lafucina.it
Ambiente

Conseguenze Chernobyl: gli uccelli si adattano all’ambiente

Gli animali si adattano alle radiazioni

Pubblicato il 17/06/2014 da La Fucina

Conseguenze Chernobyl: gli uccelli si adattano all'ambiente


Uno studio pubblicato da un gruppo di scienziati guidato da Timothy Mousseau ha rivelato che gli animali che vivono a Chernobyl e nelle zone circostanti si adattano all’ambiente radioattivo. Lo riporta Il Corriere della Sera:"Gli animali di Chernobyl si adattano all’ambiente radioattivo, in una sorta di «selezione non naturale» che ha portato a cambiamenti evolutivi in alcune specie d’uccelli".Leggiamo sul quotidiano che "lo scienziato Timothy Mousseau frequenta l’area interdetta di Chernobyl dal 1999, un’area dove in dieci giorni si assorbe dall’ambiente una quantità di radiazioni pari a quella che si riceve in un anno intero negli Stati Uniti da tutte le fonti radioattive messe insieme. Un’area off-limits, dunque, perfetta però per studiare le conseguenze a lungo termine delle radiazioni. La natura, nelle piane puntellate di pini e acacie che si estendono per chilometri dal sito dell’impianto – e dove centinaia di villaggi sono stati abbandonati – si riprende a ritmi molto più lenti di quanto ci si sarebbe aspettato. Mousseau ha pubblicato oltre 50 studi sulle modificazioni avvenute nelle creature che tuttora abitano quegli ambienti, e in particolare la maggior frequenza di tumori e anomalie fisiche, come i becchi deformati degli uccelli. Per non parlare del declino di intere popolazioni d’uccelli, d’insetti e di ragni, alcune delle quali si sono localmente estinte."L'ultimo studio pubblicato su Functional Ecology dimostra però che "alcune specie d’animali si sono adattate all’ambiente radioattivo, e le loro popolazioni stanno ora prosperando."Uno dei ricercatori dell’Università della Carolina del Sud, Andrea Bonisoli Alquati, ha detto in merito:"Alcune specie di uccelli hanno esibito una risposta adattativa all’esposizione alle radiazioni ionizzanti, e in aree contaminate ora mostrano livelli di stress ossidativo e di danno genetico inferiori rispetto a conspecifici che vivono in aree meno contaminate."E ha poi aggiunto:"Ciò è sorprendente, in quanto si tratta della prima dimostrazione di una simile risposta a condizioni di contaminazione radioattiva in una qualunque specie di vertebrati"L’esposizione cronica alle radiazioni ionizzanti - spiega Il Corriere - deteriora gli antiossidanti, il che provoca maggior danno all’organismo.E ancora:"I ricercatori hanno analizzato i livelli di glutatione (Gsh), uno dei più importanti antiossidanti, in sedici specie d’uccelli esposti alle radiazioni di Chernobyl. Risultati: in alcune di esse i livelli di Gsh sono aumentati, la forma fisica dei volatili di conseguenza migliorata, mentre lo stress ossidativo – la condizione patologica causata dalla rottura dell’equilibrio fisiologico – e i danni al Dna diminuivano. Da cosa può dipendere la differenza nell’evoluzione adattativa tra una specie d’uccelli e l’altra? Con effetti solo deleteri su alcune, e mutamenti benefici da parte di altre? «Secondo la nostra analisi, le caratteristiche fisiologiche, morfologiche e comportamentali delle diverse specie possono predirne la risposta all’esposizione alle radiazioni», spiega Bonisoli Alquati".Mousseau si è anche recato a Fukushima, dove si stanno svolgendo studi comparativi:"I nostri studi precedenti hanno mostrato una vasta gamma di effetti negativi conseguenti all’esposizione alle radiazioni per la maggior parte delle specie".





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Uova contaminate, Nas ne sequestrano oltre 92000

Nell'inchiesta due le ipotesi sull'uso fipronil

Due casi in Campania di uova contaminate, uno nelle Marche

Istituto Zooprofilattico, su 37 campionamenti 2 'non conformi'

Milano, uova contaminate al fipronil: sequestrata una partita di omelette

Sequestro in una ditta di via Canonica, zona Chinatown

Uova contaminate, il Ministero della Salute annuncia “due positività” in Italia

Su 114 campioni esaminati, segnalate a Regioni e Asl

Epidemia oppiacei Usa, quadruplicati morti dal 1999

Fentanil'killer n.1'nelle città. E' allarme anche antidepressivi

Torna la paura peste nera: ​nuovo focolaio in Arizona

In Arizona trovate pulci infette con la peste nera, la malattia che nel XIV secolo falcidiò il 60% della popolazione europea

Chi usa le sigarette elettroniche ha più probabilità di iniziare a fumare quelle tradizionali

Analisi condotta su quasi 3mila adolescenti britannici e pubblicata ieri su Tobacco Control

Uova contaminate: analisi su campioni di uova, carne di pollame e ovo-prodotti

Zooprofilattico Abruzzo eseguirà le analisi

Tutti i benefici del fico

Il fico è un frutto autunnale ricco di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

El Pais, mojitos in spiaggia sono un ‘nido batteri’

Analizzate bevande e panini di venditori ambulanti in Spagna

Malattie croniche ai polmoni, salgono i morti nel mondo

Per fumo e smog registrati 3,2 milioni di decessi nel 2015

Uova contaminate, Ue: “15 Paesi coinvolti, anche l’Italia”

L'Italia figura tra i 15 Paesi ad aver ricevuto uova dalle aziende coinvolte nello scandalo delle uova al Fipronil

Isolato nell’intestino un batterio che ‘cura’ la sclerosi multipla

Verso nuova era della medicina con i 'farma-microbi'

Sos caldo in farmacia: boom integratori e controllo pressione

Gli italiani cercano aiuto in farmacia contro i disagi da caldo

Matcha, il tè verde ricco di antiossidanti

Un articolo apparso su Food Research International ha concluso che potrebbe migliorare anche l'attenzione e la memoria