiunge al normale monitoraggio nella cornice del semestre europeo. Non sono certo nuovi i rilievi che Bruxelles muove a Roma - elevato debito pubblico e carenza di competitività legati entrambi al protratto periodo di crescita anemica. Se paragonato agli altri due bocciati Croazia e Slovenia, il caso italiano è reso particolarmente grave e "urgente" dal peso dell'economia nazionale sull'intera zona euro e sull'Unione europea. Gli eccessivi squilibri macro, scrive l'esecutivo, rendono imperativa una risposta e interventi correttivi."L'Italia deve affrontare il livello assai elevato del debito pubblico e la debole competitività esterna. La necessità di un intervento decisivo per ridurre i rischi degli effetti avversi sul funzionamento dell'economia italiana e della zona euro sono di particolare rilevanza alla luce della dimensione dell'economia italiana". La montagna del debito grava pesantemente sull'economia in un quadro di crescita cronicamente bassa e inflazione contenuta. Perché il rapporto debito/Pil possa finalmente imboccare la china discendente occorre che l'Italia raggiunga e mantenga per un periodo prolungato un avanzo primario particolarmente elevato - superiore alla media storica - insieme a una crescita economica sostenuta.Pubblicate il 25 febbraio scorso, le stime d'inverno della Commissione danno il debito da 133% del Pil nel 2013 a 133,7% quest'anno e 132,4% il prossimo. Con queste premesse, dopo i "progressi" dell'anno scorso in direzione dell'obiettivo di medio-lungo, Bruxelles giudica insufficiente l'aggiustamento del deficit strutturale attualmente previsto per il 2014. Il governo ha messo in campo per quest'anno una correzione del disavanzo strutturale limitata a 0,1%, che porterebbe il deficit da 0,4% a 0,3%. In base al Fiscal Compact l'Italia - come ogni Paese europeo lontano dal target di 60% per il rapporto debito/Pil - dovrebbe ridurre ogni anno tale rapporto di un ventesimo della parte eccedente il 60%, nel caso di Roma pari quindi a circa il 3,5% annuo del Pil. Uscita l'anno scorso dalla procedura d'infrazione per deficit eccessivo, per il triennio 2013-2015 l'Italia è sottoposta a un periodo di transizione, in cui la richiesta è espressa in termini piuttosto generici e fa riferimento a 'sufficienti progressi' nella direzione prevista dal Fiscal Compact. (Reuters)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

La Prevenzione a tavola ci sta a cuore

Tutte le novità che abbiamo in serbo per voi

Per la salute intestinale scegliere broccoli e cavoletti

Lo evidenzia uno studio pubblicato sulla rivista Journal of Functional Foods

Qual è la differenza tra marmellata e confettura?

Sapevate che i due termini non sono affatto sinonimi?

Livelli di rame troppo alti nel vino Barbera

Lotti ritirati

La bevanda fatta in casa ideale per abbassare la pressione

Tra gli ingredienti ci sono alcuni alimenti indicati per chi soffre d'ipertensione

10 luoghi comuni sull’alimentazione assolutamente falsi

La maggior parte delle credenze in ambito alimentare sono completamente false

Meno zuccheri nelle bibite ridurrebbe le malattie legate all’obesità

Meno incidenza di ictus, diabete e cancro ai reni

Dado vegetale: 10 buoni motivi per non usarlo

Il dado industriale contiene ingredienti controversi che sarebbe bene evitare

Trovate larve nelle confezioni di Fiocchi di Avena

Lotto sospeso

I micrortaggi tengono a bada il colesterolo e non fanno ingrassare

Dando una grossa mano al cuore

Il formaggio più puzzolente del mondo

Il Vieux Boulogne è una meraviglia, ma l'odore che emana non è molto gradevole

I grassi della frutta secca e della soia difendono dal diabete

Tutto merito degli omega 6

I 5 Antibiotici naturali che combattono le malattie

Un rimedio naturale per evitare effetti collaterali

Condire l’insalata con l’olio di semi di soia sarebbe meglio

Secondo un nuovo studio aiuta l'assorbimento dei nutrienti

Le proprietà del prezzemolo, una gustosa pianta anticancro

Il prezzemolo è un'ottima fonte di miricetina, potentissima sostanza anticancro