lafucina.it
Politica

L’Ue bastona l’Italia: squilibri macroeconomici eccessivi

Il nostro Paese insieme a Slovenia e Croazia. Una problemone per il governo Renzi

Pubblicato il 05/03/2014 da La Fucina

L'Italia è, insieme a Croazia e Slovenia, nel gruppo dei 'gravemente insufficienti', tra i Paesi Ue ancora gravati da "squilibrio eccessivo" sui diciassette presi in esame dall'ultimo rapporto della Commissione. Dedicato al monitoraggio degli squilibri macro, lo studio di Bruxelles promuove invece Danimarca, Lussemburgo e Malta - che raggiungono il giudizio di 'no imbalace' - mentre gli altri undici sottoposti a test restano al livello di 'imbalance'. In nome tecnico della procedura è 'in-depht review', prassi introdotta dopo l'esperienza della crisi che si aggiunge al normale monitoraggio nella cornice del semestre europeo. Non sono certo nuovi i rilievi che Bruxelles muove a Roma - elevato debito pubblico e carenza di competitività legati entrambi al protratto periodo di crescita anemica. Se paragonato agli altri due bocciati Croazia e Slovenia, il caso italiano è reso particolarmente grave e "urgente" dal peso dell'economia nazionale sull'intera zona euro e sull'Unione europea. Gli eccessivi squilibri macro, scrive l'esecutivo, rendono imperativa una risposta e interventi correttivi."L'Italia deve affrontare il livello assai elevato del debito pubblico e la debole competitività esterna. La necessità di un intervento decisivo per ridurre i rischi degli effetti avversi sul funzionamento dell'economia italiana e della zona euro sono di particolare rilevanza alla luce della dimensione dell'economia italiana". La montagna del debito grava pesantemente sull'economia in un quadro di crescita cronicamente bassa e inflazione contenuta. Perché il rapporto debito/Pil possa finalmente imboccare la china discendente occorre che l'Italia raggiunga e mantenga per un periodo prolungato un avanzo primario particolarmente elevato - superiore alla media storica - insieme a una crescita economica sostenuta.Pubblicate il 25 febbraio scorso, le stime d'inverno della Commissione danno il debito da 133% del Pil nel 2013 a 133,7% quest'anno e 132,4% il prossimo. Con queste premesse, dopo i "progressi" dell'anno scorso in direzione dell'obiettivo di medio-lungo, Bruxelles giudica insufficiente l'aggiustamento del deficit strutturale attualmente previsto per il 2014. Il governo ha messo in campo per quest'anno una correzione del disavanzo strutturale limitata a 0,1%, che porterebbe il deficit da 0,4% a 0,3%. In base al Fiscal Compact l'Italia - come ogni Paese europeo lontano dal target di 60% per il rapporto debito/Pil - dovrebbe ridurre ogni anno tale rapporto di un ventesimo della parte eccedente il 60%, nel caso di Roma pari quindi a circa il 3,5% annuo del Pil. Uscita l'anno scorso dalla procedura d'infrazione per deficit eccessivo, per il triennio 2013-2015 l'Italia è sottoposta a un periodo di transizione, in cui la richiesta è espressa in termini piuttosto generici e fa riferimento a 'sufficienti progressi' nella direzione prevista dal Fiscal Compact. (Reuters)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Uova contaminate, Ue: “15 Paesi coinvolti, anche l’Italia”

L'Italia figura tra i 15 Paesi ad aver ricevuto uova dalle aziende coinvolte nello scandalo delle uova al Fipronil

Isolato nell’intestino un batterio che ‘cura’ la sclerosi multipla

Verso nuova era della medicina con i 'farma-microbi'

Sos caldo in farmacia: boom integratori e controllo pressione

Gli italiani cercano aiuto in farmacia contro i disagi da caldo

Matcha, il tè verde ricco di antiossidanti

Un articolo apparso su Food Research International ha concluso che potrebbe migliorare anche l'attenzione e la memoria

Scoperta una nuova mutazione genetica che causa l’infertilità maschile

Previene la formazione delle cellule che servono per la produzione dello sperma

Basta poco alcol al giorno per aumentare il rischio di tumori della pelle

Non riguarda il melanoma, l'ipotesi e' che l'etanolo possa impedire la riparazione del Dna

Lo yoga ha effetti positivi sulla depressione

Lo sostengono diversi studi presentati lo scorso 3 agosto a Washington

L’allattamento riduce il rischio di tumore al seno nelle mamme

Ogni cinque mesi in più il rischio è inferiore del 2%

Penny Market richiama lotto di Acqua Monteverde minerale naturale

Possibile presenza di corpi estranei, in particolare di pulviscolo e particelle di natura inorganica inerte

Germania, ritirate dal mercato milioni di uova olandesi contaminate

Milioni di uova provenienti da Olanda e Belgio ritirate dagli scaffali dei supermercati tedeschi

Bere moderatamente vino abbassa il rischio demenza

Ecco i risultati di un imponente studio durato trent'anni

Menopausa, contro l’osteoporosi un aiuto dall’alimentazione

Con l'ingresso in menopausa le donne diventano più esposte al rischio di osteoporosi

Composto nel tè verde protegge da obesità, demenza e diabete

Riduce danni di una dieta occidentale ricca di grassi e zuccheri

Respirare erbicidi e pesticidi aumenta rischio disturbi respiratori

Lo dimostra uno studio pubblicato su Thorax, rivista della British Thoracic Society

Spinaci, cavoli, avocado e uova: la luteina, segreto anti-invecchiamento

Questi alimenti sono ricchi di una sostanza nutritiva chiamata luteina, in grado di aiutare il cervello a restare giovane