lafucina.it
Ambiente

Plastiglomerato, la nuova roccia formata dai rifiuti di plastica

E' stato scoperto da un team di scienziati

Pubblicato il 01/07/2014 da La Fucina

Plastiglomerato, la nuova roccia formata dai rifiuti di plastica


La geologa Patricia Corcoran, insieme ad un gruppo di scienziati della University of Western Ontario, ha scoperto un nuovo tipo di materiale, che è stato nominato "Plastiglomerato". Dal nome si possono facilmente intuire gli elementi di cui è formato questo nuovo materiale: la plastica. Lo riporta Rinnovabili.it:"La plastica potrebbe rimanere con noi per molto più tempo di quanto avessimo mai pensato. Anzi un giorno potrebbe addirittura costituire un marcatore geologico dell’impatto dell’umanità sul pianeta Terra. Oltre a riempire le nostre discariche e ad inquinare i nostri mari, al punto da essere inglobata nel ghiaccio artico, i rifiuti di plastica, infatti, stanno letteralmente creando nuove rocce. A farne l’eccezionale quanto preoccupante scoperta, è stato un team di scienziati della University of Western Ontario, guidato dalla geologa Patricia Corcoran e da Charles Moore, capitano della nave da ricerca oceanografica Alguita; durante le sue ricerche, il gruppo ha rinvenuto lo strano materiale in ben 27 siti differenti sulla spiaggia hawaiana di Kamilo."Ci sono due tipi di plastiglomerato: "Il Plastiglomerato, così è stata battezzata la roccia, è un agglomerato di rifiuti di plastica fusi, mescolati a sedimenti, frammenti di lava vulcanica e detriti organici. In realtà le ricerche della University of Western Ontario hanno portato alla scoperta di due tipologie di Plastiglomerati: in situ e clastica. La varietà in situ è più rara, spiegano i ricercatori, e si forma quando “la plastica si scioglie sulla roccia e viene incorporato nello strato superficiale”. Al contrario nei plastiglomerati clastici si formano vere e proprio strutture rocciose che inglobano conchiglie, coralli, basalto, detriti legnosi e sabbia, incollati insieme dalla plastica fusa."Il materiale potrebbe formarsi ovunque ci sia una fonte di calore, ma per il momento è stato trovato solo in una spiaggia:"Finora il materiale è stato rinvenuto unicamente nella spiaggia Kamilo, – una delle più inquinate al mondo – ma gli scienziati sospettano che possa essere rinvenuto anche in altre località. Ovunque ci sia una fonte di calore, come anche nel caso degli incendi boschivi o le colate di lava, e “abbondanti detriti di plastica”, spiega Corcoran, “si possono potenzialmente formare dei plastiglomerati”."





La Fucina in tempo reale? Su Telegram unisciti a noi QUI


  • Segui La Fucina:





NOTIZIE + RECENTI

Torna la paura peste nera: ​nuovo focolaio in Arizona

In Arizona trovate pulci infette con la peste nera, la malattia che nel XIV secolo falcidiò il 60% della popolazione europea

Chi usa le sigarette elettroniche ha più probabilità di iniziare a fumare quelle tradizionali

Analisi condotta su quasi 3mila adolescenti britannici e pubblicata ieri su Tobacco Control

Uova contaminate: analisi su campioni di uova, carne di pollame e ovo-prodotti

Zooprofilattico Abruzzo eseguirà le analisi

Tutti i benefici del fico

Il fico è un frutto autunnale ricco di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

El Pais, mojitos in spiaggia sono un ‘nido batteri’

Analizzate bevande e panini di venditori ambulanti in Spagna

Malattie croniche ai polmoni, salgono i morti nel mondo

Per fumo e smog registrati 3,2 milioni di decessi nel 2015

Uova contaminate, Ue: “15 Paesi coinvolti, anche l’Italia”

L'Italia figura tra i 15 Paesi ad aver ricevuto uova dalle aziende coinvolte nello scandalo delle uova al Fipronil

Isolato nell’intestino un batterio che ‘cura’ la sclerosi multipla

Verso nuova era della medicina con i 'farma-microbi'

Sos caldo in farmacia: boom integratori e controllo pressione

Gli italiani cercano aiuto in farmacia contro i disagi da caldo

Matcha, il tè verde ricco di antiossidanti

Un articolo apparso su Food Research International ha concluso che potrebbe migliorare anche l'attenzione e la memoria

Scoperta una nuova mutazione genetica che causa l’infertilità maschile

Previene la formazione delle cellule che servono per la produzione dello sperma

Basta poco alcol al giorno per aumentare il rischio di tumori della pelle

Non riguarda il melanoma, l'ipotesi e' che l'etanolo possa impedire la riparazione del Dna

Lo yoga ha effetti positivi sulla depressione

Lo sostengono diversi studi presentati lo scorso 3 agosto a Washington

L’allattamento riduce il rischio di tumore al seno nelle mamme

Ogni cinque mesi in più il rischio è inferiore del 2%

Penny Market richiama lotto di Acqua Monteverde minerale naturale

Possibile presenza di corpi estranei, in particolare di pulviscolo e particelle di natura inorganica inerte