lafucina.it
Politica

L’uomo che pagava l’affitto a Renzi

E che ha ottenuto i massimi incarichi possibili nel Comune di Firenze. Coincidenza?

Pubblicato il 14/03/2014 da La Fucina

Risolto il mistero della residenza fiorentina del premier Matteo Renzi. Chi ha pagato l'affitto all'ex sindaco di Firenze? Si tratta del suo amico Marco Carrai: "l’ospitalità che ho dato a Matteo Renzi, amico da anni, gli ha consentito di mantenere appoggio e residenza a Firenze durante la sua funzione di Sindaco".Matteo Renzi, divenuto sindaco, l’1 ottobre 2009 trasloca, al prezzo di mille euro al mese, in una mansarda a 400 metri dal suo ufficio, presto si lamenterà di non riuscire a starci dentro visti i mutui da pagare con uno stipendio di circa 4.900 euro netti al mese.Renzi allora decide di trasferirsi a un chilometro da piazza della Signoria in un attico di cinque vani in via degli Alfani 8. Un appartamento dove l’attuale presidente del Consiglio resta per circa 3 anni, dal 14 marzo 2011 al 22 gennaio 2014.Marco Carrai è direttore generale della Fondazione Big Bang di Renzi e, in quanto tale, gestisce i finanziamenti alle campagne elettorali (i primi pagamenti con Paypal andavano proprio a Carrai, tanto che l’utente riceveva il messaggio «hai inviato un pagamento di x euro a Marco Carrai») ed è presidente del Comitato per la candidatura di Matteo Renzi. A livello comunale, il sindaco gli ha conferito i massimi incarichi possibili: è stato nominato presidente dell’Aeroporto di Firenze, consigliere delegato della municipalizzata Firenze Parcheggi, consigliere della Fondazione Carifirenze (azionista di Intesa San Paolo al 3,2%).Carrai, viene da una delle più note famiglie imprenditoriali del Chianti (costruzioni, immobiliare e dintorni) è anche socio e consigliere di una delle aziende di famiglia, la Carrai Paolo e figli. A livello imprenditoriale personale, Carrai è presente in diverse società, tutte a Firenze. Lo spin doctor di Renzi detiene anche alcune partecipazioni attraverso la holding D&C, di cui è presidente del consiglio di amministrazione e socio al 50% (l’altro socio è Federico Dalgas): il 20% di Beauty Lab srl (prodotti per toeletta), il 51% di C&T crossmedia (produzioni cinematografiche), e il 9% di Cki (alberghi). Inoltre, è socio al 12% della società di informatica Ourfuture, della quale è anche presidente e amministratore delegato, e al 14,2% della società di consulenza Cambridge management consulting.Alessandro Maiorano contattato telefonicamente ci fa sapere: "sono appena uscito dalla procura e ho depositato un integrazione al mio esposto denuncia presentato il 27 Gennaio 2014 su questa vicenda, ho chiesto alla procura di fare luce su altri sei punti fondamentali, ho chiesto di andare a fondo anche sulla figura di Marco Carrai che a questo punto non può più rimanere nell’ombra”.La questione è tutt’altro che conclusa, visto che Marco Carrai ricopre ruoli pubblici come il suo amico Matteo Renzi. In questa vicenda più andiamo a fondo e più si aggiungono quesiti scontati ma anche sconcertanti:E’ normale che Marco Carrai che ricopre ruoli pubblici paghi l’affitto di casa al sindaco della sua città?In fine, va sottolineato che in tutta questa vicenda, solo il coraggio e la determinazione di Alessandro Maiorano, hanno permesso di smascherare l’intreccio di favori tra Carrai e il primo ministro Matteo Renzi; quest’ultimo secondo noi, in una nazione normale avrebbe già dovuto dimettersi. Attendiamo fiduciosi che gli inquirenti approfondiscano tutti i punti sollecitati nell’esposto di Maiorano. (Fonte)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Bibite zuccherate e diet fanno invecchiare il cervello

Aumenta rischio demenza e ictus

Mette il sale nella caffettiera: quello che succede è sorprendente

Succo di barbabietola migliora prestazioni cervello

Maggiore connettività in regioni associate alla funzione motoria

Salgono a 1600 casi di morbillo nel 2017, 4 su 10 ricoverati

Monitoraggio Ministero della Salute, età media 27 anni

Caffè ha doppio aromi vino ma solo nonni sanno riconoscerli

Nel dopoguerra tostatura a casa, ora sparite torrefazioni locali

Tribunale, uso scorretto cellulare causa tumore

Sentenza a Ivrea. Legali, Inail condannata a risarcire dipendente azienda

Grassi trans, eliminarli dalla dieta riduce rischio di infarto e ictus

Presenti in diversi alimenti ritenuti “sfiziosi”, come patatine, cibi fritti e prodotti da forno

Da cannabis possibili farmaci per dermatiti e psoriasi

Revisione studi, benefici dovuti a proprietà anti-infiammatorie

Infermiera fingeva di vaccinare bimbi e gettava le fiale

Asl, 'grave violazione doveri', campagna richiamo 500 pazienti

Lorenzin: “Pillola abortiva in consultorio? La 194 non lo prevede”

Lo ha affermato il ministro della Salute rispondendo a un'interrogazione al Question time in Aula alla Camera

È giusto il carcere per i genitori vegani?

È una notizia di qualche tempo fa, ma i giornali la stanno rilanciando in questi giorni

Il Papillomavirus innesca il cancro, causa mille morti l’anno

Vaccino anti-hpv al centro delle polemiche su Report introdotto 11 anni fa

L’inquinamento delle acque, un pericolo per la salute dell’essere umano

Ogni giorno quasi due miliardi di persone sono costrette a bere acqua contaminata

Facebook fa male alla salute mentale

Lo dice uno studio pubblicato ad Harvard

Latte, obbligo etichetta con origine della materia prima

Da domani in Italia su tutte le confezioni di prodotti lattiero-caseari ci sarà un'etichetta che indica l'origine della materia prima