lafucina.it
Società

Sciopero Rai, volano insulti fra giornalisti

Scontro aperto fra favorevoli e contrari

Pubblicato il 11/06/2014 da La Fucina

In Viale Mazzini è ancora scontro sullo sciopero Rai per protestare contro i tagli di Matteo Renzi che ha previsto tagli per 150 milioni di euro. Tra i protagonisti delle liti tra chi era a favore e chi contrario allo sciopero ci sono Leonardo Metalli, inviato speciale del Tg1 e la giornalista Cinzia Fiorato. Quest'ultima in un post sulla pagina Facebook de "LaRaisiamonoi" spiegava, riproponendo la tesi dell'Usigrai, la decisione dei giornalisti di non aderire alla mobilitazione: "L'astensione non è stata proclamata nelle forme di legge. Si rischia l'interruzione di servizio pubblico. Il resto è solo demagogia". Metalli invece sosteneva la tesi della necessità di scioperare come forma di legittima difesa, alla fine è sbottato contro la collega che in sintesi diceva che lo sciopero era giusto nella forma ma non nella sostanza: "Allora fallo sto sciopero. Mettiti in permesso o ferie e non rompere i c..a tutto il mondo..." (tratto da)La giornalista Rai che dice "Me so rotta er c..." in diretta. GUARDA IL VIDEOE la giornalista Rai si è rotta il c...A indire lo sciopero sono le sigle sindacali di categoria Slc Cgil, Uilcom Uil, Ugl Telecomunicazioni, Snater e Libersind Conf Sal. Saranno possibili ripercussioni sulla programmazione. Il comunicato dell'Usigrai sullo sciopero La mobilitazione prevede anche presidi di fronte alle sedi regionali Rai. Secondo i rappresentanti dei lavoratori, “il prelievo mette a rischio il servizio pubblico e la tenuta occupazionale e non elimina sprechi o inefficienze che pure esistono". Inoltre, scrivono i sindacati, "la pretesa di 150 mln di euro, quando lo Stato è in debito verso la Rai di oltre un miliardo, è solo un metodo illegittimo per prelevare soldi dalle tasche degli abbonati”. Nel mirino anche la cessione di una quota di Rai Way, che secondo le sigle sindacali “favorirà la privatizzazione del profitto, scaricando inevitabilmente le perdite sulla collettività". Infine, dicono, "lo squilibrio dei conti che deriva dalla richiesta dei 150 milioni di euro sta già producendo effetti sull'occupazione". "In questo modo – continuano i sindacati - si altera il mercato, si indebolisce la più grande azienda culturale del Paese e, inevitabilmente, si favoriscono i concorrenti". I promotori dello sciopero auspicano "una vera riforma che investa sulla qualità dei prodotti culturali. Una Rai libera da sprechi, mega consulenze, super stipendi ed appalti inutili. Tutte voci, queste, non intaccate dalla richiesta di 150 milioni di euro". - See more at: http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Rai-oggi-lo-sciopero-contro-il-taglio-da-150-milioni-del-dl-Irpef-1d10de46-ee64-437c-90ec-381049c97038.html#sthash.q0pLSLr6.dpuf





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Mondo, un terzo dei decessi è dovuto a malattie cardiovascolari

La stima arriva dalle pagine del Journal of the American College of Cardiology

Neonato abbandonato in strada a Settimo Torinese, muore in ospedale

Trovato da un passante in un quartiere popolare della cittadina alle porte di Torino, probabilmente era stato appena partorito

Le sigarette elettroniche potrebbero causare danni al Dna delle cellule del sangue

Lo afferma lo studio dell'Unibo

Obesità adolescenziale, rischi per il fegato nel futuro

Risultati di una ricerca del Karolinska Institutet di Stoccolma e dell'Università di Lund

Caffè ‘viagra naturale’: fino a 3 tazzine per l’effetto anti-flop

Insieme al movimento è l'ideale per rapporti sessuali soddisfacenti e fertilità

La soia fa bene o fa male?

Siamo sicuri che sia così e che la soia sia davvero una panacea?

Ue, stop all’aranciata senza arancia

La Commissione Ue innalza la quantità di succo al 20%. Italia in regola dal marzo 2018

Basta mezz’ora al telefonino per rischiare mal di testa

no studio del gruppo di ricercatori diretti dall'ex presidente della Società italiana di neurologia, Aldo Quattrone

Tumori, 5 caffè al giorno dimezzano rischio cancro fegato

Secondo una ricerca diretta da Oliver Kennedy, dell'University of Southampton

Infarto, nel 30% dei casi c’è lo zampino del sistema immunitario

Studio Gemelli, al via cure su misura per i diversi tipi arresto cuore

Tumore al polmone, dopo 40 anni cambia la cura d’attacco

Sì di Aifa a immuno-oncologia, 70% pazienti vivo a un anno

Riabilitato il sugo con soffritto di cipolla e aglio, fa bene al cuore

Studio, la cottura lunga sprigiona molecole benefiche per la salute

Cassazione conferma maxisequestro spaghetti ‘made in Turkey’

'Indicazioni fallaci'. Respinto ricorso ad pasta 'Garofalo'

Penne rigate Combino richiamate da Lidl e dal produttore

“Pasta Zara”, per possibile presenza di tracce di soia. Rischio per gli allergici

Pediatri Usa, stop ai succhi di frutta sotto l’anno età

Non sono un buon sostituto della frutta fresca e servono solo a consumare più zucchero e calorie