lafucina.it
Ambiente

La plastica che minaccia gli oceani e finisce nei nostri piatti

I rifiuti di plastica che finiscono negli oceani provocano un danno finanziario stimato almeno in 13 miliardi di dollari l'anno e minacciano la vita marina, il turismo e la pesca

Pubblicato il 24/06/2014 da La Fucina

I rifiuti di plastica che finiscono negli oceani provocano un danno finanziario stimato almeno in 13 miliardi di dollari l'anno e minacciano la vita marina, il turismo e la pesca. Ad affermarlo due rapporti diffusi oggi dall'Onu in occasione dell'apertura della prima Assemblea generale sull'ambiente a Nairobi, in Kenya, che si tiene sino al 27 giugno prossimo. "La plastica ha un ruolo fondamentale nella vita moderna ma gli impatti ambientali, legati al modo in cui la usiamo, non possono essere ignorati" ha rilevato Achim Steiner, il sottosegretario generale dell'Onu e direttore esecutivo dell'Unep spiegando che "bisogna prendere misure appropriate per evitare che i rifiuti di plastica finiscano nell'ambiente. Questi due rapporti indicano una strada obbligata: ridurre, riutilizzare e riciclare".Ripensare i prodotti in plastica "può portare molteplici benefici - ha aggiunto Steiner - dalla riduzione del danno economico che riguarda anche l'industria del turismo e della pesca, di vitale importanza per molti paesi in via di sviluppo, a risparmi e opportunità di innovazione per le imprese. Naturalmente, benefici riguardano anche la salvaguardia degli ecosistemi marini". Gli scienziati hanno trovato frammenti di plastica intrappolati nel ghiaccio marino nelle regioni polari, mentre altri rifiuti di plastica hanno ucciso parte della vita marina, sia perché mangiati da tartarughe, delfini o balene sia perché hanno danneggiato habitat naturali ed essenziali come le barriere coralline, evidenzia l'Unep.Gran parte dei rifiuti di plastica finisce in mezzo agli oceani formando vasti 'continenti di plastica', dove convergono le correnti marine, mentre un impatto superiore arriva dalla micro-plastica (frammenti di meno di cinque millimetri di diametro) il che è particolarmente preoccupante, secondo l'Unep. Una questione sempre più emergente riguarda minuscoli frammenti di plastica creati da 'micro perle' che sono sempre più utilizzati in dentifrici, gel e detergenti per il viso che vanno a finire direttamente in fiumi, laghi e oceani. "La loro ingestione è stata riscontrata negli organismi marini, tra cui uccelli marini, pesci, cozze, vermi e zooplancton - aggiunge il rapporto - diventando alla fine una fonte di prodotti chimici nella nostra alimentazione" ha aggiunto Steiner.(ANSA).





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Qual è la differenza tra marmellata e confettura?

Sapevate che i due termini non sono affatto sinonimi?

Livelli di rame troppo alti nel vino Barbera

Lotti ritirati

La bevanda fatta in casa ideale per abbassare la pressione

Tra gli ingredienti ci sono alcuni alimenti indicati per chi soffre d'ipertensione

10 luoghi comuni sull’alimentazione assolutamente falsi

La maggior parte delle credenze in ambito alimentare sono completamente false

Meno zuccheri nelle bibite ridurrebbe le malattie legate all’obesità

Meno incidenza di ictus, diabete e cancro ai reni

Dado vegetale: 10 buoni motivi per non usarlo

Il dado industriale contiene ingredienti controversi che sarebbe bene evitare

Trovate larve nelle confezioni di Fiocchi di Avena

Lotto sospeso

I micrortaggi tengono a bada il colesterolo e non fanno ingrassare

Dando una grossa mano al cuore

Il formaggio più puzzolente del mondo

Il Vieux Boulogne è una meraviglia, ma l'odore che emana non è molto gradevole

I grassi della frutta secca e della soia difendono dal diabete

Tutto merito degli omega 6

I 5 Antibiotici naturali che combattono le malattie

Un rimedio naturale per evitare effetti collaterali

Condire l’insalata con l’olio di semi di soia sarebbe meglio

Secondo un nuovo studio aiuta l'assorbimento dei nutrienti

Le proprietà del prezzemolo, una gustosa pianta anticancro

Il prezzemolo è un'ottima fonte di miricetina, potentissima sostanza anticancro

Cavolo, un vero antibiotico naturale

Protegge il cuore, contrasta il cancro e migliora la digestione

Meno disturbi articolari con 45 minuti di attività fisica a settimana

Studio pubblicato sulla rivista Arthritis care & research