lafucina.it
Società

Lavoro, 4 neodiplomati su 10 non sanno cosa fare

Lo rivelano i dati di un sondaggio di Skuola.net su un campione di 5100 diplomati

Pubblicato il 30/06/2014 da La Fucina

Non hanno le idee chiare i neodiplomati italiani, che ora devono scegliere che cosa fare del loro futuro: nell'università potrebbe rifugiarsi il 66%, ma senza convinzione, mentre il 15% cercherà un lavoro. Lo rivelano i dati di un sondaggio di Skuola.net su un campione di 5100 diplomati.Da grande - Che cosa farò da grande? E' questa la prima incognita dei ragazzi che in questi giorni stanno portando a termine gli esami di maturità. Per mesi sono stati impegnati su tesine e appunti ma, ora che è tutto finito, lo sguardo al futuro mette paura. Il 43% dei diplomati, infatti, ammette di non sapere che cosa fare a settembre. Di certezze non ce ne sono, dunque, ma la scelta più probabile per 2 ragazzi su 3 sarebbe l'università: tra questi si confermano tra le prime scelte medicina e professioni sanitarie per un ragazzo su 5, ingegneria informatica per il 17%, lingue e materie umanistiche per il 15%.Dal pubblico al privato - Sul tipo di università i ragazzi non sembrano avere dubbi: 6 su 10 preferiscono quella pubblica e, qualora dovessero iscriversi, lo farebbero in un ateneo statale. Va sottolineato però che il popolo delle private non è da poco: quasi il 40% vorrebbe infatti frequentare un ateneo privato, tra questi il 26% ammette che non ci si iscriverà solo a causa della spesa, non della qualità.A lavorare – Non solo università, a conti fatti almeno un ragazzo su 3 pensa di entrare nel mondo del lavoro, a vari livelli. Vediamo nel dettaglio: nei progetti degli studenti ancora ampiamente indecisi c'è infatti anche la chiara ricerca di un lavoro ed è quanto dichiara a Skuola.net circa il 15% degli intervistati. A questi segue il 7% che vorrebbe andare a fare un'esperienza all'estero per imparare una lingua mentre un 6% preferirebbe prendersi un anno sabbatico, di quelli in cui si riflette con calma sul proprio futuro. Un 4% vorrebbe entrare a far parte delle forze armate, mentre un altro 4% pensa di iscriversi ai corsi di formazione non universitaria, come quelli organizzati dalle singole Regioni.Sos consigli – I ragazzi, stando a quanto dichiara il 65% al sondaggio di Skuola.net, cercheranno di scegliere la strada migliore seguendo le loro inclinazioni personali. Non manca però una forte dose di praticità che porterà il 30% a muoversi in base alle prospettive occupazionali offerte dalla propria scelta. Uno su 3, quindi, metterebbe da parte passioni e attitudini in cambio di un lavoro certo.Orientamento, il grande assente – Una cosa è certa: per i neodiplomati è mancata l'impronta dell'orientamento fatto a scuola o nelle singole università. Il 35% degli intervistati non ha mai seguito corsi di orientamento a scuola e, tra coloro che invece hanno avuto la fortuna di poter usufruire di attività di questo tipo, ben 8 su 10 non hanno risolto niente. Tra loro c'è addirittura una buona fetta, circa il 26%, che le reputa assolutamente inutili. E gli open day nelle università? Sono stati seguiti da uno studente su 2, tra i restanti oltre la metà assicura di non volerne seguire nessuno, neanche a settembre. (ANSA)





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Allarme colazione, per 10 mln ‘addio’ al modello italiano

Indagine Aidepi, tra falsi miti condanna grassi e no carboidrati

Lettini solari,in 30 anni hanno fatto aumentare tumori pelle

Oms, ogni anno causano 450mila casi tra Usa, Europa e Australia

Tumore al rene, in Italia 120 mila persone vive dopo la diagnosi

Lorenzin: “Dolorosissima morte bimbo ucciso da morbillo”

Bisogna rispettare la medicina e le verità scientifiche per fare il bene dei nostri figli

Muore bimbo di 6 anni per complicanze da morbillo

Affetto da leucemia, ricoverato a Monza. Contagiato da fratelli non vaccinati

L’estratto di uva può proteggere contro il cancro al colon

Bene i test sugli animali, agisce sulle staminali tumorali

Sciroppo per la tosse ritirato dagli scaffali

Allarme nelle farmacie

I dolcificanti aumentano il rischio di diabete

Peggio dello zucchero, aumentano il rischio di diabete e obesità

Diabete, dai broccoli una sostanza utile per il controllo della glicemia?

Il sulforafano potrebbe rivelarsi utile per il trattamento del diabete di tipo 2

Morbillo, Oms: “In Europa oltre 5mila casi, il 43% in Italia”

Preoccupazione per la situazione attuale

Forino (direttore Assolatte), consumi latte ancora in calo

Nei primi cinque mesi del 2017

Un vaccino contro il colesterolo cattivo, test sull’uomo

Promette di frenare l'aterosclerosi riducendo l'accumulo di grasso che può ostruire le arterie

Lorenzin, manager sanità incapaci buttano miliardi

Mentre il correttivo della riforma Madia e' fermo in Cdm

Bergamotto toccasana, in succo combatte stress e colesterolo

Studio Università di Tor Vergata conferma 'frutto della salute'

Il pesce un possibile aiuto nella cura artrite reumatoide

Malattia più controllata con consumi 1-2 porzioni a settimana