lafucina.it
Cibo e Salute

Prevenire ictus? C’è un modo per farlo

I risultati di uno studio congiunto di ricercatori italiani e inglesi

Pubblicato il 28/06/2014 da La Fucina

Prevenire ictus? C'è un modo per farlo


Grazie ad un sensore i ricercatori di cardiologia e neurologia dell’Università cattolica-Policlinico A. Gemelli di Roma e della Northwestern Medicine sono stati in grado di prevedere, e pertanto prevenire, l’insorgere di un ictus ischemico nei soggetti su cui è stata condotta la ricerca, pubblicata sulla rivista New England of Medicine. Lo riporta il quotidiano La Stampa, che spiega:"C’è un tipo di ictus ischemico chiamato criptogenetico, che colpisce circa il 25% di tutti i pazienti con ictus, e di cui i medici non sono in grado di determinare la causa. Secondo gli esperti, dietro a questo evento vi sarebbe la fibrillazione atriale – uno dei più comuni tipi di battito cardiaco anomalo, o aritmia – che può insorgere senza che la persona ne sia a conoscenza, e che è causa di ictus. Avviene che, per via del malfunzionamento del muscolo cardiaco, del sangue rimanga nel cuore causando un coagulo. Se questo coagulo poi raggiunge il cervello: ecco che prima o poi si avrà un ictus. Soltanto in Italia si verifica un ictus ogni tre minuti e questa patologia rappresenta la terza causa di morte."I ricercatori italiani e inglesi, continua La Stampa, "si sono uniti per condurre una sperimentazione di quattro anni che ha visto il coinvolgimento di 441 persone in 55 centri sanitari. Suddivisi a caso in due gruppi, la metà dei pazienti hanno ricevuto un piccolo monitor cardiaco impiantabile che registra di continuo il ritmo del cuore e permette al medico di conoscere, tramite un monitoraggio via Internet, quando si è verificato un ritmo anormale."Secondo quanto si apprende dai risultati dello studio, attraverso l'uso di questo dispositivo, "il 30% delle persone con ictus criptogenetico sono stati oggetto di fibrillazione atriale, rilevata entro i 3 anni della durata della batteria del dispositivo." Invece "in quei pazienti che hanno ricevuto trattamenti standard per il follow-up, i medici hanno trovato eventi di fibrillazione atriale in circa il 3%. A seguito di ciò, al 30% dei pazienti sono stati prescritti dei fluidificanti del sangue, per tutelarli meglio dal rischio di avere un altro ictus."Secondo i ricercatori la prevenzione dell’ictus criptogenetico può salvare centinaia di migliaia di viteogni anno. Il dott. Richard Bernstein, Direttore del Northwestern Medicine Stroke Program and Telestroke, ha dichiarato in merito:"Avere un ictus può realmente scuotere le proprie fondamenta Sentirsi poi dire dal medico che non ha idea del perché hai avuto un ictus e che sta solo cercando di indovinare quale sia il miglior farmaco per prevenirne un altro, è ancora peggio. Con questo studio clinico, abbiamo eliminato questo secondo problema (il conoscere la causa) in circa un terzo di questi pazienti".Inoltre si è scoperto che è meglio utilizzare questo sensore che non i test utilizzati in precedenza. Il dott. Rod Passman, Direttore del Center for Atrial Fibrillation presso il Bluhm Cardiovascular Institute, ha detto che "questo è fondamentale perché rivelare la fibrillazione atriale nei pazienti con ictus di origine sconosciuta è importante poiché, una volta trovata, abbiamo dato ai pazienti gli anticoagulanti, che sono molto più efficaci rispetto ai farmaci tipo aspirina altrimenti prescritti".E il dott. Tommaso Sanna, cardiologo del Gemelli ha spiegato:"Abbiamo osservato che nell‘arco di 3 anni da un ictus ischemico senza causa nota, il 30% dei pazienti presenta almeno un episodio di fibrillazione atriale, che in quasi l’80% dei casi è asintomatica".





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Spugne, ricci e vongole: dal mare nuovi farmaci anti cancro e infezioni

Lo studio del Centro internazionale di ingegneria genetica e biotecnologie (Icgeb) di Trieste

Frutta secca anti-obesità, si a noci, mandorle e pistacchi

Hanno effetto saziante, nel pasto al posto di proteine animali

In stato vegetativo da 15 anni,recupera stato minimo coscienza

Con una nuova tecnica di stimolazione del nervo vago

Tutti i benefici delle banane

Ricchissime di potassio, ma non solo

Influenza inchioderà a letto 5 milioni di italiani

Ci si aspetta una stagione influenzale 2017-2018 di intensità media

Infarti e ictus, oltre 50% dei casi trattati in Pronto soccorso

Simeu, ha un ruolo strategico quando la tempestività è essenziale

Depressione, dormire meno riduce i sintomi nel 50% dei pazienti

Maxi-studio pubblicato sul Journal of Clinical Psychiatry

Al via le donazioni per i malati di Sma: Checco Zalone lascia tutti senza parole

L'artista lancia un appello per salvare la vita ai bambini malati

Con 150 minuti di sport a settimana si può evitare l’8% dei decessi

Con attività fisica cala il rischio di patologie cardiovascolari

Formaggio ritirato contaminato da Listeria

Lotto di produzione 04827 di taleggio Dop a latte crudo

La caffeina potrebbe ridurre il rischio di morte tra le donne

Ma gli uomini non hanno lo stesso beneficio

Alzheimer, i 10 segnali che non bisogna sottovalutare

Si celebra oggi 21 settembre la Giornata mondiale dell'Alzheimer

Intossicati da falso zafferano, nuovo caso a Modena

Responsabile nei giorni scorsi della morte di una coppia di coniugi veneti.

Chikungunya: 86 casi in tutto, 10 nuovi nel Lazio

Ad oggi sono 86 le persone colpite dal virus

Farmaco anti-diabete riduce l’aggressività del cancro alla prostata

E' la metformina. Sesti (Sid), promettenti ricadute su pazienti