lafucina.it
Società

Uber, sciopero dei Taxi in tutta Europa

Da Londra a Roma, passando per Parigi, Berlino e Milano ecco cosa succede

Pubblicato il 11/06/2014 da La Fucina

Oggi lo sciopero dei Taxi ha interessato tutta Europa. Ecco il servizio Ansa che spiega per bene la faccenda:Da Londra a Roma, passando per Parigi, Berlino e Milano, l'Europa sarà attraversata oggi da uno sciopero dei taxi, una protesta internazionale che ha al centro del suo mirino Uber, la società californiana la cui app, che prende piede soprattutto fra turisti e viaggiatori, permette di trovare ovunque auto da noleggiare con autista: una concorrenza sleale intollerabile per i tassisti. La protesta anti-Uber è partita fra i tassisti britannici, che da molti anni, come i loro colleghi del resto d'Europa e in Italia, denunciano la loro convivenza accanto al proliferante mercato delle Ncc. Cortei sono previsti in diverse grandi città, come Parigi, Berlino e Amburgo.QUI MILANO - Uno sciopero per "difendere le legalità e il servizio pubblico". Così i tassisti milanesi spiegano il blocco delle auto cominciato alle 8 e che proseguirà fino alle 22. Un'agitazione indetta a livello europeo "per non cedere un settore a una multinazionale (Uber ndr) che punta ai ricavi e non al servizio, senza nemmeno pagare le tasse in Italia". A bordo i tassisti, quindi, trasportano solo malati, disabili, donne con bambini piccoli mentre le loro auto rimangono ferme ai parcheggi. Il presidio più importante in stazione Centrale a Milano dove sono anche distribuiti volanti che spiegano le ragioni dell'agitazione.QUI NAPOLI - Circa 150 tassisti stanno sfilando in corteo nel centro di Napoli nell'ambito dello sciopero indetto in numerose città europee contro l'uso della App che permette di localizzare le auto a noleggio con conducente. La protesta, con astensione dal servizio dalle 8 alle 22, ha raccolto l' adesione di Usb ed Ugl-Taxi. ma non del grosso delle altre organizzazioni sindacali di categoria. Il corteo dei tassisti, partito da Piazza Mancini ed aperto da due taxi, si è snodato lungo il Corso Umberto. Fischi ed insulti contro la sede di "Consortaxi", che non ha aderito alla protesta, in piazza Nicola Amore. Momenti di tensione si sono avuti in piazza Municipio, al passaggio di un taxi, che non aveva aderito alla protesta. Nella concitazione un'auto di passaggio ha investito uno dei manifestanti.QUI VERONA - Anche a Verona i tassisti protestano oggi, con uno sciopero di un'ora, contro l'app 'Uber'. Una astensione attuata per solidarietà nei confronti dei colleghi di Milano, "ma soprattutto - si legge in una nota - per scongiurare che l'applicazione Uber si diffonda anche a Verona". Sono 177 i tassisti nella città scaligera: di questi, 173 sono in cooperativa, con tariffe concordate con il Comune. E in Comune i tassisti si sono presentati, pronti a essere ricevuti dal sindaco Flavio Tosi per discutere sulla problematica. "La protesta arriva dal capoluogo lombardo, chi aderisce lo fa spontaneamente - afferma Stefano Sella, responsabile di categoria per Cna Verona -. La nostra volontà non è creare disservizio, ma sensibilizzare, tanto più che lo sciopero dura un'ora soltanto, rispetto alle 14 ore indette a Milano, Bergamo e Varese: lo facciamo solo con lo scopo di accendere i riflettori, anche a Verona, su questo vero e proprio abuso". "E' questo che si nasconde dietro la realtà Uber: un noleggio con conducente (Ncc) che funziona come un taxi" conclude Sella.QUI PARIGI - Anche a Parigi centinaia di taxi fermi contro Uber. Nel giorno della protesta europea contro la celebre app che consente di prenotare una vettura con conducente (NCC) grazie ad un semplice smartphone e alla carta di credito, la capitale francese non è da meno. Già da questa mattina presto centinaia di taxi parigini - con tanto di cartelli 'taxi in sciopero' e 'no alla concorrenza sleale' - hanno bloccato gli aeroporti di Orly e Roissy Charles-de-Gaulle, prima di lanciare una 'operazione lumaca' in direzione del centro. Obiettivo? Bloccare la capitale, già in preda a gravi disagi per lo sciopero indetto dal personale della SNCF, le ferrovie francesi. "Gli NCC vogliono ucciderci", ha dichiarato all'agenzia France Presse Mamoudou Sall, uno dei tanti tassisti che oggi hanno incrociato le braccia per dire 'no' ad Uber ed affini. Intanto, quattro mesi dopo essere stato nominato mediatore nella profonda crisi che oppone i taxi tradizionali agli Ncc 3.0, il deputato socialista, Thomas Thévénoud, ha preparato un testo di legge per "modernizzare e regolamentare" il sistema. Secondo Le Monde, il parlamentare propone tra l'altro cinque nuove misure di "modernizzazione dei taxi" e cinque misure di "regolamentazione degli Ncc". Offrendo "la possibilità ai taxi di geo-localizzarsi in tempo reale per i clienti", il testo consentirà, secondo Thévenoud, di "trasformare il telefono del cliente in una stazione di taxi virtuale". Mentre agli NCC 3.0 non sarà più consentito farsi individuare dai clienti attraverso il GPS. Infine, le immatricolazioni saranno permesse solo agli autisti con un certificato professionale e alle aziende che hanno dato prova di capacità finanziaria.





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Sapone liquido batte mousse nell’eliminare i germi

Meno efficaci nell'eliminare batteri che possono causare infezioni

Stop import, torna la stagione delle cozze italiane

Da Cnr e coop produttori monitoraggio biologico e sensoriale

Tumori, la maggior parte è dovuta al caso

Nuovo studio sui tumori destinato a far rumore

L’ingrediente segreto dei wurstel

Il video che svela come vengono prodotti

Corsa e salto per rafforzare le ossa degli uomini

Con esercizi di carico benefici dopo 12 mesi 2 volte a settimana

Pomodoro salva-cuore, migliora pressione e riduce colesterolo

I suoi effetti potenziati dall'azione del licopene

“Liberalizzare farmaci fascia C”

Consegnate 170mila firme a istituzioni

Epidemia di occhi secchi, ‘dipendenza digitale’ sotto accusa

Boom di sindromi da tablet, smartphone e pc, al via campagna di prevenzione con visite gratis

Alcuni farmaci abbattono scompenso cardiaco e mortalità

Studio su 365mila pazienti che usavano inibitori dell'SGLT2i

Bere concentrato di mirtilli migliora memoria negli anziani

Bastano 30ml di concentrato al giorno per 12 settimane

Per la prima volta in Italia oltre mille morti in meno per cancro

1.134 morti in meno registrate nel 2013 (176.217) rispetto al 2012 (177.351)

Cosa contengono davvero i succhi di frutta commerciali?

Non è tutto oro quello che luccica: che differenza c’è tra un frutto e un succo di frutta?

Dormi più di 9 ore? Ecco cosa rischi

Un bisogno fisiologico può essere 'spia' di un rischio

I farmaci per abbassare il colesterolo aumentano rischio diabete

Alta probabilità nelle donne anziane che assumono farmaci a base di Statine

Pressione, con lo stile di vita la massima giù di 10 punti

Studio presentato durante il 66° Congresso annuale dell'American College of Cardiology