lafucina.it
Società

Cannabis, l’ONU propone la depenalizzazione

Se ne discuterà la prossima settimana a Vienna

Pubblicato il 28/03/2014 da La Fucina

Chi cede alla tentazione di uno spinello una tantum, potrebbe venire perdonato addirittura dalle Nazioni Unite. È quanto riporta Avvenire, citando un rapporto di 22 pagine dell'Ufficio della Nazioni Unite sulle Droghe e il Crimine (Unodc).L'agenzia Onu sarebbe arrivata alla conclusione che combattere contro la diffusione delle droghe leggere considerandone il consumo un reato penale sarebbe inutile. Di qui la proposta di depenalizzazione, che sarà discussa la settimana prossima a Vienna. "La depenalizzazione del consumo della droga può essere una forma efficace per 'decongestionare' le carceri, redistribuire le risorse in modo da assegnarle alle cure e facilitare la riabilitazione", si legge nel rapporto. Secondo fonti diplomatiche citate da Avvenire, si tratta della prima volta che l'organismo fa esplicito riferimento alla depenalizzazione. La depenalizzazione del consumo personale (già approvata in diversi paesi) prevede che l'uso di droga non sia un reato, stabilendo pene alternative al carcere, come multe o terapie. È importante precisare un aspetto: l'agenzia delle Nazioni Unite intende depenalizzare, non certo legalizzare né liberalizzare l'accesso alla cannabis che, secondo il modello Onu, può essere usata solo a fine terapeutici e scientifici, e non per piacere personale. Nel testo si fa notare che i consumatori di stupefacenti devono essere considerati come "pazienti in cura" e non come "delinquenti", ricordando come diversi "trattati consiglino il ricorso ad alternative alla prigione". L'agenzia dell'Onu non storce il naso di fronte alla creazione di mercati regolamentati, come è accaduto per la cannabis in Uruguay e negli stati di Washington e Colorado e per le sostanze psicoattive in Nuova Zelanda, a patto che vi sia uno sforzo condiviso (anche da parte degli organismi internazionali) di inserire le nuove norme in un quadro di diritto internazionale. (Fonte)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Due casi in Campania di uova contaminate, uno nelle Marche

Istituto Zooprofilattico, su 37 campionamenti 2 'non conformi'

Milano, uova contaminate al fipronil: sequestrata una partita di omelette

Sequestro in una ditta di via Canonica, zona Chinatown

Uova contaminate, il Ministero della Salute annuncia “due positività” in Italia

Su 114 campioni esaminati, segnalate a Regioni e Asl

Epidemia oppiacei Usa, quadruplicati morti dal 1999

Fentanil'killer n.1'nelle città. E' allarme anche antidepressivi

Torna la paura peste nera: ​nuovo focolaio in Arizona

In Arizona trovate pulci infette con la peste nera, la malattia che nel XIV secolo falcidiò il 60% della popolazione europea

Chi usa le sigarette elettroniche ha più probabilità di iniziare a fumare quelle tradizionali

Analisi condotta su quasi 3mila adolescenti britannici e pubblicata ieri su Tobacco Control

Uova contaminate: analisi su campioni di uova, carne di pollame e ovo-prodotti

Zooprofilattico Abruzzo eseguirà le analisi

Tutti i benefici del fico

Il fico è un frutto autunnale ricco di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

El Pais, mojitos in spiaggia sono un ‘nido batteri’

Analizzate bevande e panini di venditori ambulanti in Spagna

Malattie croniche ai polmoni, salgono i morti nel mondo

Per fumo e smog registrati 3,2 milioni di decessi nel 2015

Uova contaminate, Ue: “15 Paesi coinvolti, anche l’Italia”

L'Italia figura tra i 15 Paesi ad aver ricevuto uova dalle aziende coinvolte nello scandalo delle uova al Fipronil

Isolato nell’intestino un batterio che ‘cura’ la sclerosi multipla

Verso nuova era della medicina con i 'farma-microbi'

Sos caldo in farmacia: boom integratori e controllo pressione

Gli italiani cercano aiuto in farmacia contro i disagi da caldo

Matcha, il tè verde ricco di antiossidanti

Un articolo apparso su Food Research International ha concluso che potrebbe migliorare anche l'attenzione e la memoria

Scoperta una nuova mutazione genetica che causa l’infertilità maschile

Previene la formazione delle cellule che servono per la produzione dello sperma