lafucina.it
Politica

Alessandro Di Battista, il vitalizio e la Bonafè

Il deputato pentastellato attacca la candidata renziana da Facebook

Pubblicato il 13/05/2014 da La Fucina

Alessandro Di Battista, il vitalizio e la Bonafè

Alessandro Di Battista smaschera la candidata renziana Simona Bonafè dalla sua pagina Facebook, sulla scia di quanto accaduto qualche giorno fa durante la puntata dell'Arena di Giletti. Di seguito il suo messaggio:#NoNoMaRivotateli Forse non tutti sanno che Totò Cuffaro, l'ex-presidente della Regione Sicilia condannato a 7 anni per concorso esterno in associazione mafiosa (si trova in carcere) percepisce, ogni mese, un vitalizio di 6000 euro lordi. Il vitalizio lo ha maturato appunto come governatore della Sicilia. Domanda. Vi sembra giusto che uno che è stato condannato in via definitiva per aver aiutato la mafia prenda 6000 euro (lordi) al mese di vitalizio? 6000 euro al mese per tutta la vita! Sono soldi nostri giusto? Bene, se non vi sta bene sappiate che in regione il PD assieme al PDL (o a quello che ne resta) ha bocciato un emendamento del M5S per togliere i vitalizi ai condannati per mafia. Queste informazioni facili facili da capire ci dovrebbero far riflettere sempre, ancor di più prima di un voto. Ovviamente di questo emendamento la renziana Bonafè non ne sapeva nulla. Chapeau!VUOI SMASCHERARLA ANCHE TU? Diffondi questa immagine in rete:cgDomenica scorsa il portavoce del Movimento all'assemblea regionale siciliana Giancarlo Cancellieri era intervenuto durante la trasmissione di Massimo Giletti e aveva poi riportato la vicenda sulla sua pagina Facebook:“L’IMPREVISTOIeri a “L’Arena” in pochi minuti, circa 6, si è diffuso il panico in studio.Non appena ho dichiarato che in Sicilia PD, Forza Italia, NCD e UDC avevano bocciato l’emendamento proposto dal M5S per stoppare l’erogazione del vitalizio ai condannati per reati relativi a fatti di mafia, la Bonafè (PD) e la Meloni (Fratelli d’Italia) sono entrate nel panico cercando scuse per l’operato dei loro colleghi siciliani. La prima non ha saputo dire nulla, mentre la seconda ha seccamente dichiarato di non essere rappresentata da nessuno in Assemblea regionale siciliana altrimenti l’avrebbero sostenuto. Quando ho visto i loro volti pallidi ho pensato ad una vecchia canzone degli Anarcoma. “l’imprevisto, questa notte, quello che non ti aspetti” (Fonte)(POTREBBE INTERESSARTI: L’Arena, Cancellieri semina il panico in studio)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI



  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Rischio salmonella, uova crude vietate a Riccione

Ordinanza del sindaco rivolta agli esercizi pubblici e alle mense

Occhiali e dentiere gratis a indigenti

Progetto medicina sociale fino ottobre, 40% assistiti italiano

Smettere di fumare diminuisce anche l’assunzione di alcol

Studio sfata mito che rinunciare a sigarette porti a bere di più

Alcolici causano 7 diversi tumori, più si beve più rischio sale

Non ci sono consumi 'sicuri', mezzo mln morti anno mondo

Colesterolo alto: cosa mangiare in estate per abbassarlo

Ecco i cibi da mangiare e quelli da evitare

Ospedali italiani nel mirino dei pirati informatici

Un software infetta i sistemi informatici e cripta i dati della vittima

Lorenzin: «Vaccini? Non esiste il diritto di dire no»

Si mette a rischio la salute degli altri

Zibido, scooter contro ambulanza

Vespe e api pungono 5 mln italiani l’anno, rischio allergie

8 su 10 sviluppa reazione allergica, in alcuni casi grave

Allarme Tbc, esperti: “E’ un’emergenza sanitaria trascurata, che va arginata”

Casi in aumento, da Fondazione Gimbe linee guida in italiano

Gran Sasso, escursionisti precipitano dal monte Camicia: due morti

Caldo: bere poco e pressione troppo bassa i nemici del cuore

In guardia gli anziani:no sport eccessivi e montagna se ipertesi

Pappe fatte in casa per il bebè? Poco sane

Troppo grasse e meno sane di quelle industriali

Sla: morto a Senigallia Max Fanelli

Da anni l'uomo si batteva per una legge sul fine vita

Vaccini: fino alla radiazione per i medici che li sconsigliano

Ad affermarlo è la Federazione degli Ordini dei Medici in un documento sul tema