lafucina.it
Società

Ocse: in Italia la povertà avanza. Ecco cosa farà cadere Renzi

In 5 anni reddito sceso di 2.400 euro

Pubblicato il 18/03/2014 da La Fucina

Il reddito annuale della famiglia media italiana è calato di 2.400 euro tra il 2007 e il 2012. A rendere noto il dato è il rapporto annuale sugli indicatori sociali redatto dall'Ocse, secondo cui il calo corrisponde al doppio della media della zona euro (1.100 euro). Per l'organizzazione la perdita di reddito è legata al "deterioramento del mercato del lavoro,soprattutto per i giovani".Bene le riforme del welfare - In questa situazione difficile, dagli esperti di Parigi arriva però anche un messaggio di speranza. All'Ocse dicono infatti che il nostro Paese era arrivato alla crisi finanziaria "con un sistema di previdenza sociale scarsamente preparato" al boom di povertà e disoccupazione, ma aggiunge anche che "le recenti proposte di riforma del mercato del lavoro e l'estensione del sistema di previdenza sociale rappresentano degli importanti passi nella giusta direzione". Lo scrive l'Ocse.Puniti i giovani - A soffrire sono soprattutto i giovani tra i 18 e i 25 anni: per loro, tra il 2007 e il 2010, il tasso di povertà è infatti cresciuto di tre punti percentuali, arrivando al 15,4%, e quello degli under 18 è salito di due punti, raggiungendo il 17,8%. Giovani e giovanissimi sono così diventati le fasce d'età con il tasso di povertà più elevato, davanti ai quarantenni (13,4%) e agli over 75 (11,7%). Un trend che, secondo gli esperti Ocse, si confermerà anche per i prossimi anni.Il dramma che stanno vivendo i giovani viene fotografato anche nella percentuale di Under26 che fanno parte della categoria dei Neet, cioè quelli che sono disoccupati o inattivi senza essere impegnati in attività di educazione o formazione: il loro numero è infatti cresciuto di 5 punti tra il 2007 e il 2012, arrivando a quota 21,1%. Un dato che risulta il terzo tra i Paesi aderenti all'organizzazione, dopo Turchia (26,7%) e Grecia (27,3%).Quindici italiani su cento senza reddito da lavoro - Dalla ricerca, risulta poi che tra il 2012 e il 2013 il 15% degli adulti in Italia vive in una famiglia che non percepisce alcun reddito da lavoro. Nel 2007 la stessa percentuale si fermava al 12,4%. Il nostro Paese è il quartultimo dell'area Ocse per tasso di occupazione, con il 55,5%. Peggio di noi solo Spagna (54,3%), Turchia (49,7%) e Grecia (49,2%).Il ritratto del Paese è ulterioremnte preoccupante anche per l'impatto importante sulla vita delle persone da parte della "debole protezione per chi ha problemi lavorativi": nel 2011, il 13,2% ha dichiarato di non potersi permettere di comprare cibo a sufficienza (contro il 9,5% nel 2007) e il 7,2% di aver rinunciato a far ricorso a cure mediche per motivi economici.Un sistema che rende i poveri sempre più poveri - Quanto infine alla situazione delle garanzie sociali, l'Ocse scrive che, con il sistema attuale, "meno di 4 disoccupati su 10 ricevono un sussidio", e l'Italia è la sola in Europa insieme alla Grecia a non avere "un comprensivo sistema nazionale di sussidi a basso reddito". C'è quindi il rischio che "le difficoltà economiche e le disuguaglianze diventino radicate nella società".Uno degli effetti di questa "mancanza di un efficace sistema di previdenza sociale", dice ancora l'Ocse, si riscontra nella distribuzione della perdita di reddito tra le diverse fasce della popolazione. Tra il 2007 e il 2010, il 10% più povero ha perso in media il 6% all'anno del proprio reddito disponibile, mentre il 10% più ricco ha perso solo l'1%. (TgCOM)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Uova contaminate, Nas ne sequestrano oltre 92000

Nell'inchiesta due le ipotesi sull'uso fipronil

Due casi in Campania di uova contaminate, uno nelle Marche

Istituto Zooprofilattico, su 37 campionamenti 2 'non conformi'

Milano, uova contaminate al fipronil: sequestrata una partita di omelette

Sequestro in una ditta di via Canonica, zona Chinatown

Uova contaminate, il Ministero della Salute annuncia “due positività” in Italia

Su 114 campioni esaminati, segnalate a Regioni e Asl

Epidemia oppiacei Usa, quadruplicati morti dal 1999

Fentanil'killer n.1'nelle città. E' allarme anche antidepressivi

Torna la paura peste nera: ​nuovo focolaio in Arizona

In Arizona trovate pulci infette con la peste nera, la malattia che nel XIV secolo falcidiò il 60% della popolazione europea

Chi usa le sigarette elettroniche ha più probabilità di iniziare a fumare quelle tradizionali

Analisi condotta su quasi 3mila adolescenti britannici e pubblicata ieri su Tobacco Control

Uova contaminate: analisi su campioni di uova, carne di pollame e ovo-prodotti

Zooprofilattico Abruzzo eseguirà le analisi

Tutti i benefici del fico

Il fico è un frutto autunnale ricco di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

El Pais, mojitos in spiaggia sono un ‘nido batteri’

Analizzate bevande e panini di venditori ambulanti in Spagna

Malattie croniche ai polmoni, salgono i morti nel mondo

Per fumo e smog registrati 3,2 milioni di decessi nel 2015

Uova contaminate, Ue: “15 Paesi coinvolti, anche l’Italia”

L'Italia figura tra i 15 Paesi ad aver ricevuto uova dalle aziende coinvolte nello scandalo delle uova al Fipronil

Isolato nell’intestino un batterio che ‘cura’ la sclerosi multipla

Verso nuova era della medicina con i 'farma-microbi'

Sos caldo in farmacia: boom integratori e controllo pressione

Gli italiani cercano aiuto in farmacia contro i disagi da caldo

Matcha, il tè verde ricco di antiossidanti

Un articolo apparso su Food Research International ha concluso che potrebbe migliorare anche l'attenzione e la memoria